I still haven’t read #27

Ciao bimbi e ciao bimbe, Buon lunedì, buon pomeriggio, buona merenda… Insomma buon tutto quello che vi passa per la testa! 🙂

Mentre nel mondo libroso accadono cose molto interessanti come il Circus Read Along che comincia oggi, libro che mi è stato molto raccomandato dalle mie compagne di merende librose, che ho in programma di leggere, ma… Che al momento non è nelle mie corde da leggere. Se mai vi venisse voglia di cercarmi mi troverete comodamente appollaiata, con tanto di merendine

a portata di mano 🙂 , nel tunnel degli M/M e di schiodarmi non c’ho voglia – è questo il motivo per il quale ho saltato anche il bellissimo RA de il Messaggero –.- … Sono una bruttissima persona! – Il RA però ve lo consiglio caldamente perchè Please Another Book è una GARANZIA!

Oppure il mio continuo prendere nota di nuove uscite sui libri che desidero leggere, le mie ultime aggiunte sono state Leisa Rayven – Cancella il giorno che mi hai incontrato, del quale al momento seguo le chiacchiere delle mie amichette librose, e Zoe Sugg Girl Online (Italian Edition) ….E ovviamente non finirà qui!  Ho tanto tanto altro di cui ciarlare, e fra un pò è pure l’ora del tè e questo ci si sa (cit.) favorisce le chiacchiere …. Maaaaaaa non sono qui a favorire l’acquisto di Moment per lenire il mal di testa, quindi passo al vero motivo del post:

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

La lettura di questa volta fa parte della lista recente e posso piazzarla nella Reading Challenge 2015 : 44 Un libro che era originariamente scritto in una lingua diversa e trattasi di…..

24466108

Il primo bacio a Parigi (Anna and the French Kiss #1)  Stephanie Perkins

Non c’è nulla che Anna aspetti più dell’ultimo anno al liceo. E’ sicura che ogni singolo momento insieme alla sua migliore amica e al ragazzo per cui ha una cotta colossale sarà indimenticabile. Ma le cose non vanno affatto come sperato perché i genitori di Anna decidono di spedirla per un anno intero in collegio a Parigi. Anna è disperata … almeno fino al giorno in cui incontra Etienne St.Clair. Divertente, sensibile, affascinante, St. Clair sembra proprio il ragazzo perfetto. C’è solo un piccolo problema: lui è fidanzato. Ma- si sa – Parigi è la città più romantica del mondo, e tra una passeggiata sulle rive della Senna e un appuntamento al chiaro di luna, tutto può succedere ….

Posso dire che conto di leggerlo entro … e non oltre il. Posso dire che l’ho aggiunto alla lista perchè mi fido delle mie amiche spacciatrici di letture belle ne parlano benissimo. Posso dire che il mese di Marzo è appena all’inizio ed io mi sento fiduciosa … Ma invece di perdere tempo e continuare a cianciare, vado a prepararmi la mia tazza di tè ed a finire la novella (in inglese #mebravinainaina …C’è questa sorta di buon proposito di riprendere in mano una certa rubrica e un certo impegno … c’è!)

E poi …e poi …

Ciao amici, ci si legge :*

Random #3 : Lavori/menate in corso

Ciao bimbe e ciao bimbi lettori!

Prima di provare ad immergermi nelle atmosfere di #OPALChoralReading

iniziativa egregiamente curata dalla mia collega @AiralsBooks! A me prima di tutto prudono le mani di ticchettare su foglio bianco! Come da titolo ci sono lavori in corso: un blogtour che farà tappa giorno 28 su queste frequenze, sto seguendo e mi sto godendo il bellissimo RA di ‪#‎TrentatréReadAlong‬ di Slytherin’s roses

Sul serio costei è veramente Bravissima, ed interagire con lei mi piace parecchio. E poi e poi c’è il “….shhhh ancora non si può dire, è una sorpresa…” e altri fatti miei che non sto qua a raccontare.

Sto imparando che sono una blogger veramente veramente inetta, io proprio con certi sistemi, con certi ritmi non riesco a starci …Mi sale la tachicardia a mille e mi acchiappa il fiatone dopo due passi, e non vi sto a raccontare l’ansia da prestazione poi …Ma quello che è peggio credo è la sensazione di parlare da sola! tutto ciò mi porta a riconsiderare che forse sono talmente asociale, e forse troppo immersa dentro i libri, da essere completamente incapace nella vita reale. E sono tanti altri i pensieri sulla stessa tonalità che mi portano a pensare che non so stare in gruppo, non sono capace di starci perchè mi perdo e confondo. La tristezza proprio!

