Con Riley Dopo Ben (Seattle Stories #1)

I still haven’t read #23

null  Un anno dopo la morte improvvisa di Ben, suo compagno da quindici anni, Theo Anderson è ancora in lutto. L’ultima cosa che cerca è un nuovo amante. Ma, come Theo scoprirà ben presto, a volte la vita ha altri piani.
Theo prova una forte attrazione fisica per Peter, un uomo che ha incontrato in palestra, ma è Morgan, il suo nuovo amico online, che gli fornisce la sfida intellettuale che lo riporterà alla vita. Morgan è brillante, audace e irriverente, e Theo è pronto a fare il grande passo… fino a quando non scopre che Morgan potrebbe avere la metà dei suoi anni.
L’ultimo compagno di Theo aveva qualche anno in più di lui – abbastanza da creare tensioni nel rapporto tra Theo e la sua famiglia – e la possibilità che un altro rapporto sia stroncato troppo presto lascia Theo paralizzato dalla paura. Ha bisogno di trovare pace al ricordo di Ben, riconciliarsi con la sua famiglia e ritrovare gli amici trascurati se vuole ricominciare la vita con un nuovo amante. Ma Theo non è l’unico ad avere un passato.
La sfida più grande da affrontare, nella vita dopo Ben, potrebbe non essere la sua.

Esattamente non so ne da dove, ne come cominciare. Le uniche parole che mi vengono in mente per descrivere questa storia sono: malinconico, dolce, doloroso, amicizia, tenerezza, lacrime, spruzzi di speranza, sorrisi, rinascita!

Theo, con tutto il suo carico di dolorosa solitudine (ancora ho impressa l’immagine di lui che suona il campanello di casa sua aspettando che Ben gli venga incontro, per poi rendersi conto che Ben non arriverà mai più….e mi viene il nodo alla gola!), con la sua bontà d’animo, con il suo lento ritorno alla vita,il suo corpo che gli dice “si sono pronto” – grazie a Peter e alla sua dolce pazienza, alla sua onestà alla sua mano tesa – e la sua mente ancora chiusa nel dolore del lutto – è stato un percorso doloroso e dolce anche per me, è stato bello “conoscere” Ben, anche se solo attraverso i ricordi di Theo, so che lo avrei amato anche io!

Poi è arrivato Morgan, con il suo carattere irriverente, onesto e leale, sincero e generoso, sempre pronto a dare battaglia, a far sentire la sua voce… Un rapporto solo virtuale ma che serve per risvegliare completamente Theo.

(Ammetto di essermi persa qualcosa perchè ero impegnata a fare ipotesi su chi potesse essere effettivamente Morgan, cosa sbagliatissima!)

E’ una storia di rinascita e speranza, anche di rimpianti “perdono” di Theo nei confronti dei suoi genitori che mai hanno veramente accettato Ben. E’ un percorso nel quale Theo imparando dal passato affronterà le cose diversamente nel futuro.

I personaggi che apparentemente sono solo secondari come, per esempio, Evan e Joel, per il quale ho fangirlato sin dall’inizio con gli occhi a cuore, oppure Maggie la sua assistente, oppure Marco il fratello di Ben del quale sono INNAMORATISSIMA (2) reaction: twinkling eyes | Tumblrsi riveleranno di grande importanza nel cammino di Theo!

Per il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare: tessera!

I still haven’t read #32

Ciao ciao a tutti, buon sabato

Finalmente posso prendermi due minuti per sedermi con calma al pc, la primissima cosa che ho fatto??? Andare a segnare come letto, dopo 202 giorni (ho fatto il calcolo con la calcolatrice), #Shift :

(3) Tumblr (1) Tumblr

Sono commossa, emozionata e mi sto godendo un meraviglioso senso di libertà! Il finale del libro invoglia di sicuro a leggerne il seguito, Dust, ed infatti l’ho già marcato “da leggere”…. Ma non a breve di sicuro!

