N.R. Walker A chiare linee (Thomas Elkin #2)

41707069Quando alcune linee perdono nitidezza, altre diventano cristalline. 

Innamorati persi l’uno dell’altro, Thomas Elkin e Cooper Jones decidono finalmente di dare una possibilità alla loro relazione. 
Quello a cui non sono preparati, però, è il dover far fronte alla reazione delle loro famiglie, che invece vogliono si separino. Entrambi impareranno presto quali siano le linee guida che ci definiscono. E che, a volte, se alcuni contorni appaiono sfumati, altre linee diventano improvvisamente chiarissime. 

Secondo capitolo dellaStoria Elkin&Cooper,l’amore prosegue e si rafforza!
Gli ingredienti sono: porcellosità (si narra che Cooper sia insaziabile 😎),la quotidianità (la coppia che si vive con gli impegni lavorativi/occasionali uscite serali/un concerto per giovani 😂….)
e il coming out alle rispettive famiglie, che si capisce che non reagiscono bene per niente. Il pregiudizio del Tom ha 44 anni e Cooper 22, siamo sicuri che Tom non è altro che un vecchio porco?
Ma la coppia forte del proprio vero amore tiene botta e va avanti.

La mia scena preferita, che di conseguenza diventa anche  Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire), è quando Tom ha disperatamente bisogno di Cooper – Cooper arriva (chiamato precedentemente dal figlio di Tom) – e si abbracciano forte mentre Tom scoppia a piangere

Tilar J. Mazzeo La ragazza dei fiori di vetro

33982743Erano ormai migliaia i nomi scritti su sottili cartine da sigaretta. Una lista di oltre 2.000 nomi di bambini ebrei con accanto le identità false che li avrebbero salvati. Da quando i nazisti avevano creato il ghetto di Varsavia, Irena aveva convinto i loro genitori ad affidarglieli per nasconderli presso famiglie cattoliche o conventi in tutta la città e la campagna. A guerra finita l’archivio, come lo chiamava lei, sarebbe servito a restituire ai bambini la loro identità. Pochissime persone erano al corrente dell’esistenza di quelle liste, erano informazioni troppo pericolose da condividere.
Il giorno in cui viene prelevata e condotta al quartier generale della Gestapo di Varsavia, Irena è terrorizzata. Nell’autunno del 1943, nella Polonia occupata dai nazisti, e forse in tutta Europa, non esisteva un posto più spaventoso di quello. Tutti sapevano cosa succedeva là dentro, e lei pregava di farcela a reggere alla tortura, di non tradire nessuno. Molte vite dipendevano da lei. I suoi compagni della rete clandestina, il suo amato Adam, anch’egli nella resistenza, tutti i polacchi che offrivano il loro aiuto. E soprattutto i bambini. Solo lei poteva decifrare quegli elenchi e se le fosse successo qualcosa, tutto sarebbe andato perduto. 
Mentre l’auto si avvicinava alla sua lugubre destinazione, Irena pensava che doveva farcela, l’aveva promesso a quei genitori che erano saliti sui treni per Treblinka con l’unico sollievo di aver messo in salvo i loro figli. Ancora non sapeva che solo quell’esercito di bambini indifesi e nascosti poteva salvarla.

Storie come questa servono prima di tutto alla coscienza: perchè sono esistite, ed ancora oggi esistono, anime coraggiose e forti che in tempi orrendamente bui sono luce e speranza. Questa non è solo la storia di Irena che ha rischiato la sua vita per salvare bambini ebrei dal ghetto, è anche la storia di quelli che hanno fatto parte della sua rete e l’hanno aiutata. È la storia di quella vicina di casa che prestò del sapone ad Irena (aveva visto che in quella casa erano entrati bambini ebrei); o di quell’autista del tram che senza dire niente ha prestato soccorso ad una cellula di Irena per proteggere un bambino…..