E comunque, piantandola con le menate esistenziali, è uscito ieri

Trama:
Basta una sola notte con Ash Gallagher perché Eli Hollister si convinca di aver finalmente trovato l’uomo giusto al momento giusto; fortuna che non ci ha scommesso sopra, perché Ash si rivela uno studente della sua classe al college locale. Eli non può negare la sua attrazione, ma adesso le cose si complicano; inoltre ha già abbastanza problemi col preside del suo dipartimento, un uomo gretto e meschino che aspetta solo l’occasione propizia per poterlo licenziare.
Dal canto suo, Ash non vede l’ora di dare una svolta alla sua vita. Dopo aver prestato servizio nel corpo dei Marines e successivamente nella Riserva, è pronto a lasciarsi la vita militare alle spalle. L’ultima cosa che aveva programmato però era intrecciare una relazione col suo professore di letteratura inglese e più Eli resiste, più Ash è determinato ad averlo. Poi scopre che Eli ha intenzioni serie, mentre lui cerca solo un’avventura… oppure no? Su questi due, che si tratti di vita o di amore, non si possono fare scommesse.

Macchè c’è davvero bisogno di dirlo che l’ho messo in lista? C’ho sempre quei due libri sul comò che leggo a sprazzi Catturae giustamente sto per iniziare Opal e non mi appassiona ancora nulla perchè continuo a pensare a Trentatrè, ma ce la posso fare… Almeno credo/spero/mi auguro fortemente …

E con questo per il momento vi saluto e qualsiasi sia il vostro libro sul comodino, buona lettura!

Ci si legge :*

Ella M. Endif Manuale della perfetta adultera

Direttamente dal secondo Recap del #PABTrevRA

il MANUALE non è solo una romance, ma una storia di denuncia, di scuotimento delle coscienze, una storia di una donna per le donne, per dar loro quel brivido per uscire dal guscio. Bisogna essere coerenti e sempre attente, bisogna sempre EDUCARE AL RISPETTO. Per gli altri, ma anche verso sé stesse. Ella ha la delicatezza delle emozioni di una madre e la dolcezza di una storia speciale, che non lascia indifferenti.

Prima di qualsiasi parola, o chiacchiera più o meno sensata da parte mia, ci tenevo a sottolineare questo passaggio. Sia per la sua forza, sia perchè sottoscrivo con convinzione anche le virgole, sia perchè è il riassunto perfetto di questo libro! (Quello che non sarò capace di fare io e per il quale chiedo scusa in anticipo alla mia cara sciusciu)

23197781

Loreline Preston vuole essere felice: vuole che il suo matrimonio funzioni, che le montagne che circondano North Conway inizino a piacerle, che suo figlio cresca amato e sicuro di sé. Ryan sa che nulla si ottiene senza sacrificio, perché nulla le è stato regalato e sa che rigore, disciplina ed onestà sono gli unici mezzi che ha per mantenere unita la propria famiglia. Non teme la rinuncia, anche se questo significa riporre i suoi sogni in un cassetto. Non teme la lotta contro se stessa perché, per amore di suo figlio, ha ridotto la sua voce interiore al silenzio e si è convinta di non desiderare altro.
Trevor Knight è un uomo ambizioso: vive a Chicago e lavora in uno studio legale prestigioso. Sa cosa significa avere potere, sa come manipolare persone e situazioni per trarne sempre un vantaggio. Autocontrollo e perseveranza sono i suoi tratti distintivi. Non ha legami e non ne sente la mancanza. Anche con la sua famiglia d’origine mantiene rapporti distaccati e quando i fratelli gli chiedono aiuto per un problema burocratico della scuola d’infanzia che dirigono, è costretto a trasferirsi per un po’ a North Conway.
Un solo bacio con uno sconosciuto è l’unico momento di pazzia che Ryan è disposta a concedersi nella sua esistenza fatta di doveri, prima di tornare ad Andy e a un matrimonio che le si sta frantumando tra le mani. Un solo bacio non basta a Trevor, che pensava di avere già tutto ciò che desiderava e scopre, invece, di avere un vuoto che soldi, successo e bellezza non sono mai riusciti a colmare.
Il caso congiurerà contro di loro per farli incontrare ancora, perché la vita è imprevedibile, i progetti sono fatti per essere rivoluzionati e le certezze per essere messe in discussione. Ryan e Trevor riconosceranno nell’altro il completamento di se stessi, ma lotteranno a lungo prima di capire che smarrirsi del tutto è l’unica strada percorribile per ritrovarsi davvero.