Ora contando che cena è già quasi pronta, che fra un pò devo prepararmi ed uscire, che sto facendo la brava bevendo la mia tisana al finocchio (blèèèèèèè…. ma onestamente mi aspettavo peggio),direi che viene il momento di passare al vero motivo del post ossia lo

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

E il libro di questa volta è:

17675948Graeme Simsion – L’amore è un difetto meraviglioso

Don è un professore di genetica all’Università di Melbourne e di recente ha fatto una scoperta incredibile: gli uomini sposati sono mediamente più felici di quelli single. E vivono più a lungo! Per questo ha deciso, da scienziato qual è, di trasformare un problema – il fatto che non ha una compagna e non gli è mai riuscito di trovarne una – in un progetto: il Progetto Moglie. È semplice: basta un questionario di sole sedici pagine per escludere tutte le candidate sbagliate e trovare, finalmente, la donna perfetta per lui, una che risponda a criteri rigorosi: non deve fumare né bere, e non deve mai arrivare in ritardo o in anticipo.
Grazie al Progetto Moglie Don scoprirà che la lunghezza dei lobi delle orecchie non è un indicatore affidabile dell’attrazione sessuale. Che c’è una ragione per cui non ha avuto mai un secondo appuntamento con una donna. Che una giacca sportiva in color giallo catarifrangente, benché si chiami «giacca», non è indicata per entrare in un ristorante elegante. E scoprirà che nonostante un approccio estremamente scientifico al problema, non è così che si trova l’amore. Perché è l’amore a trovarti.

Aggiunto fra le cose da leggere per esigenze di “rubrica in collaborazione” sia io che la mia ex compagna di viaggio @AiralsBooks ce ne siamo beatamente dimenticate ….. Sinceramente non so quando mi deciderò a leggerlo. Vi propongo lo stesso un teaser a caso da una pagina a caso:

Mentre uscivo dal taxi, lei mi guardò per un istante, poi si voltò e andò verso la porta d’ingresso. Io trassi un profondo respiro e la seguii. Lei entrò e si guardò attorno. Poi mi guardò, e stavolta con maggiore attenzione. Mi avvicinai quanto bastava per rivolgerle la parola, stando attento a non invadere il suo spazio personale. La guardai negli occhi. Contai fino a due. Poi abbassai un po’ lo sguardo, ma soltanto di poco.

«Saluti» dissi. «Io sono Don.»

Bene per ora è tutto, buona giornata/buone letture/buon tutto quello che vi pare …

Noi ci si legge :*

I still haven’t read #31

Ciao Ciao a tutti! (E’ ora di cambiare il “ciao bimbi e ciao bimbe” che m’ha un minimo stufato)

Metà della cena è pronta, l’altra metà la preparerò dopo aver scritto il post (so che vi interessano sempre i miei piani casalinghi ^_^), mi rimangono gli ultimi venti minuti da visionare del Pilot preair “Wayward Pines”, segnalato ieri dalla mia dolce Cara, e ancora mica l’ho capito se mi sta piacendo, di sicuro m’intriga abbastanza al momento. Ehhhh lo so che ho millemila tf da recuperare e sono pessima lo so non lo sapessi ma…lo so! –.-)
Ultima comunicazione di servizio “patata ho messo in DL Pomi d’ottone e manici di scopa! Procede con la lentezza di un bradipo ma tanto che fretta c’è? “

Finito? Abbiamo altro da aggiungere che non c’entra nulla con i libri? Umh no mi pare tutto, possiamo procedere oltre 🙂

Nuovo appuntamento con

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Ed il libro che voglio ricordarmi/segnalarvi questa settimana è…..

