Sarah Madison Volere la luna

27253662Il vampiro Alexei Novik può anche avere i denti aguzzi e la bara, ma ha abbandonato quello stile di vita per una vecchia casa da ristrutturare nei monti Blue Ridge. Stanco del passato, Alex intende restare da solo, ma sembra che il suo nuovo affascinante vicino, Tate, non recepisca il messaggio: una buona cosa, dal momento che questi sembra essere a conoscenza di tutte le cose che riguardano la casa. Tate va anche d’accordo con gli amici mannari di Alex, anche se uno di loro gli ricorda apertamente che la loro amicizia non è una buona idea.
Se una relazione platonica è una cattiva idea, la crescente attrazione tra Tate e Alex è un disastro annunciato. Il dolce Tate si ritroverà invischiato nel mondo pericoloso di Alex e quest’ultimo sarà diviso tra la voglia di avere la relazione che ha sempre desiderato e il desiderio di tenere Tate al sicuro. Quest’ultimo, d’altro canto, non accetta un no come risposta e sembra accettare tranquillamente tutto ciò che Alex gli riversa addosso senza battere ciglio. Proprio quando il vampiro pensa che, dopotutto, le cose possano andare per il meglio, il passato di Alex ritorna, spingendolo a fare una scelta terribile.

Una volta c’erano i vampiri che al sole sbrilluccicavano (#teamEdward semper fi, la vera coppia di twilight era Edward&Jasper 😉 ) oggi Alexei Novik!

I vampiri non sbrilluccicano più ma hanno la bara

“La cosa che fa differenza per un vampiro affinché possa passare o meno per un umano è l’uso della bara….Queste bare sono state tramandate nel corso dei secoli perché, alla fine, i vampiri si stancano della loro esistenza e scelgono di morire, per mancanza di un termine migliore…. La bara ci rinnova, ci sostiene, manda indietro l’orologio biologico e ci dà la forza soprannaturale, proprio come nutrirsi ma con un effetto maggiore. Ci vogliono sei o più pasti al giorno per avere lo stesso effetto di una notte nella bara. Più tempo passi nella bara, meno sei in grado di vivere nel mondo umano. Ti ruba il riflesso, l’ombra.” L’anima.….“Non ti permette di camminare alla luce del sole ma ti rende praticamente invulnerabile. Quando si usa la bara, non è possibile negarsi il bisogno di bere sangue caldo e pulsante direttamente dal collo di un essere umano.””

Alex, anima in pena che cerca la solitudine, ha come amici un gruppo di mannari (cosa impensabile poichè la storia ci insegna che queste due specie sono nemiche per natura, un bel gruppetto di sgangherati in allegria. Tra l’altro la radicata omofobia nella specie mannari? Ehhhhh …..

Alexei è un personaggio drammatico senza essere sfrangipalle, la sua ricerca di più solitudine lo porta a diventare vicino di casa di Tate ( il veterinario FIGO) sfacciato/simpatico/intrattenitore/intelligente/ e pure timido quando serve è veramente il perfetto completamento di Alex.

Una storia scialla e dramicomica, le interazioni tra Nick e Tate strappano più di un sorriso, dove non mancano – giustamente – momenti di sensualità degni di un vampiro, che si legge velocemente grazie allo stile fluido e semplice dell’autrice. Non manca nemmeno il colpo di scena con sorpresa “bonsci bon bon bon ti piace vincere facile” minchiotto da commedy…. Definitivamente una lettura che vi consiglio alla voce “staccare la spina e rilassarsi” 🙂

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/, il particolare da non dimenticare: TGP 😉

Precedente Anteprima Recensione: Anna Martin Per dire ti amo (Another Way #3) Successivo J.K. Rowling Harry Potter e l'Ordine della Fenice (Harry Potter #5)