Harry Potter e il Principe Mezzosangue (Harry Potter #6)

3399930Harry Potter è sconvolto, solo e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: anche l’ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora sicura e accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e una determinazione diverse, più adulte.

MI sono presa tutto il tempo prima di convincermi a scrivere qualcosa,in effetti la maggior parte di quest tempo l’ho spesa a rileggere frammenti di questo libro e dell’ordine della fenice, ma quella sensazione di AGGHIACCIO proprio non accenna a placarsi.
Per sbaglio, e stavolta in maniero del tutto innocente, mi era capitato di incappare nello spoiler della morte di Silente, e quindi ero preparata che doveva accadere. Ma leggerlo

….Ma qualcun altro aveva pronunciato il nome di Piton, con dolcezza.
«Severus…» Quel suono atterrì Harry più di ogni altra cosa che aveva vissuto quella sera. Per la prima volta, Silente supplicava. Piton non rispose. Avanzò e spinse rudemente Malfoy di lato. I tre Mangiamorte si ritrassero senza una parola. Perfino il lupo mannaro era intimorito. Piton scrutò per un attimo Silente, e incisi nei suoi duri lineamenti c’erano disgusto e odio.
«Severus… ti prego…»
Piton levò la bacchetta e la puntò contro Silente. «Avada Kedavra!»

leggere questo vile tradimento ……AGGHIACCIO è l’unica sensazione con il quale riesco a riassumere tutto quello che provo al momento!

Ovviamente prima di arrivare a questo momento succedono cose … La prima che mi ha veramente fatto sorridere è stata la ship che è salpata : Harry&Ginny! La giovinetta mi piace moltissimo, ha carattere ed è fortemente cazzuta.

Harry si guardò intorno; c’era Ginny che gli correva incontro: aveva un’espressione dura, splendente, e lo abbracciò. E senza riflettere, senza averlo premeditato, senza preoccuparsi del fatto che cinquanta persone li stavano guardando, Harry la baciò. Dopo parecchi lunghi istanti… o forse mezz’ora… o forse parecchi giorni di sole… si separarono.

Ho esultato bimbominchisamente e con grande energia!! E credo che sia la prima cosa che mi viene da sottolineare perchè è finalmente un momento bello e “normale” per Harry.

E seguendo la “fugace tentatrice, l’avventura” (Silente Docet!), A sto guro scopriamo l’esistenza degli Horcrux, una orribile magia attraverso il quale Voldemort cerca di assicurarsi l’immortalità.
Si scopre l’esistenza di un principe mezzo sangue attraverso un vecchio libro di pozioni che terrà compagnia ad Harry per tutto l’anno. Come per Harry anche a me succede di provare simpatia per questo principe, malgrado i miei sospetti che si trattasse del giovane Riddle … Che ovviamente ho cannato alla grande, e mi sarei stupefatta del contrario.
Anche io come lui ero sicurissima che Malfoy la stava combinando grossa, anche io come Potter mi sono sentita frustrata …

Sono arrivata alla fine con la sensazione che Silente aveva ancora moltissime cose da dire ….
E come per Potter anche io 

«Sei l’uomo di Silente, sempre e comunque, vero, Potter?»
«Esatto….
L’uomo di Silente, fino in fondo» concluse Harry «Proprio così».

Ohhh c’è molto altro: storie d’amore nascenti, il voto infrangibile, impariamo molto della storia di Lord Voldemort (ahhhh saggio Silente che usa il metodo “conosci il tuo nemico”). Quisquilie adolescenziali e le pirlaggini di Ron Amorfo Wisley, i mangiamorte che portano scompiglio e la gente intimorita, quelli che dovrebbero fare che invece perculano ….

Io comunque AGGHIACCIO e  Silente VIVE!!!

 

 

Lo Stuzzichino del martedì #45

teaser-tuesday-2
Altrimenti conosciuto come “teaser tuesday” Rubrica che io conosco (e seguo) tramite le bimbe mon&kia  e la mia dolce Pulcina (al quale rubo il banner 🙂 ) 

Questa settimana vi beccate me che ciarlo di Harry Potter 🙂 (un ringraziamento speciale per la musica che si sente in lontanza 🙂 )
Buona visione https://youtu.be/mwywIG6q-QU, mi scuso profondamente con le vostre orecchie ^_^”
Noi ci si vede/legge

J.K. Rowling Harry Potter e l’Ordine della Fenice (Harry Potter #5)

3399931Cosa succederà ora che l’Oscuro Signore è di nuovo in possesso dei suoi terrificanti poteri? Quanta morte e distruzione seminerà nel tentativo di riprendere il dominio del mondo? Sono le stesse domande che si pone Harry Potter, disperatamente segregato – come tutte le estati – nella casa dei suoi zii Babbani, lontano dal mondo magico che gli appartiene. Ma qualcosa è cambiato anche in lui e lo ritroviamo, ormai quindicenne, divorato dalla frustrazione, dalla rabbia e dalle ansie tipiche della sua età.