Di quel periodo a Varsavia una scena mi ha profondamente colpito più delle altre: quando durante l’insurrezione del ghetto di Varsavia gli ebrei riuscirono ad esporre lo striscione “aiutaci fratello stiamo combattendo anche per te”, in risposta ottennero solo silenzio …..
I polacchi di Varsavia che a loro volta poi diventarono vittime perchè i tedeschi avevano deciso di cancellare Varsavia.
Il buio totale, però come scrivo sopra ci sono stato tante piccole luci, Irena in primis.

A leggerla la crudeltà di quel periodo mi si spezza il cuore (il dottore che non abbandona i suoi bambini sul treno per Treblinka….. Ancora mi salgano e lacrime)
Ogni volta poi che leggo questo tipo di storie, storie vere e realmente accadute, inevitabilmente mi ritrovo sempre a chiedermi: “ma io sarei capace di essere così forte? Di essere una luce in mezzo al buio? Di rischiare?”
Mi piace pensare che si lo sarei, ma sono cosciente che invece molto probabilmente no.

Altra cosa che mi ha colpito di quel periodo è che mi sembra così attuale. Allora gli antisemiti giravano le strade a caccia dell’ebreo da picchiare e vessare, oggi c’è chi si affaccia dal balcone e spara a caso sui neri…
Questo scatena tutta una serie di riflessioni e domande nella mia testa, quella più importante è: possibile che siamo così ciechi da non vedere il ripetersi della storia? (cambiano i nomi e i tempi sono a colori invece che in bianco e nero, ma la zuppa quella è ….)
Mi sarebbe piaciuto conoscere Irena di quel periodo, una dona così forte e coraggiosa fino all’incoscienza, mi sarebbe piaciuto toccare con mano le sue imperfezioni, sono sicurissima che l’avrei amata moltissimo.
Ho pensato di raccontare questo libro in una foto, ed ovviamente la prima idea che ho avuto è stata quella di andare a comprare cartine di sigarette. Però anche un camice da dottore:

Nachum Remba ……. Accompagnato da Ala, in veste di capo infermiera, si presentò ai soldati spacciandosi per il responsabile medico del ghetto.

Non era vero ma così facendo salvarono moltissime vite.
Assolutamente da leggere, e non solo per non dimenticare….

245 di 365

….E quindi potrei dire finalmente Settembre, e invece di aspettare l’anno nuovo ricominciare da qui. Come quando (fuori piove… no ora veramente no) da ragazzina settembre significava fine delle vacanze, la scuola ricomincia (di quel periodo mi è sempre piaciuto un mondo sfogliare l’antologia nuova e il diario scolastico). In questo particolare momento della mia vita vorrei che significasse cambiamento/esplosione di creatività/un nuovo modo di vivere questa mia stanza/riprendere in pieno la mia attività librosa&company. Il punto della situazione al momento è:

Lunedì mattina vado in biblioteca, al 99% per consegnarlo e lasciarlo come lettura interrotta. Leggerlo non mi dispiace, l’atmosfera è da divano e plaid e tazze di te con biscotti (io però non ci sto con la testa in questo mood). Forse scelgo di rinnovare il permesso e non arrendermi ….

Invece ieri notte ho iniziato:

la premessa, dopo aver letto prefazione e prologo,è che ci lascerò il cuore. (Lettura che mi faròinsieme alla mamma, se si decide ad iniziarlo).

Infine ho richiesto l’anteprima:

Data di pubblicazione: 12 Settembre
COLLANA: RAINBOW
Titolo italiano: A chiare linee
Titolo originale: Clarity of Lines
Serie: Thomas Elkin #2
Autore: N. R. Walker
Traduttrice: Grazia di Salvo
ISBN EBOOK: 978-88-9312-431-7
Lunghezza: 134 pagine
Genere: Contemporaneo
Trama:
Quando alcune linee perdono nitidezza, altre diventano cristalline.
Innamorati persi l’uno dell’altro, Thomas Elkin e Cooper Jones decidono finalmente di dare una possibilità alla loro relazione.
Quello a cui non sono preparati, però, è il dover far fronte alla reazione delle loro famiglie, che invece vogliono si separino. Entrambi impareranno presto quali siano le linee guida che ci definiscono. E che, a volte, se alcuni contorni appaiono sfumati, altre linee diventano improvvisamente chiarissime.
Prezzo Ebook: € 3,99