Avendo letto “una sera per caso” sin dall’inizio dei tempi, quando cioè avevo ancora i capelli neri e non bianchi come ora, mi alzo ad abbracciare ed applaudire Endif perchè arrivata alla fine del libro posso affermare di aver notato una crescita come scrittrice, la storia ha perso tutto il tratto di fanfiction guadagnando appieno il ritmo di libro, e si percepisce la sua crescita come persona!
Voglio bene ad ogni singola scena di questo libro, dal “bacio con lo sconosciuto” che fa da apripista al tutto, alle parole

«… ho interagito con un orso, tormentato un folletto impertinente e conosciuto un angelo… un angelo vero.»

Dalla un cena/dopocena sul pavimento, ad una porta sbattuta sul naso…. passando per una telefonata che comincia in toni buffi:

«Oh, ma guarda! Lo “sceriffo di Nottingham” in persona» esordì caustica Loreline e Trevor represse un sorriso. Poteva ancora essere irritata con lui, ma gli aveva risposto.
«Milady», sussurrò, «vi porgo i miei omaggi.»
«Deduco che la caccia ai fuorilegge sia meno impegnativa di quanto sembri. O che sorvegliare i cervi del re non sia poi tanto avvincente» proseguì sarcastica.
«Al contrario, Lady Marion. È sfiancante. Concedete ad un vostro umile servo la possibilità di redimersi per l’indegno comportamento che ha tenuto l’ultima volta al vostro cospetto» replicò con il giusto tono di rincrescimento. «Non negategli una vostra parola, l’unico conforto in una giornata agghiacciante.»

E voglio bene a Bess, la migliore amica che tutti desideriamo. Mi fa immensa tenerezza un soldo di cacio come il piccolo Andy, mi scatena il desiderio di fracassargli i testicoli a colpi di padellate Elliot, il marito di Loreline , e se devo essere sincera alla stessa Loreline una scrollata di tanto in tanto non l’avrei negata…. Insomma questa storia è un insieme di emozioni, ora per un motivo ora per l’altro, e non solo in senso positivo. Ci sono state infatti un paio di scene che mi hanno sconvolto un pò lo stomaco, ma quello che mi fa apprezzare maggiormente il libro è il fatto che suddette scene hanno un significato preciso, non sono messe li a caso,in modo sensazionalistico, e sottolineano la crescita e la presa di posizione di Loreline!

Loreline mi piace perchè  è si una donna un pò troppo votata al martiro gratuito, che s’impone di sopportare una vita che le va stretta,  un marito che uomo lo è solo di nome e non di fatto, in bianco e nero poichè sceglie di mettere tutta se stessa sottovuoto, e che per raccontarsela usa suo figlio come scudo per proteggersi

«Perchè non riesci a fidarti di me?… È così facile volerti bene, Ryan. Perché non te ne vuoi?»

Ma è anche una donna profondamente coraggiosa , che cresce e matura, che ad un certo punto decide di prendere in mano la sua vita e Viverla invece che sopportarla. Per questo nel momento in cui Trevor, certo con le intenzioni migliori del mondo, cerca di imporle il suo modo di fare, mi provoca antipatia. Perchè quando si ama qualcuno gli si sta semplicemente accanto nel bene e nel male, certo puoi dirgli “macchè cazzarola vuoi combinare…” ma per il resto bisogna solo camminargli al fianco e poi nel caso di una caduta offrire una mano.

E Trevor, per l’appunto, un Uomo forte, abituato a vincere, a prendere quello che vuole dalla vita.

«Trevor Knight. E beh… è intelligente, ironico, spiritoso…ma è anche prepotente, dispotico, autoritario…»

Uno che i legami li schiva, ma comunque assolutamente protettivo con chi ama.E tra l’altro quando interagisce con Andy a me personalmente strappa sospiri senza fine. Se Loreline grazie a lui acquista consapevolezza di se stessa e della sua capacità, posso tranquillamente affermare che lui invece grazie a lei s’innamora davvero, e si ridimensiona, e finalmente si percepisce la sua umanità oltre alla sua magnificenza!

