I still haven’t read #28

Ciao bimbi e ciao bimbe!
Oggi arrivo all’appuntamento

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

con un tot di tristezza, questo perchè scorrendo la lista alla ricerca del libro da presentare in questo post ho deciso di cancellare quelli che ormai è decisamente troppo tempo che stavano lì, nemmeno ricordavo di averne preso nota, ne il perchè e nemmeno il percome. Pensavo sarebbe stato più facile, invece sarà che stavo già sotto tono di mio, un leggerissimo senso di colpa mi pervade. C’è nell’aria come la sensazione di occasioni perdute!

Ovviamente, siccome mi conosco e sono pessima a livelli vergognosi, so già che tutto quello che ho fatto è un pò di spazio per nuove annotazioni e nuovi titoli dei quali la maggioranza starà lì a fare ragnatele (-.-), come dicevo Pessima Me, ecco!

Il libro che voglio presentarvi in questo post è:

Beth Hoffman – La bottega dei sogni smarriti

23442225

Ogni mattina Theodora Overman apre i battenti del suo negozietto di antichità nel cuore di Charleston, una deliziosa bottega dove raccoglie oggetti appartenuti ad altri tempi e altre vite, tazzine di porcellana magari un po’ sbreccate, sedie impero con una gamba più corta delle altre e tanti altri pezzi parecchio unici. Oggetti bizzarri e buffi almeno quanto la colorata clientela che frequenta la sua bottega ma, soprattutto, oggetti che hanno bisogno di essere amati di nuovo, di essere coccolati e “aggiustati”. Proprio come il cuore di Teddi… Perché Teddi, da quando è venuta a Charleston lasciandosi la famiglia e il passato alle spalle, sa che, nella sua vita quasi compiuta, c’è un sogno non ancora realizzato, qualcosa che manca. Come le tazze di porcellana cui si è rotto un pezzetto, a Teddi manca un tassello: suo fratello Josh. Josh, il ragazzino che amava vivere e lasciarsi incantare da tutto, e che un giorno d’estate di molti anni prima è scomparso senza lasciare tracce. Così, quando le arriva la notizia improvvisa della morte di sua madre, Teddi decide che è il momento di tornare indietro, per poter finalmente abbandonarsi al futuro. Tornare a casa, rivedere i luoghi dove Josh è scomparso, e cercare di ritrovarlo. Riuscirà Teddi a rimettere insieme i pezzi della sua famiglia, e del suo cuore?

Bene per il momento è tutto, oggi non sono di chiacchiere e caffè… Più per tè, una punta di miele e fette biscottate (che tradotto in kikkasolese significa che ho un attacco acuto di asocialismo, e quindi preferisco chiudere le trasmissioni e tornare nel mio cantuccio a leggere)

Noi comunque ci si legge :*

Precedente Lynda Aicher Lasciati svelare (Wicked Play #5) Successivo ANTEPRIMA RECENSIONE J.P. Barnaby Aaron (Survivor Stories #1)