21836745Abbi Glines (Rosemary Beach #1) Irraggiungibile

Rush Finlay ha ventiquattro anni, è sexy e arrogante, e nessuno riesce a dirgli di no. Blaire Wynn ha solo diciannove anni, è splendida, innocente e off limits: è figlia del nuovo patrigno di Rush. Quando Blaire, alla morte della madre, lascia la sua fattoria in Alabama e si trasferisce in Florida dal padre che non vede ormai da anni, trova ad attenderla solo Rush, il fratellastro fascinoso e inaffidabile, con cui dovrà trascorrere l’estate. Blaire non è preparata a quel mondo pieno di lusso e tentazioni, e soprattutto a quella potente attrazione, impossibile da contenere, che la trascina verso Rush… Perché la felicità sembra sempre così irraggiungibile?

Ho conosciuto Abbi Glines grazie ai consigli [email protected], e QUI potete leggere i miei deliri su questa autrice. Per costei ho anche fatto lo sforzo di leggere in inglese, e meno male perchè ad aspettare che portino in Italia la serie Sea Breeze faccio in tempo a morire vecchia/triste e sola. Letture disimpegnate e ricche di buoni sentimenti e molta dolcezza che sono pane per il mio cuore sempre affamato d’aMMMMMore!

Immaginatevi la mia contentezza a leggere e prendere nota di questa uscita in italiano, a prendere il libro e poi …. abbandonarlo a fare ragnatele nei meandri del mio pc.

Come dicevo all’inizio del post sono pessima… Pessima! Spero di riuscirne a fare lettura prima dell’estate, certo tra un M/M e l’altro… perchè da sto tunnel non ne uscirò mai mai più mi sa 😀

*infila una posa alla Lilly Gruber anni 90* Grazie grazie della cortese attenzione, è sempre un piacere… Ci si legge amici

I still haven’t read #30

Ciao bimbi e ciao bimbe, buon tutto quello che vi pare 🙂

Archiviato tutto il cioccolato delle uova di pasqua, fatto i conti con la solita sorpresa babbea *macchecavolo possibile solo a me? Tutti quelli con cui mi sono consultatat sorprese figherrime

Ma comunque ….. Eccomi qua con il nuovo post

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Oggi ho realizzato che questo appuntamento in realtà mi fa malissimo, perchè per un libro che presento (rimasto in attesa nei meandri delle mie listesenzafine) altri dieci almeno me ne appunto ….Ma cose da nulla, bazzecole insomma 🙂

Il libro della settimana è un’uscita recente in realtà, annotata sulla fiducia:

25181897

Orlando Mila  Chiedimi se ti amo ancora

Può l’errore di una notte cancellare l’amore di una vita?
Alla soglia dei trent’anni, ad Alice crolla il mondo addosso. La storia d’amore su cui aveva imperniato la sua vita non c’è più, e lei deve ricominciare tutto da capo. Trova il coraggio di lasciare il lavoro che non la soddisfa e di concentrarsi su una nuova avventura, la scrittura. E in viaggio da Napoli a Milano, verso un orizzonte diverso e con nuovi compagni con cui costruire il futuro, Alice ripercorre i mesi in cui la sua vita è cambiata: l’incontro con Gabriele, l’innamoramento, una convivenza iniziata forse troppo presto, e poi la notte in cui tutto è finito.
È possibile cancellare un amore che sembrava per sempre? E ritrovare la fiducia per amare di nuovo? Dall’autrice di “Quando l’amore chiama”, un romanzo intenso e delicato, che commuove e coinvolge.

Come dicevo è un appunto che mi sono presa sulla fiducia poichè ho già letto in precedenza questa autrice (QUI) e mi era piaciuta! con questo spero in una riconferma ….