Questa non è solo una storia di denuncia, di una donna prima sottomessa che ad un certo punto CRESCE in molti sensi, non è solo la storia di un’adultera (a proposito le scene erotiche sono tutte talmente belle, forti e delicate, più scarne rispetto alla FF, ma come dice la stessa autrice sono a servizio della storia) intervallata da qualche scena che strappa il sorriso. E’ un perfetto mix di tutto questo e molto altro!

Perciò siccome io sono assolutamente incapace di recensire un libro tanto bello, sapete che vi dico? Leggetelo! Arrivati alla fine avrete la certezza di aver speso bene il vostro tempo.

Secondo il gioco di @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ , il particolare da non dimenticare è : (è durissima sceglierne solo uno ma alla fine mi son decisa per) ….un pranzo sul divano!

#6 PAPERBOY – FIDANZATI DI CARTA

Ciao amici ed amiche lettori, finalmente son tornata con il Paperboy – fidanzati di carta.

L’ idea dei  “fidanzati di carta” è di Chiaraleggetroppo ( ed i suoi fidanzati sono reperibili al#Paperboy)L’ idea dei “fidanzati di carta” è di Chiaraleggetroppo ( ed i suoi fidanzati sono reperibili al #Paperboy)

Sono super contenta perchè il fidanzato di questo giro aspetto di presentarlo da quando ho avuto notizia dell’uscita di questo libro. Vi sto parlando del “manuale della perfetta adultera” di Ella M. Endif (del quale sta andando in onda l’ultima settimana di read along) e dell’avvocato squagliamutande , dalla “S” che da una botta d’adrenalina agli ormoni ed il pisello d’oro della letteratura! 😉

Trevor Knight

Men's Style | via Tumblr

Di lui Endif ci racconta  in questo post:

“È un macho…. Ma c’è qualcosa di più.
È sfrontato, schietto, diretto ma non volgare
È abituato al controllo sulla realtà che lo circonda, anzi spesso tende ad esserne ossessionato.
È perseverante, subdolo e calcolatore. Raramente è impulsivo.
È un edonista e un prevaricatore.
È pratico e razionale, schivo riguardo i legami affettivi stabili (tipo quelli famigliari).
E poi sa scopare. Questo non posso proprio ometterlo.”

Io sono innamorata di lui dai tempi antichi in cui “una sera per caso” vide la luce 🙂
Trevor è un uomo capace di corteggiare una donna e di ottenerne l’attenzione, è un testardo e non si arrende al primo no, ma non è invadente o fastidioso. E’ intelligente, e non è cosa da poco ne da sottovalutare.Elegante e di compagnia,ironico e pungente. E’ un uomo capace di regalare libri ad una donna, e già solo per questo merita la palma d’oro di Uomo da sposare!!! (E comunque fra i suoi momenti di gloria i miei preferiti sono quelli in cui interagisce con il piccolo Andy 🙂 )

Ecco cosa pensa di lui Loreline:

Quell’uomo era pericoloso. Dolce, nella sua insistenza, persuasivo ma nello stesso tempo delicato, attento ai particolari senza essere oppressivo. Non si sarebbe fermato. Perché sapeva che lei lo desiderava.

Ed eroticamente parlando  si propone così ….

<<Fare l’amore non serve solo a fare i figli. È tenerezza,cura, fiducia,complicità.É affidarsi all’altro. Donarsi totalmente. É piacere. Passione. Anche dolore.>>
«Io ti voglio. Voglio i tuoi desideri e le tue emozioni. Voglio
l’abbandono dei sensi, voglio sentirti fremere per il mio tocco.» Le sue mani
si fermarono al limite inferiore del bordo del reggiseno, prese un respiro
profondo e la voce si ridusse fino ad essere talmente roca da risultare quasi
inudibile se quelle labbra non le fossero state incollate all’orecchio per
tutto il tempo. «Voglio fare l’amore con te, ma posso aspettare fino a quando
anche tu lo vorrai con la stessa intensità.»

