Anteprima Recensione K.J. Charles Una raffinata trasgressione (Consorzio di gentiluomini Vol. 1)

28093795

Quando apprende di essere l’erede di un’inaspettata fortuna, Harry Vane rinnega il suo passato radicale a favore delle riforme governative e decide di corteggiare la graziosa cugina. Il suo cuore viene però catturato dall’uomo più bello ed elegante che abbia mai incontrato: il dandy che ha il compito di istruirlo nelle buone maniere e nello stile che gli consentiranno di fare il suo ingresso in Società. Il nuovo ruolo che si trova a rivestire richiede conformità, ma Harry non desidera altro che assaggiare il paio di labbra sbagliate.
Dopo aver assistito in prima persona agli orrori di Waterloo, Julius Norreys ha cercato rifugio dietro la maschera raffinata dell’alta società. Ora si interessa unicamente del taglio della propria giacca e della qualità dei propri stivali. Tuttavia, il suo pupillo è talmente scevro dal suo cinismo che gli ispira la prima vera scintilla di desiderio da molti anni a quella parte. Julius non può proteggere Harry dalle peggiori intemperanze della società, ma insieme possono sopportare il prezzo della passione.

Soddisfatta! Voglio bene al filone history romance, e adoro gli M/M!

Harry : il giovane radicale per scelta dei genitori ,che lo hanno cresciuto tra una predica rivoluzionare e una fuga per non finire in carcere. Il giovane che dopo la morte dei genitori ritorna a quella patria dal quale era dovuto fuggire, che trova rifugio nell’unico mondo che conosce e quindi continua l’opera dei genitori…. Un giorno si ritrova, come nella migliori favole, ad essere riaccolto dalla ricca famiglia dal quale il padre era stato diseredato dopo aver sposato sua madre. diventare un gentiluomo, contrarre un matrimonio senza amore per denaro,scappare dalla paura/fame/sporcizia della vita passata.
Harry è un giovane genuino ed entusiasta, che lavora sodo, intelligente e gentile.

Il mio cuore comunque è tutto per il glaciale, inarrivabile, sarcastico ed elegante Julius, che poco a poco, nel corso della storia, si aprirà sbocciando in una dolce vulnerabilità che…. Come si fa a non innamorarsene dico io? *____*

Baci come una vergine, Norreys. Si aprì ancora, per Harry. Il ragazzo sollevò le mani e gli si aggrappò ai capelli, e poi… Julius lo afferrò. Lo attirò a sé e gli infilò tutta la lingua in bocca, rispondendo a un bisogno primordiale. Harry emise un singhiozzo sorpreso e se lo tirò dietro, artigliandogli il fondoschiena. Cominciarono a divorarsi. Baci profondi, umidi, intimi, con i denti, la lingua e le labbra. Harry sembrava così libero e sospirava con un piacere talmente intenso e felice… Oddio, quanto voleva vederlo felice e quando gli piaceva sapere di essere lui a renderlo tale. Un po’ sdraiati e un po’ inginocchiati tra l’ottomana e il pavimento, Harry incastrato tra le sue gambe, si sostenevano a vicenda con la sola forza del bacio. Sentiva il sesso del giovane premere contro il suo, ma non voleva interrompere quello che stavano facendo, non voleva chiedere, non in quel momento e forse mai. Non aveva bisogno di venire. Aveva bisogno di baciare.
E tutto ciò che odiava, la saliva, la flaccidità, il sapore del cibo nella bocca degli altri, il loro respiro, i denti, il sudore, era tutto lì. Da vicino la pelle di Harry era imperfetta come quella di chiunque altro. Aveva i pori allargati e piccoli capillari rossi, le narici pelose e la barba che pungeva, un accenno di quelle che più avanti negli anni sarebbero diventate rughe e dei peli sparsi sotto le folte sopracciglia che avrebbero potuto essere tirati via. Era imperfetto, come ogni essere umano, e Julius si immerse in quell’imperfezione perché era viva.

Lui avrà il compito di istruire Harry nella nobile arte dell’essere un vero gentiluomo.

Dunque Harry entra a far parte della piccola e “protetta” compagnia dei “Riccardiani”, il fondatore è suo cugino Richard Vane (lui li proteggeva e si prendeva cura di loro in tutti i modi)
Si scontra con la realtà che per suo nonno lui è il NULLA più assoluto e con una fidanzata che non lo vuole per nulla. Si troverà a ferire Julius e ad essere in crisi per quello che desidera disperatamente da una vita e quello che invece non può essere liberamente…
E Julius dovrà fare i conti con se stesso e il “vuoto a forma di…” intorno a lui, riscoprire la gioia di essere vivo!

E’ un gran bel Regency, scritto bene!