Ci sono talmente tantissime cose da dire su questo libro, e sono sicura che non riuscirò comunque a dire tutto, perchè dimenticherò qualcosa ….


Voldemort è tornato, ma niente di peggio c’è che trincerarsi dietro la falsa facciata del “tutto a posto”, anche e soprattutto nel mondo magico. Un Harry segnato non solo dalla cicatrice ma dagli eventi recenti nel labirinto e quindicenne. Incazzuso e frustrato.
Non ho condiviso la scelta di Silente di tenerlo all’oscuro di tutto, specie dopo quello che Harry ha passato, anche nel tentativo di proteggerlo, il silenzio ha fatto più danno che altro. Anche se sul finale ho compreso il comportamento e l’ho accettato…. Rimango comunque del parere che escluderlo così è stato un errore!

Vero anche che, porcapupazza Harry si è lamentato tutto il tempo di essere escluso e quando gli danno il compito di impegnarsi e studiare Occlumanzia lui…. vabè chissenefrega!
Tanta carne al fuoco:
Percy che per ambizione “tradisce” la famiglia (a me sto fatto m’ha proprio messo sottosopra il fegato…. ehhhh testadicarrapipalecchino ora? Ora che la polvere non può più stare sotto il tappeto, io al posto di tua madre e tuo padre a calci in culo tutta la vita ti prenderei!)
Dolores Umbridge, non avrei mai creduto di poter odiare qualcuno all’interno di questa saga più di Piton e di Malfoy, ma mi sono ricreduta. Il nervoso e la voglia di prenderla a padellate sulla lingua non mi è passato nemmeno dopo che s’è levata dalle scatole.
La maturità e la prundenza, la BRAVURA di Hermione anche nel leggere le persone… Più avanti va e più soddisfazioni sono!
Piton, non lo so …. da una parte Non mi fiderò mai di lui e dall’altra forse …. Infondo il personaggio di Piton è quello che più di tutti ci insegna come il nostro vissuto definisce le persone che diventiamo. Il ricordo che Potter spia nel pensatoio….. Piton è l’esatto esempio di quello che una volta Silente disse a Potter “non è il nostro vissuto o retaggio a definire chi siamo ma le scelte che facciamo” (beh più o meno il succo è questo)
Harry e l’amore: sinceramente a me sta Cho non è che m’ispirava troppo. Però sto poraccio manco questo ha potuto godersi. Comunque adorabilmente imbranato. (ed è stato bello vedere uno scorcio di suo padre a quell’età, un cazzone arrogante e vanitosetto…. In amore “imbranato” come il figlio. io però spero di leggere di più su di lui … mi incuriosisce)
In questo libro si sottolinea anche le difficoltà che deve affrontare chi con tenacia si ostina a gridare una verità che molti si rifiutano di ascoltare, e che quindi deve sopportare scherno e derisione!
Minerva Mcgonagall io ti voglio un mondo di bene!!!!
Ahhhhh e la meravigliosa uscita dei gemelli Weasley, come due eroi che dopo aver fatto danno se sono andati con le loro scope verso il tramonto *_____*
Devo anche sottolineare Ginny Weasley, il personaggio cresce e mi cattura abbastanza (si vocifera che forse forse ho cominciato a shipparla come possibile signora Potter ^___^)
E la svampita Luna Lovegood, sul serio questa è… Boh! Però meno male che c’è insomma 🙂
Non posso dimenticare Firenze (*____*) (che mi hanno sottolineato si chiama Fiorenzo nella vecchia versione  -.-)

Il dolore della perdita…. Se penso che sarebbe bastato ricordarsi del regalo di Sirius. Ma devo ammettere che presa dal panico del momento anch’io non è che ci ho pensato.
Finalmente si vede la grandezza di Silente come mago, ho esultato e fangirlato da morire quando è sfuggito all’arresto. Ho temuto e poi mi sono esaltata quando c’è stato lo scontro al ministero. E nel suo ufficio sul finale …..Il bene che gli voglio aumenta prepotentemente!