…. E quindi ciao Settembre, sii gentile per favore

L.A. Witt Statico

41258567Durante i due anni passati insieme, Alex ha sempre temuto il momento in cui Damon avrebbe scoperto la verità, ovvero che lei è un mutagenere, quella piccola percentuale della popolazione in grado di cambiare sesso a piacere. Grazie a un impianto che le è stato messo contro la sua volontà, però, Alex si risveglia improvvisamente statico, ovvero non riesce più a cambiare da un genere all’altro, e bloccato nella sua forma maschile. Nel giro di una notte, la sua doppia natura viene rivelata a un mondo che non capisce né tollera quelli come lui… e al suo fidanzato eterosessuale.
Damon rimane sbalordito nello scoprire che la sua ragazza è un mutagenere e si spaventa a morte per i notevoli rischi a cui la espone l’impianto che le è stato imposto. Si rifiuta di abbandonarla, ma che ne sarà della loro relazione? Lui è etero e Alex è intrappolata nella sua forma maschile, perché rimuovere l’impianto è troppo costoso e pericoloso.
Derubato di metà della propria identità e costretto ad affrontare complesse conseguenze fisiche e sociali, Alex ha bisogno più che mai di Damon, ma non vede una via d’uscita da quella situazione.
Specialmente se sarà costretto a restare statico per sempre.

Di questa storia principalmente mi è piaciuto il fatto che fa riflettere:
– sul brutto difetto di incasellare tutto e tutti in celle prestabilite, e semmai qualcuno esce dalla gabbia viene malvisto
– Lo stupido fanatismo religioso, tenere in mano la bibbia e citare a memoria i suoi passi …. E poi invece di esercitare gli insegnamenti che ne vengono erigersi a giudici ed esecutori di condanna perchè altrimenti Dio ti manda all’inferno…. La strada per il paradiso è davvero lastricata di buone intenzioni.
– Ad Alex contro la sua volontà viene impiantato una roba che impedisce di cambiare genere, è stata dunque vittima di una terribile violenza…. Eppure agli occhi di molti invece di lamentarsi dovrebbe ringraziare i suoi carnefici. E perchè mai non dovrebbe accettare l’impianto e vivere una vita da statico e quindi essere normale come la società pretende?
Per un bel pezzo ho pensato alle donne violentate o stalkerate e vittime di ex che non si rassegnano, che “indossavi la minigonna! “eri ubriaco e allora che cacchio vai cercando?” “l’ha ammazzata ,ma è successo perchè la amava troppo…”
– Essere costretti al coming out; il dover aprire la mente e accettare che al di là del genere c’è la persona (con i suoi bisogni e i suoi desideri); che quando due si amano un modo lo trovano sempre (anche se inizialmente sembra che invece no), questo di Damon mi è piaciuto: che nonostante la difficoltà nel digerire e processare che la donna che ama sia mutagenere non la lascia , e che passo alla volta/difficoltà di comunicare strada facendo lascia prevalere tutto l’amore che conta davvero.
Mi piace, prima di chiudere, sottolineare che laddove il male fa chiasso e pare vittorioso (disgraziati coloro che hanno costretto Alex a vivere questo calvario) il bene striscia silenzioso e potente (le persone buone esistono e, lo ribadisco, l’amore vince)

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) una festa a sorpresa e un ballo 🙂 

231 di 365

a.  Comunque in realtà sono tornata 4 giorni fa, è solo che mi andava di tenere la serranda abbassata, tanto è metà agosto … Machevoifà ad agosto? *domanda retorica, e forse inutile, non rispondere.

b.  Sono arrivata al punto in cui D’Artagnan viene espulso dal corpo dei moschettieri.
Entrerò nel tunnel di
(solo perchè Iss O Pupaz mi ha detto “Devi!”)
(si però prima devo recuperare le puntate della nuova stagione di Free!)