Il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ Una spilla

K.C. Wells Una questione personale (Personal #1)

E qualche sera fa Gigia mi scrisse:
“Allora la storia è molto carina e corposa… Ci sono anche molte scene di sesso interessanti (una su tutte:scrivania+benda+bavaglio+mani legate)
Ti ho messo abbastanza curiosità?”  —-> Cioè secondo voi io posso mai resistere a messaggi del genere? Ovviamente no! E meno male perchè avevo proprio bisogno di un Guilty Pleasure come questo 😉

null Blake non ha ancora dichiarato al mondo di essere gay, né intende farlo. Perché se suo padre lo scoprisse, potrebbe perdere tutto quello che ha conquistato a fatica durante i sei anni da amministratore delegato della Trinity Publishing, astro nascente del firmamento editoriale. Eppure, fare coming-out gli porterebbe un bel po’ di vantaggi; ad esempio, suo padre potrebbe piantarla di combinargli appuntamenti con ragazzine sciocche, viziate e arriviste. E meglio ancora, Blake potrebbe smettere di ricorrere a un servizio di escort quando desidera una notte di sesso con un ragazzo carino…
La vita non è stata generosa con Will Parkinson, ma l’uomo sa rimettersi in piedi. Certo, al momento lavora come accompagnatore – con prestazioni speciali – per pagare i debiti contratti al college, ma la situazione ha i suoi lati positivi; vogliamo parlare dell’ultimo cliente? Blake lo ha portato in paradiso – più di una volta. Quindi immaginate come si sentirà Will nel presentarsi al colloquio per il lavoro dei suoi sogni – assistente presso una casa editrice – e scoprire che il suo nuovo capo è… proprio Blake.
Presente quando le cose si complicano?

Avete presente le letture consigliate per le vacanze? Pensatevi sotto le verdi frasche al fresco, caraffa di tè ghiacciato e questa storia leggera/rilassante/piccante con tanto di momenti fangirlosi è assolutamente ideale!

Di Blake vi dirò che è un datore di lavoro eccellente, un’imprenditore intelligente/intraprendente e talentuoso. Nella vita privata è …un gay non dichiarato che, oltre a schivare improbabili fidanzate del quale giustamente non gli frega una cippa, di tanto in tanto ricorre al sesso a pagamento. Anche la notte del suo trentesimo va così, ed è la sua fortuna visto che oltre ad una notte FA.VO.LO.SA ci guadagnerà poi il perfetto assistente sul lavoro, ossia Will AKA Alec l’escort da sogno 😉

Dopo la resistenza iniziale Blake assumerà Will, dando una possibilità al ragazzo. Una collaborazione che amalgamerà momenti di amicizia e fiducia crescente a quelli di pura seduzione erotica.

E poi La fidanzata STRONZA, incomprensioni genitori figli, collaboratori che sono anche amici, quella che ci prova spudoratamente, scene dall’atmosfera molto Dirty Dancing: che partono dal
“No signor Kellerman Johnny non ha rubato i portafogli… e il motivo per cui lo so è che io ero con lui!” passando attraverso il “Nessuno mette baby in un angolo!”  fino al finale

Vi lascio infine con il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ : uno scatto fotografico di Blake&Will 🙂

Patricia Logan Catene d’argento

24187647

Un serial killer ha preso di mira i gay di Los Angeles e l’ispettore di polizia Cassidy Ryan deve scovare il mostro prima che vengano ritrovati altri cadaveri mutilati. Le indagini lo portano a scoprire che tutte le vittime sono collegate a un famigerato club online chiamato DOMZ.com. Il proprietario del sito, Zackary Teak, è incredibilmente attraente ma anche esasperante e poco collaborativo. Dopo aver trascorso anni alla buoncostume a investigare sui crimini legati alla pornografia, Cassidy sente di odiarlo a pelle.
Zack Teak oltre a essere un uomo ricco è anche un rinomato Dom, con una lunga lista di sub che non vedono l’ora di leccargli gli stivali. Nel momento stesso in cui posa gli occhi sul bel poliziotto, un ex marine dei reparti speciali, è determinato ad aiutarlo a esplorare la propria natura sottomessa, ma questi non vuole proprio saperne.
E mano a mano che il biondo ispettore stringe il cerchio attorno al killer, soccombe anche all’attrazione per Teak e scopre che non è poi così male cedere il controllo e lasciarsi guidare dall’affascinate Dom. Unisciti ai due uomini nella loro caccia all’assassino, mentre cercano di non diventarne a loro volta vittime.

Prendete un sabato sera svagato e una domenica pomeriggio svagata anche di più e poi immaginate me che scorro distrattamente la sua lista di libri da leggere alla ricerca di quel certo non socchèccosa. L’occhio mi è caduto proprio su questo che avevo in lista da un pò perchè a certi guilty pleasure non sono capace di dire di no, ed anche perchè la mia compagna di merende Gigia @veroluc84 ha continuato a dirmi “lo devi leggere lo devi leggere” …ed allora mi son detta “e va bene lo leggo!”

Nell’insieme è di sicuro una storia che lascia traccia. Certi particolari, ad immaginarmeli mentre leggevo, mi hanno preso a  cazzotti lo stomaco! E’ di sicuro una storia nuda e cruda,e un pizzico splatter diciamolo, ma ben scritta. E’ di sicuro una di quelle storie che quando t’immergi nella lettura non riesci a smettere finchè non hai finito.