(non smetterei mai più di ciarlare di questo libro …)

E adesso?…..

J.K. Rowling Harry Potter e il Calice di Fuoco (Harry Potter #4)

43508 È un momento cruciale nella vita di Harry Potter: ormai è un mago adolescente, vuole andarsene dalla casa dei pestiferi Dursley, vuole sognare la cercatrice del Corvonero per cui ha una cotta tremenda… E poi vuole scoprire quali sono i grandiosi avvenimenti che si terranno a Hogwarts e che riguarderanno altre due scuole di magia e una grande competizione che non si svolge da cento anni. Harry Potter vuole davvero essere un normale mago di quattordici anni. Ma sfortunatamente, Harry non è normale – nemmeno come mago. E stavolta, la differenza può essergli fatale.

E con il finale di questo libro inizia davvero una nuovissima fase piena di incertezze e ipotesi da fare:
Piton, lui è un pò il “parco della vittoria a monopoli”, ho puntato tutto su e contro di lui e … Ci sono andata fregata anche questa volta perchè la Rowling se ne esce ancora una volta con un intreccio da fare girare la testa. Ed è brava e non s’ingarbuglia, non fa una piega e ti lascia con l’avidità di saperne di più.
(E se mai ce lo fossimo dimenticati ci ricorda che quel che appare non necessariamente è quel che è!)
Di Piton continuo a  non fidarmi a maggior ragione adesso, che mi appare più ambiguo che mai. Perchè Silente continua a garantire per lui? Silente lo faccio super intelligente e furbo e saggio e grand’uomo… Ma con Piton toppa secondo me.
Di padre e figlio Malfoy che posso dire a parte confermare ancora una volta che Draco ha il quoziente intellettivo minimo per camminare e rompere le palle al prossimo e Lucius che era un cattivissimo si capiva, quindi assolutamente niente di nuovo sotto il sole!
Fudge invece …. secondo me …. è pulito come una pozzanghera di fango. Vedremo se anche qui faccio la fine di quel pistolone di Ludo Bagman coi goblin e mi tocca scappare.

Mi trovo davanti un Potter che comincia a manifestare qualche atteggiamento da stupido adolescente, e meno male almeno questo visto che per colpa di Noi-Sappiamo- chi, sto poraccio una normale adolescenza tutta brufoli e delusioni amorose non la può avere. In compenso a sto giro non ci siamo fatti mancare il migliore amico idiota che soffre d’invidia, davvero Ron a sto giro meritava di stare giorno e notte con gli Schiopodi sparacoda!
Percy Weasly vince la coppa del pomposorompipallegaloppinoinsopportabilestracciapalle!
Il ritorno di Felpato —> *____*
L’intelligenza e l’onestà e la bravura di Hermione! Hanno voglia di rompere perchè è una secchiona, senza la sua capoccia non arrivano da nessuna parte! Confermo il mio assoluto amore per lei!
Mi è dispiaciuto per Cedric….
Viva Viva i gemelli Weasly e le tortine canarino 😀
E Dobby con il suo gusto orrendo —> kikka si è molto affezionatissima *___*

Cosa succederà adesso che Voldemort è tornato? si scatenerà subito una guerra? I cattivi alzeranno subito la capoccia facendo danni a destra e manca? Ci sarà il momento di calma innaturale che precede la sciagura? Cosa deve fare Piton per conto di Silente? Già prima non sapevi di chi fidarti…..
E Ron che si è accorto che Hermione è una ragazza e c’ha l’attacco di gelosia ? Ron da Hermione giù le zampe!

J.K. Rowling Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (Harry Potter #3)

226246

“Non vado in cerca di guai. Di solito sono i guai che trovano me”. Così dice Harry Potter, giovane studente della prestigiosa Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, ai suoi amici. E infatti Harry non è al sicuro: un famigerato assassino è evaso dalla terribile prigione di Azkaban e gli sta dando la caccia, deciso a ucciderlo. Forse questa volta nemmeno la scuola magica, nemmeno gli amici più cari, possono aiutarlo, non quando tra loro si nasconde un traditore…

Terzo capitolo di una saga che ormai definitivamente mi ha conquistato!
Ancora una volta il giovane Potter si ritrova a vivere le vacanze estive a casa dei Babbani zii sfrangi ca…volfiori, ma quest’anno le cose si complicano perchè arriva la cara vecchia Zia Marge, che in quanto a sfrangere i ca…volfiori è la migliore, al punto da fare proprio incacchiare Harry, che la gonfia come una mongolfiera e se ne va di casa,

Così, con un passaggio sul Nottetempo, comincia la vera avventura di Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. Cosa ci serve il terzo anno a Hogwarts?