c. Sul fronte letture:
Leggiucchio (sono ritornata nel tunnel di Ty&Zane, ne ho bisogno/la mia concentrazione è pari pari ad un criceto sulla ruota/nessuno mi può giudicare…/Ty&Zane vincono sempre ecc ecc). Ho in mezzo Una ragazza fuori modadi Louisa May Alcott (non mi sta dispiacendo anzi, ma non mi prende nemmeno così tanto)
E così forse sarai felice di Alessia Esse, bellissimo e toccante. Un viaggio nei sentimenti, alla ricerca della verità e della giustizia, una storia che racconta scelte di donne, di Augusto che cucina una pasta al tonno speciale perchè cucina nudo, l’amore vince sull’ignoranza e la codardia, l’amore vince anche sul periodo storico…. Una storia che sottolinea quanto Alessia sia maturata e cresciuta…. L’agnella come al solito non sbaglia mai un colpo, ed io la amo!

d. L’ultimo film che mi sono appuntata:

sono letteralmente innamorata del trailer non vedo l’ora di vederlo!
Invece l’ultimo film che ho visto (grazie al libro di Alessia Esse, vedi sopra, e credo anche per averne sentito parlare da Violetta Rocks)
…..Se non lo avete mai visto dovete assolutamente recuperare questa lacuna!

e. Estate 2018: gelatini (soprattutto alla cannella); da una puntata di Superquark imparo che esiste la Pulcinella di mare (è bellissima ed io me ne sono innamorata); ho cominciato a fare lunghe camminate (mi ossigeno il cervello e…. almeno i pensieri molesti li butto via col sudore)…..

Jules Verne Il giro del mondo in 80 giorni

Luglio: fra le voci della Book Challenge

La rocambolesca avventura di Phileas Fogg comincia comodamente nel salottino del suo club: il flemmatico nobile inglese scommette, inaspettatamente, che riuscirà a compiere il giro del mondo in ottanta giorni. In questo viaggio Phileas si fa accompagnare da Passepartout, pasticcione ma risoluto domestico francese assunto il giorno prima della partenza. Attraverso paesaggi da sogno, contrattempi imprevisti e incontri non sempre gradevoli, i due eroi riusciranno a portare a termine la loro missione all’ultimo secondo. Il giro del mondo in 80 giorni è un’avvincente metafora di quanto la tecnologia ha reso piccolo il mondo e messo in contatto popoli di ogni latitudine.

Di cui ho sempre conosciuto a sommi tratti la trama, e del quale ricordo il cartone animato (meravigliosamente riassunto da Stefano Piffer) che trasmettevano a bim bum bam!
Così sono andata alla biblioteca del paesello (accolta da “ohhh è tantissimo che non metti piedi qui, prima venivi molto spesso” …. Tutta colpa del digitale rispondo io) e ritiro una copia del libro.
Comincio a leggere la prima pagina, due volte e subito mi acchiappa lo sconforto e l’idea di mollare e non perdere tempo, meno male che non l’ho fatto!

La storia è nota: il signor Fogg che scommette sulla riuscita del mondo in 80 giorni (imprevisti qualsiasi tutto compreso).
E durante la sua avventura alle calcagna ha l’ispettore Fix che lo tallona credendolo il rapinatore della banca.
Di questo viaggio mi porterò dentro:
– il carattere imperturbabile di mister Fogg, ne l’acqua lo bagna e ne il vento l’asciuga. Per tutto il tempo mi sono chiesta “ma stu cristianu n’ave sangu ne vine?” (ma questo cristiano ne ha sangue nelle vene?). Poi però lo vedevo capace di piccoli immensi atti di coraggio e generosità (come quando ha deciso di salvare Adùa dal rogo, oppure quando si è gettato all’inseguimento dei sioux per salvare Passepartout). La sua stramba fissa per la precisione al millesimo di secondo.
– Passepartout che molte volte mi è sembrato il protagonista più del signor Fogg
– il cazzotto che Fogg da a Fix: dentro di me mi sono alzata e fatto standing ovation
– Il momento più bello, secondo me, quando una volta rientrato credendo di aver perso la scommessa, dopo che veramente aveva sfidato e vinto qualsiasi ostacolo, parla con Adùa e … “mi volete come amica e compagna… come moglie” e lui prima chiude gli occhi e poi una volta riaperti “Vi amo e sono vostro” …. I salti di gioia che ha fatto il mio cuoricino babbano 😍