Mi sono piaciuti i personaggi, li ho trovati ben tratteggiati e senza fronzoli. Di sicuro dell’ispettore Cassidy quello che maggiormente ricorderò è questa latente sensazione di solitudine, la malinconia di essere ancora solo alla sua età, è intorno ai 40 anni, di essere alla ricerca di un rapporto stabile e duraturo. Ma anche la sua natura curiosa, il suo mettersi in gioco e lasciarsi andare nonostante la paura dell’ignoto, non solo sul piano fisico….

Di Zack, beh a parte la naturale sensualità e l’indubbio erotismo che trasmette, forgiato dall’esperienza nell’esercitare la sua natura dominante nella vita e sul lavoro…. Non so, è un personaggio “forte”, uno che occupa la scena… E adesso a caldo mi sembra difficile pensare ad una caratteristica in particolare.

Tutte le scene di sesso le ho trovate ben scritte, piacevoli da leggere, perfettamente amalgamate ai fini della trama e dello sviluppo emotivo del personaggio di Cassidy :che scopre lati di se che nemmeno immaginava, e della presa di coscienza di Zack che riesce a farsi due conti con se stesso e dirsi “ho fatto questo e quello e quell’altro ancora, chissà se non è finalmente arrivato il momento di…” 

La mia scena preferita:

“Credo che potrei rimanere così per sempre” gli sussurrò all’orecchio.
“Credo che lo apprezzerei moltissimo.” Zack gli faceva scorrere le mani sul petto e gli accarezzava i pettorali, stuzzicandogli i capezzoli e scendendo poi a tracciargli le linee degli addominali. “Sei bellissimo,” sussurrò. “Ti sei guardato allo specchio ultimamente?” ribatté Cassidy con un sorriso e una risatina. Poi girò su se stesso e lo baciò con dolcezza. Lo strinse tra le braccia e portò i loro corpi in
contatto, i sessi che cominciavano a risvegliarsi. Si staccò dal bacio e lo guardò. Era splendido, i lunghi capelli neri che gli ricadevano sulle spalle, gli occhi scuri che risplendevano nella luce tenue della stanza, il corpo robusto premuto contro il suo. Alzò le mani e gliele passò entrambe nei capelli bagnati, scostandoglieli dal viso e facendogli inclinare appena la testa per poterne ammirare la bellezza sublime.
“Questa notte non voglio giochi, Zack. Voglio solo farti l’amore. Posso?” E mentre pronunciava quelle parole, gli occhi di Zack erano così colmi di sentimento che Cassidy si
chiese se non se li stesse immaginando. “Mi piacerebbe moltissimo,” rispose l’altro, piano. “Andiamo.” Dopo aver chiuso l’acqua, Zack uscì dalla doccia, prese un telo morbidissimo e lo usò per avvolgerlo, dopodiché fece lo stesso per sé. Qualche secondo più tardi, lo afferrò e lo trascinò fuori dalla stanza da bagno, sospingendolo verso l’enorme letto. Cassidy sorrise nel vederlo scostare le coperte in fretta e furia e poi saltarci dentro, tirandoselo dietro. Infine lo
abbracciò e cominciò a fargli scorrere le dita lungo i fianchi e la schiena. “Ora, mio eccitante poliziotto, cos’è che stavi dicendo a proposito del farmi l’amore?”
Cassidy sorrise. “Mi permetterai di penetrare il grande e potente Dom?” domandò. Ma non era preparato alla risata sonora con cui Zack rispose alla sua richiesta. “Con piacere,” disse però, per poi baciarlo con passione.

 

Ed infine ,secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com ,il particolare da non dimenticare: una scatola azzurra chiusa da un fiocco bianco

Rowan Speedwell Cuori affini

16034862

L’affascinante mascalzone Tristan Northwood sembra avere tutto: un nome antico, un titolo ereditario, un’amabile moglie, e un figlio che adora. Le donne lo amano, gli uomini lo ammirano, e sembra che non ci sia niente che non possa fare, che sia sedurre una moglie dell’alta società, o vincere una corsa con i carri. La Società non sospetta affatto che il nome non significhi niente per lui, la sua fortuna sia sotto il controllo di suo padre, e che lui non abbia interesse nella moglie tranne per un’amicizia davvero distante. La Società lo annoia, e accetta le sfide perché si sente vivo solo quando si trova sul limite… fino a quando il fratello di sua moglie torna a casa dalla guerra.
Charles Mountjoy, decorato eroe di guerra, tira fuori Tris dalla sua disperazione, inspirandogli sentimenti di passione che non aveva mai sospettato di essere in grado di provare.
Quasi terrificanti quanto questi sentimenti per Charles sono i segni che Charles potrebbe ricambiare il suo affetto – o anche peggio, che Charles vede l’uomo che Tristan ha cercato così tanto di nascondere al mondo.