Ok quello che dovevo dire l’ho detto, cioccolato pasquale finito (per fortuna mia anche se mi dispiace)…. Torno ad appollaiarmi sul divano con il libro della serata

Noi ci si legge amici :*

I still haven’t read #29

Ciao bimbi e ciao bimbe, Buon giovedì, buon dopo merenda, buna preparazione della cena …. ‘nZomma come al solito buon tutto quello che vi pare. Dalle parti mie tira una brutta aria, e non fate quelle facce alla “si ma a me chemmifrega” perchè non è carino e coccoloso e finisce che poi vi devo scatenare contro i pinguini di Madagascar

the penguins of madagascar  | via Tumblr

Va bene va bene la smetto di sproloquiare, peccato per voi però perchè mi dicono che ho un gran talento nello spandere per l’aire colossali quantità di cretinate e … Si d’accordo, ho capito, la smetto la smetto 😀

Ordunque, come si evince dal titolo il vero motivo del post ovviamente è chist ccà

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Adesso entro in modalità seria, al momento sono impegnata a leggere un’anteprima al quale tengo molto e del quale saprete di più fra qualche giorno, la devo finire prima di raccontarvela mi pare logico , si tratta di un’ antologia di racconti.

Uno dei racconti che più mi sono piaciuti ho scoperto è legato ad un libro che ho in lista da mooooolto tempo, e grazie a ciò è salito prepotentemente alla mia attenzione e nella classifica del taccuino #loleggeròprestogiurochelofarò a costo di perdere qualche ora di sonno … tanto dormire a che serve? E’ solo uno spreco di tempo U_U (Buon dio quanto sono saggia, mi faccio paura da sola…. però almeno hanno un senso tutti sti capelli bianchi ….e rimetto il freno allo sproloquio!)

Il libro in questione è : Zahra Owens  Nuvole e Pioggia

25043090

Flynn Tomlinson ha girovagato per diversi anni, facendo ogni genere di lavoro quando aveva bisogno di soldi e spostandosi quando non ne aveva bisogno. È soddisfatto dal suo stile di vita, privo di legami, privo di responsabilità se non quella per sé stesso. Poi incappa in un annuncio all’ufficio delle poste e conosce Gable Sutton. Gable non potrà pagare Flynn fino a quando non avrà venduto i cavalli, ma un grave incidente l’ha reso incapace di lavorare al ranch da solo.
Lavorare con i cavalli è meglio che impilare scatole al supermercato, così Flynn accetta la proposta di Gable. Ciò che Flynn non aveva considerato era l’essere incantato da quell’uomo gentile e solitario che cattura il suo cuore e lo carica di un fardello incredibile: salvare il ranch di Gable.

Dal racconto che ho letto lo stile di quest’autrice mi piace molto, non la conoscevo. “Ma allora perchè questo libro era in lista?” chiede una voce in fondo al corridoio ….

Vabè per il momento è tutto, è stato un piacere.

Noi ci si legge :*

I still haven’t read #28

Ciao bimbi e ciao bimbe!
Oggi arrivo all’appuntamento

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

con un tot di tristezza, questo perchè scorrendo la lista alla ricerca del libro da presentare in questo post ho deciso di cancellare quelli che ormai è decisamente troppo tempo che stavano lì, nemmeno ricordavo di averne preso nota, ne il perchè e nemmeno il percome. Pensavo sarebbe stato più facile, invece sarà che stavo già sotto tono di mio, un leggerissimo senso di colpa mi pervade. C’è nell’aria come la sensazione di occasioni perdute!

Ovviamente, siccome mi conosco e sono pessima a livelli vergognosi, so già che tutto quello che ho fatto è un pò di spazio per nuove annotazioni e nuovi titoli dei quali la maggioranza starà lì a fare ragnatele (-.-), come dicevo Pessima Me, ecco!

Il libro che voglio presentarvi in questo post è:

Beth Hoffman – La bottega dei sogni smarriti

23442225

Ogni mattina Theodora Overman apre i battenti del suo negozietto di antichità nel cuore di Charleston, una deliziosa bottega dove raccoglie oggetti appartenuti ad altri tempi e altre vite, tazzine di porcellana magari un po’ sbreccate, sedie impero con una gamba più corta delle altre e tanti altri pezzi parecchio unici. Oggetti bizzarri e buffi almeno quanto la colorata clientela che frequenta la sua bottega ma, soprattutto, oggetti che hanno bisogno di essere amati di nuovo, di essere coccolati e “aggiustati”. Proprio come il cuore di Teddi… Perché Teddi, da quando è venuta a Charleston lasciandosi la famiglia e il passato alle spalle, sa che, nella sua vita quasi compiuta, c’è un sogno non ancora realizzato, qualcosa che manca. Come le tazze di porcellana cui si è rotto un pezzetto, a Teddi manca un tassello: suo fratello Josh. Josh, il ragazzino che amava vivere e lasciarsi incantare da tutto, e che un giorno d’estate di molti anni prima è scomparso senza lasciare tracce. Così, quando le arriva la notizia improvvisa della morte di sua madre, Teddi decide che è il momento di tornare indietro, per poter finalmente abbandonarsi al futuro. Tornare a casa, rivedere i luoghi dove Josh è scomparso, e cercare di ritrovarlo. Riuscirà Teddi a rimettere insieme i pezzi della sua famiglia, e del suo cuore?

Bene per il momento è tutto, oggi non sono di chiacchiere e caffè… Più per tè, una punta di miele e fette biscottate (che tradotto in kikkasolese significa che ho un attacco acuto di asocialismo, e quindi preferisco chiudere le trasmissioni e tornare nel mio cantuccio a leggere)

Noi comunque ci si legge :*

Julie Kibler Tra la notte e il cuore

I still haven’t read #12 —-> Vergogna a me che c’ho messo così tanto tempo a spuntarlo dalla lista!

2015 Reading Challenge: 9  Un libro scritto da un autore donna 

tra la notte e il cuore

È mattina presto, e Miss Isabelle si ferma per un attimo sulla soglia di casa ad ammirare la luce dell’alba che colora di rosa i tetti della cittadina di Arlington, Texas. Come ogni lunedì sta aspettando Dorrie, la sua giovane parrucchiera, che per lei è diventata come una figlia. Da dieci anni è la sua cliente speciale, da dieci anni la sua richiesta è sempre la stessa: domare la sua vaporosa chioma in ordinati riccioli argentati. Ma non questo lunedì. Oggi Miss Isabelle sa che la sua vita fatta di piccoli riti e abitudini sta per essere rivoluzionata. Il passato è tornato a tormentarle l’anima e niente potrà più essere come prima.
Con tutta la forza d’animo che riesce a raccogliere dopo novant’anni di vita, Miss Isabelle presenta la sua richiesta d’aiuto a Dorrie. Ed è una richiesta sconvolgente.
Un viaggio. Un lunghissimo viaggio in macchina verso Cincinnati, dalla parte opposta degli Stati Uniti, e bisogna partire subito. Senza spiegazioni.
Dorrie esita, ma le basta uno sguardo negli occhi della vecchietta per capire che non può rifiutare.
Mentre l’orizzonte inghiotte l’asfalto e il rosso del tramonto si dissolve in un cielo buio senza stelle, Miss Isabelle stringe tra le mani un antico ditale d’argento e sente il proprio cuore riaccendersi, come una notte di settant’anni prima, nel 1939. La notte in cui, mentre l’odio e la violenza dilagavano come un’epidemia, due occhi gentili avevano illuminato l’oscurità come un fulmine. Due occhi scuri che facevano paura a tutti, ma non a lei, che nella loro carezza aveva trovato la forza e il coraggio di sfidare il mondo e le sue convenzioni. Ma tutto l’amore non è bastato e gli anni hanno intessuto un groviglio di segreti e silenzi che si è annidato nel profondo dell’anima e che ora deve essere districato.
E l’unico modo è percorrere gli ultimi chilometri che separano la notte dal suo cuore… E dalla verità.

Decisamente una storia intensa! Spietata! Sincera!