Lisa Henry, J.A. Rock Tempesta (Playing the Fool #3)

40807700Qualcosa di sinistro sta per accadere.
L’agente dell’FBI Ryan “Mac”McGuinness e il truffatore Henry Page sono di nuovo in fuga. Questa volta sono diretti là dove tutto è cominciato: Altona, nell’Indiana. Popolazione: alcune capre. Henry non è affatto contento di doversi nascondere nella fattoria McGuinness, ma non ha altro posto dove andare.
Mentre Mac combatte per riabilitare il proprio nome e Henry cerca di decidere da che parte stare, un fantasma dal passato minaccia di distruggere ogni cosa. E non è neanche la sola tempesta all’orizzonte. Tagliati fuori sia dal lato buono che da quello cattivo della legge, Henry e Mac devono sopravvivere basandosi esclusivamente sul loro fragile rapporto. 
Se Henry riuscisse finalmente rivelare a Mac chi si nasconde dietro tutte le sue maschere, i nostri eroi potrebbero forse avere una possibilità di sconfiggere le forze che cospirano contro di loro. Il vero amore non ha mai vita facile, ma per loro due potrebbe essere davvero l’unica speranza di sopravvivere.

Secondo me l’intera serie è decisamente un ritmo smoth jazz (si l’ho in cuffia adesso, la ciotola di caramelle l’ho lasciata di la perchè ormai mi sono lavata i denti e quindi ….)

La storia riprende da dove si era interrotta: Mac&Harry sono in fuga, ritornano ad Altona, per tirarsi fuori dai casini. L’agente dell’ FBI si deve difendere da false accuse criminali, Harry lo accompagna per aiutarlo. In macchina con loro anche Viola (la sorella di Harry).

In quest’ultimo capitolo in un certo senso è solo Harry il protagonista secondo me. Con la sua paura dei temporali, con il suo eterno istinto a svicolare e scappare,il confronto che fa tra sua madre e i genitori di Mac, Mac che riesce a ricavarsi un posto nel suo cuore e quindi a fargli desiderare cose che lui con i suoi soffocanti sensi di colpa è convinto di non meritare per nulla. Devo dire che a questo proposito mi è molto piaciuta la strategia dell’agente:

Quando aveva otto anni, Mac aveva trovato un gatto randagio che era completamente selvatico. L’aveva chiuso nel vecchio fienile per tre giorni, con abbondanti scorte di cibo e acqua perché non si poteva addomesticare un animale spaventato e selvaggio. Dovevi aspettare che il panico passasse prima di provare a educarlo. Il processo era stato lungo e faticoso, soprattutto per un bambino della sua età. La sua prima lezione di pazienza.Era stato il miglior gatto che avesse mai avuto.Mac non era sicuro che la stessa strategia avrebbe funzionato con Henry, ma valeva la pena provare.

Nel frattempo genti corrotte, io che sospetto di genti che alla fine non si meritavano i miei sospetti, il punto di vista di Vi e la sua amicizia con Cory (la nipote di Mac),i genitori di Mac una scena toccante in cui Mac impedisce a Harry di usarlo come strumento per farsi del male (e questo non fa altro che dare un nuovo spessore al loro rapporto), il dispiacere per chi non ce l’ha fatta…….
In fine tutto è bene quel che finisce bene!

a) Neal Caffrey (truffatore) con Peter Burke (Agente FBI) White Collar 👉 Conferno la fantasia che mi ha fatto scegliere di leggere questa serie, soprattutto dopo aver letto il finale 😊
b) Quella dell’ URP che vuole fare la pellaccia a Mac nella mia testa è uguale a June Stahl (Sons of Anarchy)
c) la meravigliosa vita di coppia tutta racchiusa in: 

«Ehi, Mac! Ho risolto il problema uova! Una sola parola: galline!»