Per la serie “comunque vada sarà un successo” devo dire che:
ho scelto questo libro perchè è la combinazione di due dei miei guilty pleasure favoriti, ossia M/M ed Historical Romance, davvero non potevo resistere alla curiosità. E devo anche dire che la combinazione non mi ha mai veramente convinto del tutto per tutto il libro. Per fortuna ad un certo punto mi sono accorta di essere talmente assorbita dalla lettura da esserne comunque soddisfatta!

La storia prende il via nel 1790 (e si snoderà negli anni 1814/1815 fino al suo finale ne 1820), quando incontriamo il piccolo Tristan davanti alla tomba della madre e della sorellina morte a causa di una febbre, la stessa febbre che invece Tistan stava sconfiggendo proprio in quei giorni. Lui e suo padre affrontano il dolore in maniera diversa, il padre pur volendo bene a suo figlio assume un atteggiamento “forte” nei suoi confronti, e di conseguenza Tristan dopo aver passato anni a cercare di compiacere suo padre decide che non vale più la pena e diventa un ribelle incosciente e scapestrato.
Ma le sue buffonate, i suoi eccessi, alla fine dei conti feriscono lui e basta! Le donne, il troppo bere, i giochi pericolosi …..Finchè il padre per rimetterlo in riga lo obbliga al matrimonio, per ottenere una libertà dalla sua influenza Tristan deve fare altro che sposarsi e fare almeno due figli, oppure arruolarsi.
Tristan sceglie l’opzione matrimonio, e così si accasa. Charlotte, la fanciulla in questione, è una ragazza intelligente, assennata, disinteressata all’amore ma interessata all’amicizia (difatti è una grafomane incallita), desiderosa di vivere tranquillamente in campagna. (e che però mi ha dato l’impressione di essere così apposta per la storia, per favorire senza troppo rompere le scatole)
Imposterà con Tristan questo rapporto più che altro di affetto ed amicizia reciproco ma nulla più.  Lui si adatta a tutto  continuando a cercare per qualche tempo un Qualcosa, ma alla fine getta la spugna e…

“È come se non fosse del tutto qui….È qui, ma non c’è niente dentro di lui. Sta passeggiando nella vita, non sta vivendo.”

Difatti, ormai rassegnato ,  i suoi piani ad un certo punto diventano quelli di sistemare economicamente, ed in campagna, moglie e figli e poi uccidersi! Finchè a casa non ritorna il fratello gemello di Charlotte, Il Maggiore Charles Mountjoy ,che deciso a smettere l’attività militare si stabilirà con loro decidendo di studiare per diventare medico, ed inaspettatamente lui realizza che ne è attratto ed …. eccitato!
Questa realizzazione, ed il fatto che man mano la sua ossessione sfocerà anche in qualcosa di più sentimentale  accelera il suo crollo e la sua voglia di farla finita. Anche perchè questo è peccato, è illegale, e c’è il rischio dell’impiccagione! Anche perchè lui si sente Niente e non vuole essere visto da Charles in questo modo. Anche perchè dopo qualche mese in cui suo cognato coltiva una sorta di amicizia, ed un incontro particolare fuori da una Magde (Nota Del Libro. Madge era un termine usato per indicare un omosessuale nel diciottesimo secolo) house che lo scuote nel profondo fino a risolversi ….

“Dio,” sussurrò, e le ultime parole dello sconosciuto gli tornarono in mente: “Oh, quindi è così, allora…”

Sì. Era proprio così. Le mani di Charles, la bocca di Charles, il cazzo di Charles, Charles che lo schiacciava contro il sedile opposto, i pantaloni di Tristan calati fino alle ginocchia. Charles che lo teneva, che spingeva dentro di lui. Il peso di Charles sopra di lui, che lo teneva giù.
Involontariamente la sua mano si chiuse sui suoi pantaloni, sul duro, doloroso rigonfiamento della sua erezione; chiuse le mani, strizzò, i movimenti convulsi, ciechi e disperati. Si tirò indietro contro i cuscini sporchi, piangendo mentre veniva, senza neanche sbottonarsi. “Charles,” pianse. “Charles.”

 Tristan è troppo stanco. Non sa che anche Charles prova dei sentimenti per lui, non sa che Charles è gay ed ha accettato la sua natura perchè come dice lui stesso

“È quello che sono. …..Non ci vedo nessun male. Sì, ovviamente, conosco tutti gli argomenti sul diavolo che rende attraente il peccato, ma non pensi che io sceglierei di essere come chiunque altro? Non pensi che lo preferirei?” Il fiato gli si bloccò nella gola. “Essere così non è attraente. È quello che sono. Come può essere male? Dio mi ha fatto così ….”

Per fortuna nel momento in cui Tristan è pronto a mettere fine alla sua vita Charles riesce a fermarlo. E così mentre lotta per tirare fuori Tris da questa depressione, scopriamo che anche lui ha paura, che anche lui è stato ferito. I due diventano amanti e alcune delle loro chiacchierate le ho sottolineate a matita

Tristan tenne la camicia. “Charlie?”
“Sì, amore?”
“Lo sapevi, vero? Cosa provavo per te?”
“Prima di te, credo,” disse Charles. “Ma non sapevo come avresti reagito se mi fossi avvicinato a te. Dovevo lasciare che te ne accorgessi da solo.”

“È strano. Tu hai un nome antico, un viso splendido, un corpo forte, una moglie adorabile, due bambini splendidi, e un sacco di soldi, per non parlare dell’amante dalla bellezza devastante. Ma sono sbarre per te, non è vero. Solo sbarre di una gabbia. Sei come un’allodola, che sbatte le ali contro le sbarre della gabbia, incapace di cantare se non è libera.”
“Beh, non lo è l’amante dalla bellezza devastante,” disse Tristan. “Tu sei più che altro la porta della gabbia, Charlie, ma hai ragione. Mi sento in trappola. Mi sono sempre sentito in trappola. È stupido e ingrato, ma non ho mai voluto tutto questo. Non mi importa del nome, le apparenze non hanno senso, e anche se adoro i miei figli e voglio bene a Lottie, non li ho mai chiesti, non ho mai avuto bisogno di loro. Anche i miei amici – voglio loro bene, ma mi annoiano in così tanti modi. Mi sono sempre sentito come se stessi recitando un ruolo per cui non ho mai fatto audizioni. Ma non l’ho capito fino a che non ti ho incontrato. Mi serve qualcosa di meglio. Mi serve qualcosa di… diverso.

Ed ancora

“Studia con me. Impara con me. Lavora con me.” Lo baciò ancora. “Vivi con me. Amami.”

Si stabilisce fra i due, ed in casa, una nuova quotidianità, che darà a Tristan quello che ha sempre cercato e voluto davvero ossia amare ed essere riamato in maniera romantica. E quando Charles verrà richiamato al servizio di Wellington perchè Napoleone è scappato, Tristan si dimostrerà all’altezza della situazione in moltissimi modi. E sua moglie ,che non solo favorisce ed approva la relazione che lui ha con suo fratello, si fa carico di sistemare il rapporto tra padre e figlio. E poi verranno scoperti mentre si baciano, e poi Charles resterà ferito e Tristan si prenderà cura di lui, e poi i due faranno i conti con un primo vero litigio ….

Alla voce il particolare da non dimenticare , il gioco ideato da @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com  : un piccolo libro ricoperto di pelle del tipo che sarebbe entrato nella tasca di un uomo

Ci sono talmente tante cose che vorrei dire di questa storia, e mentre scrivo e ci penso sono sicura che dimenticherò molto, e so che sono combattuta tra “il mi è piaciuto molto” ed il “forse non so… però”
Che mi è piaciuto Tris per la sua fragilità, per la sua disperata fame d’amore e per la sua crescita una volta accettato di amare ed essere riamato. E mi è piaciuto Charles perchè è forte ed intelligente e deciso,e nonostante questo ha i suoi momenti di…. femminile sensibilità. E non so se del tutto mi sia piaciuta la moglie di comodo, la sua parte non l’ho trovata del tutto convincente. Così come il “segreto di Pulcinella”, perchè salta fuori che Tizio e Caio e Martino e magari Sempronio sanno di questa relazione proibita e …nessuno denuncia nulla perchè va bene così, il che è bellissimo però è parte di quel “forse non so… però” di cui sopra.
Comunque un libro che sono contenta di aver letto, al quale mi sono affezionata, che consiglio!

Madeline Hunter Peccati (The Seducers #6)

221422

(La copertina italiana è Oscena …ma anche quella originale fa cacare!)

Due problemi affliggono Ewan McLean, erede del titolo e
del patrimonio dei Lyndale: confrontarsi con la propria
pessima reputazione di libertino e onorare l’impegno preso
al cospetto dello zio morente.
L’anziano nobiluomo, che aveva rovinato economicamente
l’amico Angus, ha imposto a Ewan di riparare al torto
perpetrato.
Solo che è troppo tardi: Angus è morto, lasciando Bride, la
prima delle sue quattro figlie, in gravi difficoltà.
Tra Ewan e Bride la passione avvampa al primo sguardo.
Ma basterà a superare tutti gli ostacoli sul loro cammino?

Ingredienti:
Lo scapestrato libertino sfacciato, organizzatore di orge, che inaspettatamente con una signora botta di culo eredita un titolo e diventa conte.
C’è la protagonista, rossa scozzese che ha sulle spalle l’onere di proteggere le sue sorelle , che ha un segreto pericoloso, che….con grande contentezza del sopracitato libertino è Mooolto Focosa!

Amalgamare e si otterrà…
Una storia ne tanto ne quanto, più che altro divertente,senza infamia e senza lode …C’è da dire che io sono ancora totalmente avviluppata nel precedente “
dimmi che mi ami” e che ancora sospiro intensamente per Julian *_*

Secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com il particolare da non dimenticare: “I Modi”

Madeline Hunter Dimmi che mi ami (The Seducers #5)

Affascinante, riservato ed enigmatico, il giovane avvocato Julian Hampton è uno degli scapoli più ambiti della città, circondato da fanciulle che vorrebbero accalappiarlo e signore che tentano di accasarlo. I loro sforzi sono però destinati a essere sempre frustrati; per quanto lusingato, il bel Julian rimane infatti imperturbabile, segretamente fedele all’unico e impossibile grande amore della sua vita: Penelope, contessa di Glasbury, amica dei giochi d’infanzia e dei sogni dell’adolescenza. Così, quando lei gli piomba in casa nel cuore della notte per cercare scampo da un marito sadico e malvagio, Julian sa che la propria sorte è ormai segnata. Per proteggere e difendere una volta per tutte la “damigella in pericolo” della sua gioventù è disposto a rischiare i suoi beni, la sua reputazione e persino la sua stessa vita…

 ….. Julian è

«Penso proprio che sarei una grande stupida a rifiutare, amore mio. Sarei un’idiota a rischiare che tu possa cambiare idea.»
«Io non cambierò mai idea. Io sono tuo, comunque tu decida di avermi. Ti avrò come potrò.»

Il mio amore è con te anche se io non lo sono

Uomo riservato ed enigmatico, affascinante il che non guasta mai, che nasconde un meraviglioso animo Romantico ed appassionato, e quando dico appassionato intendo proprio Appassionato! Un meraviglioso cavaliere capace di ammazzare i draghi e proteggere la sua Signora!
Palando della storia invece? Sempre lo stesso schema: il fetente che rompe le palle, la pulzella da salvare, il cavaliere sul bianco destriero pronto alla battaglia. L’ho divorata in un giorno, di tutta la serie la migliore, più veloce, coinvolgente, e mi sono fatta star bene anche i momenti in cui mi sarebbe piaciuto schiaffeggiare di tanto in tanto la lei della situazione AKA Penelope, però poi sul finale gli ho voluto tanto bene da desiderare di abbracciarla e spupazzarmela.
Di tutte le scene che mi sono piaciute….

«Le donne non fanno altro che discutere tutto il tempo delle doti degli uomini», disse Dante.
«Sono sicuro che ti sbagli, Dante», replicò Laclere. «Le signore non parlano di questioni tanto indelicate.»
L’ammonimento di Charlotte sui “particolari” era saltato fuori nella conversazione. Dante li aveva costretti a fornire la meno gradevole delle spiegazioni su ciò che quello avesse potuto significare.
Dante tirò una lunga boccata dal sigaro. «Credi quello che vuoi, ma Fleur mi ha detto che discutono di quelle cose
tutto il tempo. Apertamente. E perfino le donne nubili stanno ad ascoltare.»
«Fleur ti ha detto una cosa del genere? Fleur?», domandò Laclere incredulo.
«È sorprendente», commentò St. John.
«Sono rimasto sconvolto, credetemi. Comunque mi ha detto questa cosa molto prima del matrimonio.»
«Stava solo prendendoti in giro, Dante. Ti stava stuzzicando per via della tua reputazione in campo amoroso», replicò Laclere.
«Non penso che fosse solo questo. La mia impressione era che sapesse benissimo di che cosa stava parlando.»
«Mi dispiace dire che ho buoni motivi per credere che Dante abbia ragione, anche riguardo alle donne nubili, benché solo quelle di una certa età», intervenne Adrian. «Prima di sposarmi… bene, diciamo che ho avuto delle prove che qualcuno aveva parlato di me in quel senso.»
Un silenzio pensieroso cadde sul gruppo.
«Non che nessun uomo qui presente abbia di che preoccuparsi rispetto alla sua reputazione in quelle faccende», soggiunse St. John.
«No davvero.»
«Ovviamente.»
Un altro silenzio pensieroso.
«Signori, per lo meno mettiamoci il cuore in pace. Possiamo forse convenire che nell’improbabile caso che Dante abbia ragione, le donne tengono per loro quelle confidenze indiscrete?», disse Laclere. «Non riconosciamo forse tutti quanti che le nostre mogli non hanno mai riferito a noi questi pettegolezzi su un altro uomo?»
«Mio fratello intende un altro uomo seduto a questo tavolo, credo.» Con un’espressione che rivelava completa fiducia nella propria reputazione, Dante scrollò la cenere dal suo sigaro.
Adrian si posò la mano sul cuore. «Sophia non ha mai, mai, in alcun modo, fatto intendere, nemmeno con allusioni, di aver sentito che un uomo seduto a questo tavolo sia mai stato incluso in quei pettegolezzi, ve lo giuro.»
St. John appariva molto annoiato. «Sono sicuro che Diane non abbia mai partecipato a conversazioni di questo genere.»
«Non guardate tutti me», protestò Dante. «Fleur mi ha detto che loro ne parlano. Non mi ha riferito che cosa si dicono.»
«Io sono sicuro che queste conversazioni non sono comuni e che le donne quando stanno assieme parlano anche di molte altre cose», disse Julian.
«Sicuramente.»
«Abiti, bambini, politica…»
«Questo argomento probabilmente non occupa più di, oh… da metà a tre quarti del loro tempo», proseguì Julian.
Tutti scoppiarono a ridere e St. John cominciò a distribuire le carte.

Secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com il particolare da non dimenticare: Lettere!

Madeline Hunter Un matrimonio d’interesse (The Seducers #4)

221416Una camicia da notte da uomo. È tutto quello che Fleur Monley scopre di avere indosso quando si risveglia nel letto del più affascinante e spregiudicato libertino d’Inghilterra. Peccato che sia stato un colpo di pistola e non la passione ad averla portata lì, pressoché in balia del bellissimo e molto, molto scapestrato Dante Duclairc. Convinta di essere totalmente immune al richiamo dei sensi, Fleur decide di approfittare della nuova amicizia per avanzargli una proposta che lascerebbe perlomeno perplessa qualsiasi altra donna: gli darà metà del suo ingente patrimonio in cambio del diritto di diventare sua moglie, benché solo di facciata. Alla disperata ricerca di fondi, Dante considera che un matrimonio in bianco potrebbe non essere il modo peggiore per ottenerli. Quello che però non ha messo in conto è di trovarsi scaraventato nel vortice di uno squallido complotto che metterà in pericolo le vite di entrambi. E quello che certo non si aspetta è che la sua ingenua e innocente mogliettina possa finire per rivelarsi una tentazione dolce, continua, irresistibile…

Questa serie mi sta piacendo un mondo, sono una lettrice dalla cotta facilissima e questi personaggi mi seducono che è un piacere. Per esempio come faccio a non farmi venire gli occhi a cuore quando leggo?

Dante le prese il volto fra le mani. «Voglio che tu sappia una cosa. Sono sempre stato felice di averti sposata, Fleur. Se anche tu non fossi stata in grado di donarti a me, ti avrei adorata facendo tesoro dell’amore che provo per te. Non mi sarei mai pentito di essere tuo marito.»

*Continuo a sospirare immaginando il momento*
Insomma alla fine Dante,bello che un dio greco, libertino e seduttore e intelligente ed infine innamorato, e Fleur leggermente insignificante e geniale mente capace di concepire grandi cose, e ragazzina scioccata da un trauma che non è quello che sembra e che si capirà solo sul finale, ed anche lei innamorata, sono stati piacevoli da leggere.

Altro punto che sottolineo con gioia è l’amicizia femminile, adoro leggere di donne peperine, forti e coraggiose, e se poi le donne si uniscono e fanno fronte unito a sostenersi lo adoro anche di più!

«Una volta ho affrontato un’intera schiera di uomini in una biblioteca, e non è cosa che una donna dovrebbe fare fronte senza qualche alleata al proprio fianco.»
«Non vado certo a incontrare il nemico», obiettò Fleur mentre si dirigevano in biblioteca. E, tuttavia, era grata della loro presenza.
«Tutte queste finanziere possono intimorire se non ci sono presenti anche degli abiti. Quando gli uomini sono insieme da soli hanno la tendenza a comportarsi come se le donne fossero delle bambine anche se, presi singolarmente, sanno bene che non è affatto così. Non siete d’accordo con me, Bianca?»
«È una battaglia continua, Sophia. Per fortuna, a volte può essere piacevole.»
Le due signore si misero a ridacchiare.

Secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com il particolare da non dimenticare : il Grande Progetto!

Il Tutore

« Dovremmo abbracciare tutto ciò che ci rende di nuovo giovani sognatori, anche se solo per pochi minuti di tanto in tanto.»

Varie ed Eventuali: Marzo!

E così siamo già al 5 marzo! Facendo il punto della situazione, forse dovrei decidermi a fare di “varie ed eventuali” una rubrica mensile e fissa …Oppure no –.-, fino a qui posso dire che il mio è stato un Febbraio interessante.

Parlando di libri:
– ho toppato il #PABCRC –.-“ (e se proprio devo confessarlo sono in ritardo con la consegna del libro che avevo fatto prendere per l’occasione, mi toccherà rinnovare la cedola di permesso)
– la lettura corrente in inglese che continuo a tenere ferma, e che spero di riprendere in mano sto mese per finirla
– il flop “30 anni e non li dimostro
– I successoni :”La bambina che salvava i libri” (#PABThiefRA) e “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine” (#MissPeRA) ed il simpatico #MisterOnyxRA
– Alla spensierata sto leggendo anche “parole sulla sabbia” di Ellen Block, che fa parte della mia lista “I still haven’t read” 2013 , e tra l’altro vi informo che questo meme al momento è in sospeso (o sarà pubblicato a singhiozzi), questo perchè my wife è impegnata a conquistare il mondo,e siccome è un meme che scopro grazie a lei non mi va l’idea di portarlo avanti da sola!
– Molto molto importante è che in arrivo c’è “Casting My Book” una bella rubrica nata dalla testolina di @ReadInProgress, con la partecipazione di chi ha votato al sondaggio per sceglierne il nome, e che vede la mia collaborazione!
– la mia lista “to read” che da quando conosco, e approfitto per segnalarvelo, Wonderful Monster si è allungata (e sicuramente continuerà ad allungarsi). Ora , per dirla tutta, non è che abbia bisogno di incentivi per lasciarmi tentare …no ho bisogno di più tempo, più vita (facciamo almeno due?)
E poi c’è il #WoolRA e poi …e poi…chissà cos’altro accadrà, chi vivrà vedrà ecc ecc