A parte l’ennesimo spauracchio del “ohhmmmiodddio stavolta si che mi butteranno fuori da Hogwarts! Ma no, non accadrà nemmeno stavolta.

Il solito Malfoy idiota e bulletto.
Un Piton più Avvelenato/Sbarellato che mai (Giuro io gli somministrerei una bella dose di padellate su quella brutta faccia. Poveraccio, un uomo talmente accecato dai risentimenti del passato che sul finale mi è apparso incapace di… Vivere)

La mappa del malandrino , Lunastorta,Felpato e Ramoso (*__*)

«Severus Piton, professore di questa scuola, ti ordina di rivelare le informazioni che nascondi!» disse Piton, e colpì di nuovo la mappa con la bacchetta. Come se una mano invisibile vi scrivesse, alcune parole apparvero sulla liscia superficie della mappa:
«Il signor Lunastorta porge i suoi ossequi al professor Piton e lo prega di tenere il suo naso mostruosamente lungo lontano dagli affari altrui».
«Il signor Ramoso è d’accordo con il signor Lunastorta, e ci tiene ad aggiungere che il professor Piton è un brutto idiota».
«Il signor Felpato vorrebbe sottolineare il suo stupore per il fatto che un tale imbecille sia diventato professore».

Il miglior professore di Arti Oscure di sempre, Lupin, io avevo avuto paura all’inizio che fosse il solito ennesimo cattivo e invece ….

Si aggiungeranno nuovi importanti tasselli alla storia della famiglia Potter, si riconfermerà ancora una volta che “non tutto quello che è è come sembra!”.
E ad un certo punto nella Stamberga Strillante la realizzazione che tutta la matassa che si va sbrogliando man mano che la storia procede è… PERFETTA!

I Dissennatori una presenza veramente inquietante, e grazie a Dio che esiste il cioccolato 😉
Lo schiaffone che la mia amatissima Hermione ha appiccicato a quel coglionazzo di Malfoy 
Ed aggiungo che è lei la vera protagonista di questo libro. Con il suo studio pazzo, la sua coscienza, il suo fare la spia per proteggere Harry, Grattastinchi, tutte tutte le sue lacrime….. 

Silente: la sua saggezza quando afferma che non ha il potere di costringere gli altri a vedere la verità, la sua furbizia, e l’amore di far trionfare la giustizia, quando suggerisce

«Quello che ci occorre…è più tempo»

A concludere c’è il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ Il segreto di Hermione! 🙂

J.K. Rowling Harry Potter e la Camera dei Segreti (Harry Potter #2)

1410666 Harry Potter è ormai celebre: durante il primo anno alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts ha sconfitto il terribile Voldemort, vendicando la morte dei suoi genitori e coprendosi di gloria. Ma una spaventosa minaccia incombe sulla scuola: un incantesimo colpisce i compagni di Harry uno dopo l’altro, e sembra legato a un antico mistero racchiuso nella tenabrosa Camera dei Segreti.

Tutto quello che mi resterà di questa seconda magnifica avventura:
Harry Potter, che avrebbe dovuto vivere l’estate da scintille&Faville a casa dei parenti Babbani si ritrova ancora una volta cenerentolo (con in aggiunta la tristezza di credere che i suoi amici si sono dimenticati di lui), ha questa innata botta di culo di ritrovarsi sempre nel luogo sbagliato al momento giusto (Notturn Alley)
E doveva essere il suo secondo anno da star, sempre sul pezzo e sempre pronto … Invece quanto è stato peggio in confronto al primo anno?

Dopo Hogwarts…  SOLO ‘La Tana’:

Aveva l’aria di essere stata, un tempo, un grosso porcile di pietra, ma qua e là erano state aggiunte delle stanze per un’altezza di diversi piani e, così contorta, la costruzione sembrava proprio reggersi in piedi per magia (il che, come Harry rammentò a se stesso, era probabilmente vero). Sul tetto rosso facevano capolino quattro o cinque comignoli. Su un’insegna sbilenca fissata a terra, vicino all’entrata, si leggeva: ‘La Tana’. Dietro alla porta principale, alla rinfusa, erano ammucchiati degli stivaloni di gomma e un calderone tutto arrugginito. Diverse galline marroni ben pasciute andavano beccando qua e là per l’aia……
L’orologio, sulla parete di fronte, aveva una sola lancetta e niente numeri. Sul quadrante c’erano scritte cose come: ‘Ora di fare il tè’, ‘Ora di dar da mangiare ai polli’ e ‘Sei in ritardo’.