203 di 365

Fa talmente caldo che a respirare fuori brucia il naso. Mi sudano persino i pensieri ….Ho unacentomille cose da recuperare, comincio dalla nuova stagione di 

Free! Dive to the future

  • Haru che affetta la mano di Makoto e lo tira giù, e poi nuotano insieme (ahhh l’ammmmore 😍)
  • Haru che “uno come tanti… Io non diventerò mai uno come tanti” 👉Haru insegnaci la vita
  • La sigla, apertura e chiusura, merita un commento a parte 🦄
  • Makoto è sempre tanto 😍
Lui, fra i nuovi personaggi, è quello che terrò maggiormente d’occhio
Tipodicuinonricirdoilnome “… Haru sembrava così innocente” Haru “sono ancora innocente” 👉a) ribadisco Haru insegnaci la vita b) questo vuol dire che con Makoto ancora stanno fermi al petting 🤔 (a tal proposito vi riporto il pensiero, fresco fresco di wazzappata, di Iss O Pupaz: “Secondo me appena scopre le gggioie del sesso altro che pesci! Si attacca alla pinna di Makoto!” (c’è un motivo se la amo così tanto 😀

Kate Stewart Drive

40770827La musica… il più grande bibliotecario del cuore.
La durata media di una canzone è tre minuti e mezzo; quei tre minuti e mezzo potrebbero portare a un lento battito di ciglia, a uno sguardo sul passato o a catapultare l’anima in una nostalgia che fa a pezzi il cuore.
All’apice della mia carriera, avevo la vita che volevo, quella che avevo sempre immaginato. Avevo trovato il mio tempo, il mio ritmo. Poi ho ricevuto una telefonata che mi ha lasciato stonata.
Sapete, le mie canzoni preferite trovavano il modo di suonare in contemporanea. Ero innamorata dei ritmi di un uomo e delle parole di un altro. Ma quando si trattava della colonna sonora di una vita, come si poteva scegliere una canzone preferita? Quindi, per cancellare ogni dubbio, ho buttato via il mio biglietto di prima classe e ho deciso di fare un gito in auto, concentrata sullo specchietto retrovisore.
Due giorni.
Una playlist.
E la lunga strada verso casa, verso l’uomo che mi stava aspettando

Un viaggio nei sentimenti attraverso una playlist (che sto ascoltando ora mentre scrivo, ora che ho finito di leggere).

L’inizio è più o meno su questa riga: Stella, la protagonista, realizza un colpaccio assoluto per la sua carriera di giornalista musicale. Chiama la sua migliore amica – Lexie – per condividere con lei la sua gioia, e Lexie gli da una notizia che tradotta è più o meno “Hai preso una gioia? Adesso beccati sto frutto amaro!”
Sconvolta Stella decide di ritornare a casa guidando invece che in aereo. Due giorni, la playlist sopra citata/linkata e….
Stella giovane di belle speranze, con in testa il sogno e obbiettivo della vita di diventare una giornalista musicale affermata, Arriva ad Austin, a casa di sua sorella Paige, armata di sfacciataggine e di sicurezza dettata dal suo immenso e totale amore (e la sua conoscenza) per la musica.

Nota a margine: è reduce dall’essere stata lasciata come una babbea dal musicista di turno. Incontra il migliore amico di sua Paige, tale Reid Crowe. Sembrerebbe odio a prima vista, se non fosse che ad un certo punto Stella si lascia coinvolgere e cerca di salvarlo dai suoi demoni.
Reid ha una vitaccia di merda, dei genitori pessimissimi, è il batterista di una band emergente, e non crede assolutamente che qualcosa di buono possa mai accadere a lui.

