I still haven’t read #25

Ciao bimbi e ciao bimbe, un buon tutto quello che fa piacere a voi!

So che sembro silenziosa e latitante, non lo sono. Cioè sono poco comunicativa forse, ma sapete è la vita che accade e  ci sono giorni che andrebbero dormiti e …. Non è questa la sede delle lamentele! Sono rimasta comunque qua in poltrona comodamente “accoffolata” a leggere, vi racconterò poi ….
Ora invece metto di lato le mie stupidezze per un nuovo appuntamento con “i libri che ancora non ho letto …”

* Ricordo a tutti che io questa rubrica l’ho scoperta grazie ad @anncleire , e che trovate QUI tutti quelli suoi *

Credo di aver già detto, in tal caso lo ripeterò lo stesso quindi pace e bene, che quest’anno non farò (a meno che non ci ripensi… tutto può essere) la sfida Challenge su GR. