K.C. Wells Una questione personale (Personal #1)

E qualche sera fa Gigia mi scrisse:
“Allora la storia è molto carina e corposa… Ci sono anche molte scene di sesso interessanti (una su tutte:scrivania+benda+bavaglio+mani legate)
Ti ho messo abbastanza curiosità?”  —-> Cioè secondo voi io posso mai resistere a messaggi del genere? Ovviamente no! E meno male perchè avevo proprio bisogno di un Guilty Pleasure come questo 😉

null Blake non ha ancora dichiarato al mondo di essere gay, né intende farlo. Perché se suo padre lo scoprisse, potrebbe perdere tutto quello che ha conquistato a fatica durante i sei anni da amministratore delegato della Trinity Publishing, astro nascente del firmamento editoriale. Eppure, fare coming-out gli porterebbe un bel po’ di vantaggi; ad esempio, suo padre potrebbe piantarla di combinargli appuntamenti con ragazzine sciocche, viziate e arriviste. E meglio ancora, Blake potrebbe smettere di ricorrere a un servizio di escort quando desidera una notte di sesso con un ragazzo carino…
La vita non è stata generosa con Will Parkinson, ma l’uomo sa rimettersi in piedi. Certo, al momento lavora come accompagnatore – con prestazioni speciali – per pagare i debiti contratti al college, ma la situazione ha i suoi lati positivi; vogliamo parlare dell’ultimo cliente? Blake lo ha portato in paradiso – più di una volta. Quindi immaginate come si sentirà Will nel presentarsi al colloquio per il lavoro dei suoi sogni – assistente presso una casa editrice – e scoprire che il suo nuovo capo è… proprio Blake.
Presente quando le cose si complicano?

Avete presente le letture consigliate per le vacanze? Pensatevi sotto le verdi frasche al fresco, caraffa di tè ghiacciato e questa storia leggera/rilassante/piccante con tanto di momenti fangirlosi è assolutamente ideale!

Di Blake vi dirò che è un datore di lavoro eccellente, un’imprenditore intelligente/intraprendente e talentuoso. Nella vita privata è …un gay non dichiarato che, oltre a schivare improbabili fidanzate del quale giustamente non gli frega una cippa, di tanto in tanto ricorre al sesso a pagamento. Anche la notte del suo trentesimo va così, ed è la sua fortuna visto che oltre ad una notte FA.VO.LO.SA ci guadagnerà poi il perfetto assistente sul lavoro, ossia Will AKA Alec l’escort da sogno 😉

Dopo la resistenza iniziale Blake assumerà Will, dando una possibilità al ragazzo. Una collaborazione che amalgamerà momenti di amicizia e fiducia crescente a quelli di pura seduzione erotica.

E poi La fidanzata STRONZA, incomprensioni genitori figli, collaboratori che sono anche amici, quella che ci prova spudoratamente, scene dall’atmosfera molto Dirty Dancing: che partono dal
“No signor Kellerman Johnny non ha rubato i portafogli… e il motivo per cui lo so è che io ero con lui!” passando attraverso il “Nessuno mette baby in un angolo!”  fino al finale

Vi lascio infine con il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ : uno scatto fotografico di Blake&Will 🙂

Precedente ANTEPRIMA RECENSIONE Con Riley Salvare Sean (Seattle Stories #2) Successivo K.C. Wells Cambiamenti personali (Personal #2)