Musicalmente parlando di lui, direttamente dalla playlist postata nell’ultimo recap:

I’m Yours – Jason MrazTrevor sotto la doccia (Cap.8)

Black Black Heart – David UsherTrevor resta “a lungo” sotto la doccia… (Cap.8)

E’ generoso nel proteggere sempre ciò che gli sta a cuore. Quando s’impone con una certa prepotenza, lo fa per amore certo, ma in quelle occasioni vien voglia di menarlo giusto un pizzico. Quando ha certe uscite ciniche e disincantate. Quando ha quelle uscite di stronzaggine …. Insomma lo amo moltissimo anche quando si dimostra  meravigliosamente imperfetto …

Infine, bisogna che Babbo Natale si decida a darmi retta e farmi recapitare a casa un Trevor tutto mio con tanto di fiocco rosso proprio sul …

Ci si legge amici :*

Random #2 : Anche se sto in silenzio …comunque ci sono!

Cari amici lettori …Ciao!

Che mi raccontate? A casa, mamma- papà- fratelli e sorelle e figli, tutto bene? E la salute? Ehhh perchè nella vita quando c’è la salute ….ecc ecc
Io, non mi lamento. perlomeno non mi lamento qua che non è la sede adatta ad esporre lagnanze. Diciamo pure che me ne sono stata, comodamente, chiusa dentro ad un barattolo

Scripta Manent Facebook

(Datemi internet, un pc, e molti libri da leggere e farete di me una donna che non deve chiedere mai!) E che oggi avendo arieggiato un pò l’ambiente con una nuova grafica , che lo ammetto mi piaciucchia ma non garantisco, vi esporrò brevemente che non sono stata a giocare a pallavolo con i delfini, ecco!

Per esempio ho sistemato i libri in corso di lettura su Goodreads, al momento sono in mezzo a tre storie. La prima è “ Manuale della perfetta adultera Endif, Ella M. “ legata al TrevorReadAlong

Libro consigliatissimo, del quale presto vi sproloquierò per benino!

La seconda lettura in corso è:

6675990

libro che ho listato ed annotato dietro consiglio di @alessiaesse! E in ultimo:

21873862

che malgrado legga un capitolo ogni quando mi prendo a schiaffi procede!

Sul comodino ho “Infinito” che mi guarda e mi rimprovera! Questo mi porta a dirmi che è ora di riprendere :

A domanda “ ma almeno i libri precedentemente annotati li hai letti?” la risposta “il 95% sarebbero da ripostare (-.-) …. ma ci sto lavorando!”
Non passa giorno poi che non trovi un nuovo libro con il quale allungare la mia lista. Per esempio

grazie alla bellissima recensione di @erika_zini! Qualche giorno fa ho leggo il tweet

Please Another Book @anncleire

Non posso più leggere libri così… il cuore non regge. Noi due oltre le nuvole di Massimo Cacciapuoti graffiantamente dolce. Consigliato.

si si …ovvio che ho preso nota! Per non parlare di tutto quello che salta fuori, tra libri e fanfiction, nelle chattate con la mia cara Gigia @veroluc84! Anche per conto mio ho preso varie note, tipo: Alison Delaine  Sulle tracce della passione, Annia Ciezadlo – I giorni del miele e dello zenzero (questo solo per il titolo) ….Oppure Huntley Fitzpatrick – Quello Che C’è Tra Noi ecc ecc ecc …. 

Eh prendete nota che il  31 Ottobre @alessiaesse darà notizie del libro in uscita il 2 Dicembre (Qua uno stuzzichino ino ino). La Prof ci ha deliziato con “Trentatré – Prima briciola” dove legge il prologo, imperdibile! (anche su Trentrè state in campana che ci saranno chiacchere). E Poi….poi per il momento mi fermo qua. Visto? Nonostante il silenzio ci sono! Cercherò di impegnarmi, essere più presente e chiacchierona 🙂

Ci si legge amici GIF Movie | via Tumblr

#RAShift la mia defezione!

Amici lettori, e fanciulle della Banda che insieme a me sono salpate in questa avventura, questo post doveva essere un riassunto della prima settimana di lettura comune, il riassunto dei primi 25 capitoli, ma vi avviso che invece no!

Credetemi me ne sto facendo davvero un dispiacere, sto frignando mentre cerco le parole giuste per scrivere, ma per motivi strettamente personali (che nulla hanno a che fare con il blog) non sono in grado di inseguire questa iniziativa come si deve!