Un on the road, non solo da una parte all’altra delle strade d’America, ma anche nelle strade del cuore e dei ricordi, anche della coscienza!
Questa è una storia che racconta la forza e il coraggio delle donne: di sfidare l’ignoranza e la violenza tipiche del razzismo. La forza delle donne nel sapere amare come solo loro sono capaci.

Due percorsi di vita a confronto: quello della diciassettenne miss Isabelle – anziana donna che conserva intatta tutta la sua verve, e che non si priva di usarla all’occorrenza – negli anni quaranta, che s’innamora di un ragazzo di colore (un negro come allora si diceva con disprezzo). Che sfida tutto e vive il suo amore, con coraggio e troppa impulsività…. Che vince e poi perde tutto e molto di più. Che cade e poi si rialza, che per un attimo perde la speranza ma poi decide che deve ricominciare. Arriva poi il momento in cui la vita ti costringe a scegliere con dolorosa definitività e lei – anche perchè ignara delle bugie di una madre soffocante e che sembra troppo occupata a pensare a se stessa ed alla sua posizione, una madre vittima della sua stessa ignoranza che al contrario di sua figlia non è capace di “vedere” , per amare come si deve sua figlia – fa l’unica scelta che le sembra possibile … Perdendo per sempre!

La verità è che non posso parlarne senza fare troppo spoiler, e mi spiace perchè questo libro va letto e scoperto poco a poco, perchè è un viaggio anche per il lettore oltre che per i protagonisti!

Tramite il racconto di miss Isabelle, e i kilometri di strada e qualche definizione dei cruciverba che fanno durante il viaggio, è il viaggio di Dorrie nel suo presente/nella sua vita. I figli e le preoccupazioni che danno, il cuore e la paura di metterlo in gioco per le ferite di cui già è macchiato e per quelle che potrebbero macchiarlo di più… Il viaggio in una realtà, quella del razzismo, che non è più così a vista e apertamente libera ma è solo una sensazione sottilmente invisibile, un muro che c’è ma non si vede.

Una storia stupenda che racconta di dolore e crescita, che insegna, che fa riflettere, che fa sperare anche se si immagina già il finale, che sconvolge quando viene fuori la verità… Che guarisce – anche se le cicatrici resteranno – perchè alla fine chiudendo questa storia viene voglia di sentirsi una persona migliore!

Secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com il particolare da non dimenticare: un antico ditale d’argento!

Note a piè pagina: Vi rimando al sito http://www.tralanotteeilcuore.com/, e (vi consiglio di ascoltare la colonna sonora prima, durante e dopo) 

E poi durante la lettura del libro più volte mi è tornata in mente la puntata “Angelo Nero” (QUI lo streaming dell’episodio) del telefilm “Il tocco di un angelo” (e QUI ho scoperto lo stream di tutte le stagioni… Ottimo/Meravigliosissimo perchè m’è venuta VOGLIA di una full immersion!) che nulla ha in comunque con il libro a parte il tema del razzismo!

I still haven’t read #27

Ciao bimbi e ciao bimbe, Buon lunedì, buon pomeriggio, buona merenda… Insomma buon tutto quello che vi passa per la testa! 🙂

Mentre nel mondo libroso accadono cose molto interessanti come il Circus Read Along che comincia oggi, libro che mi è stato molto raccomandato dalle mie compagne di merende librose, che ho in programma di leggere, ma… Che al momento non è nelle mie corde da leggere. Se mai vi venisse voglia di cercarmi mi troverete comodamente appollaiata, con tanto di merendine

a portata di mano 🙂 , nel tunnel degli M/M e di schiodarmi non c’ho voglia – è questo il motivo per il quale ho saltato anche il bellissimo RA de il Messaggero –.- … Sono una bruttissima persona! – Il RA però ve lo consiglio caldamente perchè Please Another Book è una GARANZIA!