(Io desidero un orologio come quello *____*)

Il Professor “ommiodddioquantosonofichissimostupendissimo” Lockart, giuro fino alla fine ho pensato – sulla base del “niente è quello che sembra” vuoi vedere che è lui la nuova fetecchia? E invece ….fa la fine del Pirla! 🙂

Padre&Fifglio Malfoy, piacevoli come l’odore del latte scaduto da settimane. (E poi quoziente intellettivo? Poverino Draco c’ha giusto due neuroni in croce e li usa per alimentare la sua stronzosità)

Severus Piton, io proprio non dovevo spoilerarmi un pezzo della sua storia mannaggia la peppa… Perchè ora non è che mi sta più simpatico di prima, ma non sono poi così obbiettiva come prima che ero una dolce fanciulla ignara. Comunque senza Piton non sarebbe lo stesso per nulla quindi …Va bene!

Hermione Granger è la mia Super Eroina. E’ lei quella con il cervello, è lei quella furbetta, è lei la meglio. Hanno voglia a sfotterla Hermione è la vincitrice!

La mia cotta per Silente che sta assumendo proporzioni cosmiche (*___*)

E tra la curiosità di sbrogliare il nuovo mistero della camera dei segreti, la lingua serpentese, Mirtilla Malcontenta, la pozione polisucco, un Complemorte, i duelli tra maghetti alle prime armi…la scena un pò SCHIFOSETTA di Aragog e altre faccende… Impariamo insieme ad Harry la lezione più importante di tutte nella vita:

«….Sono le scelte che facciamo, Harry, che dimostrano quel che siamo veramente, molto più delle nostre capacità».

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/, il particolare da non dimenticare: un diario

J.K. Rowling Harry Potter e la pietra filosofale (Harry Potter #1)

1482132

Harry Potter è un predestinato: ha una cicatrice a forma di saetta sulla fronte e provoca strani fenomeni, come quello di farsi ricrescere in una notte i capelli inesorabilemte tagliati dai perfidi zii. Ma solo in occasione del suo undicesimo compleanno gli si rivelano la sua natura e il suo destino, e il mondo misterioso cui di diritto appartiene. Un mondo dove regna la magia; un universo popolato da gufi portalettere, scope volanti, caramelle al gusto di cavolini di Bruxelles e ritratti che scappano…

Sono tornata bambina! Una favola come questa è capace di rimettermi in pace con tutti i Babbani, anche quelli orribili come i Dursley (ma comunque sempre team #prendetelevostrepadelleesfracagnateleintestaaDudley!!)

Arrivata al finale, super super avvincente del libro, mi sono convinta che la BELLEZZA della storia sta rinchiusa tutta nel fatto che ognuno di noi è Harry Potter, o Hermione Granger (stronzetta saputella ti ho adorato sin dalla prima battuta!), oppure si trova ad avere accheffare con un fastidioso e spocchioso rompiscatole come Draco Malfoy, o peggio ha la sfortuna di parenti tipo i Dursley U_U

Harry che all’inizio è molto “Cenerentolo” (zii e cugini Babbani di Potter pessimi, siete pessimi!) , ma poi una volta scoperto le sue origini, man mano che fa il suo percorso ad Hogwarts (anche io voglio andare ad Hogwarts), che vive le sue avventure, che affronta le sue difficoltà e le sue paure, che cresce! Si questa è la metafora che più mi è piaciuta: la crescita e l’acquisto di fiducia. Perchè ogni scena nasconde un piccolo insegnamento, un piccolo ricordo di qualcosa che abbiamo vissuto anche noi…. 

Quindi visto? Siamo tutti un pò Harry Potter (tranne quelli che hanno la sfiga di essere come i Dursley o Malfoy), solo la maggioranza di noi nella versione Babbana ^__^

Inoltre tutto il mio aMMMMMMore infinito per Hagrid, Silente e la professoressa Mcgonagall. Per tutte le scene che “ho vissuto” insieme a Potter. Per “l’odio” nei confronti di Severus Piton, nel quale ho puntato tutto fino alla fine, e poi ammetto che ci son rimasta secca per la sorpresa. Per gli ultimi capitoli , che mi hanno letteralmente incollata alla lettura impedendomi qualsiasi pausa (anche quelle fisiologiche)

Il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ lo specchio di Emarb