Domanda

 “Ma allora che fai smetti di leggere il libro di shift? “ No, continuerò a leggerlo e commentarlo insieme alla banda (se le mie amiche non mi avranno sfanculizzato per questo mio Fallimento) solo che non sono in grado di seguire il ritmo del RA di 25 cap a settimana.(Al momento non sono in grado di seguire il ritmo di niente punto e basta! Ho cercato di forzare la mano , ma quello che ne ho ottenuto è un castello di carte che crolla e ricrolla ogni volta che ricomincio daccapo) Proprio in questo momento sono all’ inizio del capitolo 13

Altra domanda

“E altre attività del blog?” Ovviamente porterò avanti tutto quello che posso, continuerò a leggere e scrivere i miei pensieri scemi sui libri che leggo e quant’altro. Questo blog è nato e concepito per essere il mio rifugio personale, con una poltrona /una dispensa sempre piena di qualche leccornia /tanti post- it di appunti vari appiccicati dappertutto/scaffali altissimi pieni di libri da leggere. Cercherò quindi di essere presente il più possibile,ma sono costretta a rallentare.

Io davvero non so più cos’altro dire a parte piangere e scusarmi all’infinito ed oltre….

ci si continua a leggere amici :*

Shift Read Along Ovvero #RAshift

Amici lettori che vi trovate a passare su queste frequenze, intanto Buongiorno!

Questo post ha lo scopo di annunciarvi che la “banda del Please Another Book” è finalmente pronta per lo #RAshift, ossia il secondo della “trilogia del silo”.

21873862

Prima di Wool. In un futuro a meno di cinquant’anni da noi, il mondo è ancora come lo conosciamo. Il tempo continua a scivolare tranquillo. Ma la verità è che sta scivolando via. In pochi sanno quello che ci aspetta. Sono uomini di potere e si stanno preparando in segreto per qualcosa di terribile. Ma anche se forse vogliono solo proteggerci, ci stanno mettendo su un cammino da cui non potremo mai più tornare indietro. Un percorso che condurrà alla distruzione, che ci porterà sotto terra. La storia del silo sta per essere scritta, il nostro futuro sta per iniziare.

Andremo in onda da lunedì 8 settembre a domenica 6 ottobre, con la bellezza di 25 cap a settimana più o meno. E commenteremo e ciarleremo la nostra lettura con l’hashtag #RAshift, poi una volta alla settimana mi alzerò in piedi e davanti a tutta la classe farò un sunto (e già immagino la prof mettermi due e spedirmi dietro la lavagna)

La mia carissima Pulcina (http://dituttocuore.wordpress.com/), che questa volta partecipa anche lei *giubilo et gaudio* anche questa volta si è occupata di fare il banner dell’evento, sei stata bravissima :*

#RAshift

Se avrete voglia di unirvi a noi siete benvenuti, in tal caso fatemi sentire la vostra voce qui sul blog. Per tutto il resto ….

Ci si legge amici :*

 

 

 

James Dashner Il labirinto (The Maze Runner #1)

11884401

Quando Thomas si sveglia, le porte dell’ascensore in cui si trova si aprono su un mondo che non conosce. Non ricorda come ci sia arrivato, né alcun particolare del suo passato, a eccezione del proprio nome di battesimo. Con lui ci sono altri ragazzi, tutti nelle sue stesse condizioni, che gli danno il benvenuto nella Radura, un ampio spazio limitato da invalicabili mura di pietra, che non lasciano filtrare neanche la luce del sole. L’unica certezza dei ragazzi è che ogni mattina le porte di pietra del gigantesco Labirinto che li circonda vengono aperte, per poi richiudersi di notte. Ben presto il gruppo elabora l’organizzazione di una società ben ordinata e disciplinata dai Custodi, nella quale si svolgono riunioni dei Consigli e vigono rigorose regole per mantenere l’ordine. Ogni trenta giorni qualcuno si aggiunge a loro dopo essersi risvegliato nell’ascensore.
Il mistero si infittisce un giorno, quando – senza che nessuno se lo aspettasse – arriva una ragazza. È la prima donna a fare la propria comparsa in quel mondo, ed è il messaggio che porta con sé a stupire, più della sua stessa presenza. Un messaggio che non lascia alternative. Ma in assenza di altri mezzi visibili di fuga, il Labirinto sembra essere l’unica speranza del gruppo… o forse potrebbe rivelarsi una trappola da cui è impossibile uscire.