Oppure il mio continuo prendere nota di nuove uscite sui libri che desidero leggere, le mie ultime aggiunte sono state Leisa Rayven – Cancella il giorno che mi hai incontrato, del quale al momento seguo le chiacchiere delle mie amichette librose, e Zoe Sugg Girl Online (Italian Edition) ….E ovviamente non finirà qui!  Ho tanto tanto altro di cui ciarlare, e fra un pò è pure l’ora del tè e questo ci si sa (cit.) favorisce le chiacchiere …. Maaaaaaa non sono qui a favorire l’acquisto di Moment per lenire il mal di testa, quindi passo al vero motivo del post:

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

La lettura di questa volta fa parte della lista recente e posso piazzarla nella Reading Challenge 2015 : 44 Un libro che era originariamente scritto in una lingua diversa e trattasi di…..

24466108

Il primo bacio a Parigi (Anna and the French Kiss #1)  Stephanie Perkins

Non c’è nulla che Anna aspetti più dell’ultimo anno al liceo. E’ sicura che ogni singolo momento insieme alla sua migliore amica e al ragazzo per cui ha una cotta colossale sarà indimenticabile. Ma le cose non vanno affatto come sperato perché i genitori di Anna decidono di spedirla per un anno intero in collegio a Parigi. Anna è disperata … almeno fino al giorno in cui incontra Etienne St.Clair. Divertente, sensibile, affascinante, St. Clair sembra proprio il ragazzo perfetto. C’è solo un piccolo problema: lui è fidanzato. Ma- si sa – Parigi è la città più romantica del mondo, e tra una passeggiata sulle rive della Senna e un appuntamento al chiaro di luna, tutto può succedere ….

Posso dire che conto di leggerlo entro … e non oltre il. Posso dire che l’ho aggiunto alla lista perchè mi fido delle mie amiche spacciatrici di letture belle ne parlano benissimo. Posso dire che il mese di Marzo è appena all’inizio ed io mi sento fiduciosa … Ma invece di perdere tempo e continuare a cianciare, vado a prepararmi la mia tazza di tè ed a finire la novella (in inglese #mebravinainaina …C’è questa sorta di buon proposito di riprendere in mano una certa rubrica e un certo impegno … c’è!)

E poi …e poi …

Ciao amici, ci si legge :*

I still haven’t read #26

Ciao bimbi, ciao bimbe … buon lunedì!

No non sono bella pimpante, e non sprizzo pura energia da tutti pori, e non ho trovato la cura dimagrante veramente magica e … Mentre ho intenzione di riprendere in mano un libro abbandonato sul comodino (tale Shift) per leggerlo fino alla fine (come recita solennemente la Reading Challenge 2015 – che vi ricordo potete seguire anche QUI – al punto 50 un libro iniziato e mai finito), in compagnia della mia dolcedolce Pulcina https://dituttocuore.wordpress.com/ , e ne ho appena iniziato uno in compagnia della mia Gigia @veroluc84  , che furbescamente collocherò in qualche punto della Challenge 😉 …ma no non vi dico dove/come/quando ecc ecc , son qui a raccontarvi un altro appuntamento di ….

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Il libro di questa volta non è stato così difficile da scegliere, nel senso che non ho avuto l’imbarazzo della scelta… Ho semplicemente letto nella Reading Challenge: 20. un libro in fondo alla lista e dopo una breve occhiata alle mie note….

Hotel Iris di Yoko Ogawa

14745373

Hotel Iris. Come ogni sera Mari è seduta dietro al banco della reception in attesa che gli ospiti si ritirino nelle stanze. Ma una violenta lite rompe il silenzio della modesta pensione sul mare. Una donna, probabilmente una prostituta, impreca contro l’uomo che è con lei. Lui, distinto e imperturbabile, la mette a tacere con voce calma e assertiva. Proprio quella voce strega Mari, che, dopo un incontro casuale, decide di seguire l’uomo nel labirinto di un’iniziazione sessuale che segnerà la sua definitiva perdita dell’innocenza.