Ciarlando d’altro invece… Al momento sono coinvolta con 3 telefilm:

Intelligence 

  

 

Lui MI PIACE, Lei Mi PIACE, fin’ora le puntata mi son PIACIUTE….sono già super affezionata ai protagonisti principali, insomma io ve lo consiglio! 

The Musketeers

 
 
 

“D’Artagnan vuole tanto diventare moschettiere del re ma per ora è soltanto moschettiere appredista perchè…” :
Un disimpegnato cappa e spada che seguo volentieri perchè a me interessa solo shippare Athos con D’Artagnan ed Aramis …E poi ma quanto è figo Athos?

 

è vero? *___* Lo so che fa tanto il Ricky Memphis d’oltre oceano ….Ma a me piace, lo considero uno fra i miei tanti guilty pleasure

 #StarCrossed

imagegli alieni invadono la terra e noi umani subito li imprigioniamo come nulla …poi dopo anni cerchiamo di farli integrare nella comunità partendo da 7 ragazzi che vengono mandati a scuola, da seguire la storia d’amore impossibile tra il lui alieno e la lei umana … Ovviamente è tanta Fuffa secondo me ….però che Fuffa… che Fuffa signori miei *_* image
In lista ne ho molti altri e pian pianino … D’altra parte “ci risse u surci a nuce rammi tempo ca ti spittuso” (ha detto il topo alla noce dammi tempo che ti mangio)
Vi segnalo anche Fuyu no Semi – cicala d’Inverno un anime OVA in tre puntate che mi è piaciuto abbastanza da segnalarlo, io sul finale qualche lacrima ce l’ho lasciata ecco! E “Quasi amici” un film che ho visto una di queste sere su canale5, un film Bellissimo che non avevo mai visto …un film che va VISTO!!!

Mi pare di aver scritto tutto quello che volevo scrivere …. Ci si legge amici :*

 

Cover Lovers – Speciale San Valentino

Cover Lovers è la rubrica settimanale di my wife @anncleire e della bravissima Petrichor che si occupa di confessioni, esattamente loro ogni settimana ci confessano da quale copertina si sono lasciate fregare, allungando così la loro lista!

Oggi partecipo, insieme ad @erika_zini di Wonderful Monster nell’edizione special di san valentino 🙂 (e siccome è appunto un edizione speciale tenete d’occhio il blog di my wife che in palio ci sono ricchi premi e cotillon 😉 )

Il libro che voglio proporvi per la festa degli innamorati è :

“Non succede mai nulla” di Sue Brown

18398240

La vita di Andrew è una farsa: è un gay intrappolato in un matrimonio senza amore, per colpa di una madre religiosa e prevaricatrice. Poi, una nuova coppia si trasferisce in fondo alla strada e Andrew si innamora follemente di Nathan: un uomo sposato, eterosessuale e che, per giunta, sta per diventare padre. Ma dopo una fatidica serata trascorsa insieme in un club, anche Nathan si rende conto che ciò che prova per Andrew va ben oltre la semplice amicizia per un vicino di casa.
Quando la moglie di Andrew chiede il divorzio, le vite dei due uomini precipitano nel caos. Iniziano le discussioni sulle responsabilità nei confronti delle mogli e dei figli, dubitano dei loro sentimenti e del loro rapporto e alcune sconvolgenti bugie li separano inevitabilmente… ma nessuno dei due riesce mai a smettere di pensare all’altro

Questo libro è entrato nella mia lista per la copertina, che mi piace un mondo per tutto quello che mi racconta: la sensazione di voler trattenere a tutti i costi qualcosa di sfuggente, un espressione di tormento e nello stesso tempo di puro desiderio,e le istantanee che cominciano a scorrere? E poi è uno dei miei guilty pleasure preferiti! Insomma resistere non è possibile Reaction GIF: wink, flirting, Olivia Wilde
(E anche la trama! Mi sento nel periodo giusto per leggere storie di amori un pò tormentati.)

Bene, vi ricordo ancora una volta di tenere d’occhio Petrichor , Wonderful Monster e my wife … Vi auguro di festeggiare l’amore in tutte le sue forme,non solo il 14 febbraio ma tutto l’anno, vi auguro anche una scatola assortita di cioccolatini 😉

Ci si legge amici :*