Allora la storia di sicuro mi ha affascinato ed intrigato. Avevo qualche timore all’inizio, sempre pensando a chi diceva “meno male che lo leggo in inglese, perchè sicuramente in italiano lo ammazzeranno” …. Il linguaggio è un pò particolare, in italiano da l’idea da bambini dell’asilo, ma mi è bastato pensare di essere dentro la storia, mi è bastato “viverla” per adattarmi (specie io che in inglese sono più o meno al livello di una capra –.-)

I capitoli sono della giusta lunghezza, e si concludono sempre lasciandoti con la curiosità spasmodica di procedere per sapere cosa deve accadere, soprattutto da un certo punto in poi. Unica cosa che un pò m’ha stufato è la continua ripetizione di alcuni concetti.

Thomas, Alby, Minho, New, Teresa ….Non mi sono affezionata in modo a nessuno, forse però un pizzico di cuore l’ho lasciato a Chuck! E di sicuro Gally quello che ho preso in antipatia punto e basta!
Il labirinto è una storia mentale bella tosta, che ti acchiappa e ti costringe a viverla ,io non c’ho lasciato il cuore però di sicuro voglio sapere come andrà a finire! Sono curiosa del seguito, infatti l’ho già pronto da leggere. Sono altrettanto curiosa di vedere il film, come avranno tradotto il linguaggio dei radurai? E poi i Dolenti, che schifoooooo, voglio proprio vederli con i miei occhi!

Ed infine secondo il gioco di @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ Il particolare da non dimenticare è: la mutazione!

Grazie wife, e grazie compagne di avventura del #PABMazeRA (http://twubs.com/PABMazeRA), per aver scelto questo libro …E ti prego perdona la mia scarsa partecipazione a sto giro :/

Mirya Di carne e di carta

 

La (ri)lettura di questa storia è dovuta al #PABLeoRA, sapientemente organizzato e gestito dalla mia adorata wife!

Il RA in questione andrà avanti fino al 13 Luglio, e se volete seguire i commenti di chi partecipa —> QUI <— potete farlo tranquillamente. ( Perdonami wife adorata ma non ce l’ho fatta a resistere ai traguardi prestabiliti, mi sono sentita in dovere di sforare fino alla fine!)

22432608

Chiara vive di carta. Insegna, studia e legge di tutto. Sui libri e coi libri è cresciuta, i libri sono stati la sua famiglia e i suoi migliori amici e dai libri ha appreso l’amore: l’amore per le pagine ma anche per gli uomini che in quelle pagine vivono.
Leonardo entra nella sua vita per seguirla nel Dottorato di ricerca, ed è un uomo concentrato sulla realtà di carne: per lui il distacco dalle parole scritte è vitale e non accetta l’approccio passionale di Chiara. Ma è stato davvero un caso, a portarlo da lei, o c’è una trama anche dietro al loro incontro?
Tra un canto di Dante e una canzone degli ABBA si combatte la guerra tra la carne e la carta, una guerra che non ha vincitori né perdenti e che forse non ha nemmeno schieramenti.

Conoscevo già questa storia, avendola praticamente vista nascere su EFP, e ricordo di allora la mia smodata incazzatura per il personaggio di Leonardo. Rileggendola oggi, dopo qualche anno, mi son trovata a chiedermi “ ma perchè mi faceva incazzare così tanto? Non mi ricordo!” (in parte questa considerazione mi nasce dal fatto che avendo letto il libro insieme alla mamma, avendone discusso con lei ,mi sono ammorbidita ….Perchè nessuno come la mamma è capace di cantarti in faccia le verità che tu stesso di rifiuti di raccontarti!)

Oh il personaggio è comunque a tratti da corcare a padellate, ma nello stesso tempo provo tenerezza per la sua imbecillità, tenerezza per uno che ha inquadrato la vita come un “4 salti in padella”.

La facilità con cui è facile identificarsi ora con Chiara, nella sua inesperienza con i rapporti di carne, nel suo amore per la vita di carta. E anche un pizzico di Leonardo è presente in ognuno di noi, tutti ci facciamo i nostri schemi precotti per sentirci forti, e quando i nostri castelli di carte cadono abbiamo comportamenti da meritarci la sfracagnata sulla capoccia!

Tutti i personaggi che fanno da sfondo e contorno a questo viaggio sono…Veri (l’idea che esiste un Uomo come Angelo per esempio a me fa tornare la voglia di sognare ancora come un adolescente!). Sono si sulla carta ma leggendo sai, percepisci fortemente, di poterli incontrare di carne!