Un inquietante romanzo di de-formazione dove lo stile essenziale e chirurgico di Yoko Ogawa nasconde l’insopportabile deflagrare di un amore senza limiti.

Ha reclamato a gran voce la mia attenzione!

Ora sul serio a rileggere la trama, a guardare la copertina nemmeno mi ricordo cosa mi ha spinto ad annotarlo. Quindi o lo leggo ora con la scusa della Challenge oppure finisce che lo depenno.
Invece qual’è il vostro libro in fondo alla lista? se vi fa piacere fatemelo sapere…. magari prendo nota e lo aggiungo alla mia 🙂
Bene anche per quest’edizione è tutto, noi ci si aggiorna quanto prima, come sempre è stato un piacere e …

Ci si legge :*

I still haven’t read #25

Ciao bimbi e ciao bimbe, un buon tutto quello che fa piacere a voi!

So che sembro silenziosa e latitante, non lo sono. Cioè sono poco comunicativa forse, ma sapete è la vita che accade e  ci sono giorni che andrebbero dormiti e …. Non è questa la sede delle lamentele! Sono rimasta comunque qua in poltrona comodamente “accoffolata” a leggere, vi racconterò poi ….
Ora invece metto di lato le mie stupidezze per un nuovo appuntamento con “i libri che ancora non ho letto …”

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Credo di aver già detto, in tal caso lo ripeterò lo stesso quindi pace e bene, che quest’anno non farò (a meno che non ci ripensi… tutto può essere) la sfida Challenge su GR. Invece ho già detto pure questo, e lo ripeto quindi …datemi una botta in testa se mi s’incanta il disco, voglio provare 2015 Reading Challenge (del quale QUI trovate un bel gruppo di sostegno con consigli e chiacchiere librose).
Tutta la manfrina di cui sopra per il libro che posterò a questo giro. Esso è nella mia personale lista su questa sfida, ed è anche una RIlettura che desideravo fare da tanto tempo. Sto parlando del primo punto di codesta lista: un libro con più di 500 pagine ,questo che ho scelto ne ha ben 656 e trattasi di …..

3399944

Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley

Vi fu un’epoca in cui le porte tra i mondi fluttuavano con le nebbie e si aprivano al volere del viaggiatore. Di là dal regno del reale si schiudevano allora luoghi segreti e incantati, siti arcani che sfuggivano alle leggi di Natura e si sottraevano al dominio del Tempo, territori favolosi dove le più strane e ammalianti creature parlavano lingue oggi sconosciute, avevano gesti, modi e riti oggi indecifrabili; dove nessuna cosa era identica a se stessa, ma poteva mutarsi ogni istante in un’altra. Con l’andar del tempo, però, “reale” e “immaginario” entrarono in netto contrasto. Allora come oggi, furono le donne a fare da mediatrici. Morgana, Igraine, Viviana conoscevano il modo per far schiudere le nebbie e penetrare nel magico regno di Avalon…

Non vedo l’ora di immergermi nuovamente in questo mondo di credenze/magie/superstizioni …. Un mondo che ho amato a prima lettura,che ho letto – anzi è più giusto dire divorato – in poche notti. Ahhhhhh me lo ricordo bene ero cosi CCCiovane….

Un giorno incontrerò il Genio della lampada e no non chiederò ricchi premi e cotillon, beh forse magari giusto un desiderio piccolo piccolo e fottutamente venale, no io gli chiederò di fare una passeggiata nel tempo per poter vedere con i miei occhi Re Artù e Lancillotto e i cavalieri della tavola rotonda, per fare due chiacchiere con Morgana e ….

…. E quindi, nell’attesa di quel momento, per ora mi ritiro nel mio piccolo regno. La camomilla c’è, il libro anche…

Noi ci si legge