Artista maledetto lui, sogno di una favola rock come si deve quello di lei. Il loro sarà un amore devastante e profondamente passionale. Laddove lei salva lui prendendosene cura, lui spinge lei oltre i suoi limiti (e la fa essere la donna che lei desidera essere).  Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) per loro due: “sette minuti”

Ma si sa che quando lui è divorato dai suoi casini interiori lei è quella che alla fine ci rimette in termini di sofferenza.
Stella cerca di andare avanti buttandosi a capofitto nella lotta per ottenere i suoi obbiettivi. Ed ecco che arriva Nate Butler. Nate è perfetto per lei: è sexy , è affidabile, è dolce….Ha fondato un giornale e lotta per farlo crescere. E Stella si innamora anche di lui, costruiscono una gran bella storia d’amore e un futuro solido e senza rischi,  Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) per loro due :  Xanadu

E poi la vita ci mette lo zampino, Reid torna e poi se ne va, Stella si trova ad affrontare il fatto che li ama profondamente tutti e due, e segue il consigli di Lexie di pensare prima Stella e poi all’amore per loro due….Non dirò altro a parte Stella che mangia ciambelle ed ingrassa —> sei una di noi!!!

Una storia tutta passione e sentimento, una signora favola rock!

Eli Easton La mano sul cuore (Men of Lancaster County #2)

40509617Eddie Graber sogna di fondare un rifugio per animali bisognosi, ma quel sogno è messo a rischio quando il suo partner lo pianta in asso. Ora Eddie rischia di perdere la fattoria che ha appena comprato nella contea di Lancaster e di veder sfumare le sue speranze prima ancora di aver avviato il progetto. Ha bisogno di aiuto, ha bisogno di soldi ma, più di ogni altra cosa, ha bisogno di ritrovare la fede in quel fine superiore che lo aveva motivato fin dall’inizio.
Malgrado la propria disabilità fisica, Samuel Miller si è spezzato la schiena per integrarsi nella comunità amish in cui vive. Quando suo padre scopre che è gay, lo frusta e lo caccia via. Con nient’altro che una manciata di banconote in tasca, Samuel risponde a un annuncio e si ritrova in una fattoria gestita da un forestiero. L’uomo tratta gli animali in modo bizzarro, non ha la minima idea di come si mandi avanti una fattoria ma possiede un cuore grande e gentile.
Samuel non è l’unica anima sperduta che il destino ha condotto alla Meadow Lake Farm. Ci sono anche le mucche Fred e Ginger – che vivevano rinchiuse in un garage – un gruppetto di pecore e un maialino di nome Benny, che potrebbe dare una lezioncina agli umani sul segreto della vita, dell’amore e della felicità. E potrebbe essere proprio lui a mostrare a Eddie e a Samuel la via per il lieto fine.

Nella categoria “che peccato ci sono rimasta male”.

La storia racconta di Eddie che acquista una fattoria per renderla un santuario per gli animali, aveva l’appoggio del suo compagno che poi ad un certo punto sul più bello lo lascia, l’effetto è quello di quando ti tolgono all’improvviso la sedia da sotto il culo.

Eddie ha sempre avuto un rapporto speciale con gli animali, sono sempre stati suoi migliori amici fin dall’infanzia.
Tutto quello che ho recepito da parte di Eddie, dall’inizio alla fine – quando in un certo senso ha il suo eureka interiore – è che lui ha un sogno ce l’ha ma …. è incapace.Incapace di crederci, di coltivarlo, di farsi davvero il mazzo per realizzarlo. 

E poi all’improvviso arriva alla sua porta Samuel, un amish in cerca di lavoro/casa/una nuova vita, ripudiato per colpa della sua omosessualità. Samuel si che mi ha commosso. Sin da subito ha messo anima e cuore nel sistemare la fattoria, e lo dico a ragione vista la sua invalidità. E poi mi ha fatto tenerezza anche il modo in cui scopre che esistono libri che parlano di amori omosessuali, il suo donarsi e il suo desiderio. Così come mi ha fatto un po girare le scatole Eddie che mi è sembrato un po più egoista nel loro rapporto di coppia,nella condivisione, nel decidere da solo e senza confidarsi o chiedere consigli, gli riconosco però l’attenuante del suo cuore ferito dal suo ex.

Definitivamente è una storia che porta a casa la sufficienza ma che non mi è rimasta dentro il cuore, ecco perchè ci sono rimasta male.