La storia di Chiara e Leonardo è un viaggio, è un insegnamento, è permettere alle parole di entrarti dentro, una candela negli angoli bui insomma ….E forse non è nemmeno così, ma per me si! E’ un “nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per selva oscura…” , tanto per citare di Dante l’unico verso che ho mai imparato in vita mia, e che però mi sembra azzeccato per Chiara e Leonardo

Avete presente le storie che vanno di moda per ora? Quelle dove basta che il lui della situazione è bello come Apollo e scopatore come Rocco, e tanto basta per far cascare innamorate, e non importa se si macchia delle peggio carognate? Ecco fatevi un giro dentro le pagine di questo libro, per scoprire che un uomo può essere si bello, si bravo a letto ma soprattutto deve esserci nei momenti che davvero contano, deve fare innamorare con i gesti quelli veri! Il mio capitolo preferito, non a caso è il 13… Perchè in quel capitolo c’è tutto quello che un Uomo deve essere, per meritarsi di fare innamorare!

Alla voce il particolare da non dimenticare,il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com : “una giornata normale” 

Libro consigliato caldissimamente! ….E sicuramente non ho detto tutto quello che volevo dire, e quello che ho scritto potevo scriverlo meglio… ma preferisco tornare a rileggermi i miei passaggi preferitissimi di “di carne e di carta”

 

Veronica Roth Divergent (Divergent #1)

GRAZIE al Read Along #PPDivRA, sapientemente e meravigliosamente organizzato e portato avanti da my wife @anncleire  pleaseanotherbook.tumblr.com e @ilovereading_ petrichorabookblog.tumblr.com che mi ha permesso di conoscere ed INNAMORARMI di questa splendida avventura!

La società distopica in cui vive Beatrice Prior è suddivisa in cinque fazioni, ognuna delle quali è consacrata a una virtù: sincerità, altruismo, coraggio, concordia e sapienza. Il momento cruciale nella vita dei cittadini è il Giorno della scelta, che cade allo scoccare del sedicesimo compleanno: ogni giovane sceglie a quale fazione votare il proprio futuro. Ora tocca a Beatrice, e la sua scelta non solo sorprenderà tutti, ma segnerà per sempre il suo destino, catapultandola in un mondo duro e violento e facendole scoprire le crepe di una società che è tutto tranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto. Perché Beatrice non è una ragazza qualunque, lei è una divergent. Una diversa.

 

Prima di impostare un qualsiasi pensiero coerente e leggibile e capibile …Lasciatemi BimboMinchieggiare per Quattro un altro pò

ecco forse forse la smetto …(Ma come si fa? Io che sono una donna dalla cotta facile, e questo perchè riconosco subito un personaggio che merita il mio amore …va bene basta così.)

Si tratta della Storia di Beatrice che a 16 deve compiere una scelta che determinerà tutta la sua vita. Si tratta di Beatrice che sceglie di tagliare i ponti con la sua famiglia e la sua fazione (Abneganti) e diventa Tris nella sua nuova famiglia e fazione (Intrepidi). Si tratta di seguire un percorso di crescita e difficoltà e paura, Tris deve nascondersi, non deve far scoprire che in realtà lei è una Divergente. Si tratta di seguire la sua crescita anche nelle relazioni affettive ….E se mi concedete altri millemila minuti di puro fanghirlismo bimbominchia … Ohhhh Quattro mio amatissimo Quattro… In realtà devo anche ammettere che non è che da subito lei mi è stata simpatica, non mi era antipatica, comunque il mio affetto lo ha conquistato strada facendo,imparando che coraggio ed altruismo sono due facce di una stessa medaglia, che costretta ad una scelta preferisce morire per salvare chi ama, che è forte, mentre i fatti rapidi si susseguono e con lei ci indigniamo, ci incazziamo,soffriamo e saltiamo su a fare un tifo da stadio mentre lei fa le sue scelte … ecco!
Divergent è una storia che acchiappa e cattura, che non sazia ,infatti chi sarà mai la bella bimba che ha già in mano il secondo volume della saga? ….Esatto io! E prima di lasciarvi CONSIGLIANDOVI di tutto cuore di leggere Divergent, ed andare a leggere cosa succederà ora che:
Gli Abneganti e Gli Intrepidi si sono ….Ahhhh non ve lo dicooooo se volete saperlo dovete leggerlo ;P
E Come si evolverà la coppia Tris e Quattro?
E come e quali saranno le nuove prove da affrontare? Ecc Ecc… vi ricordo Il particolare da non dimenticare ,secondo il gioco di @anncleire
pleaseanotherbook.tumblr.com : “Lo scenario della paura” …di Quattro!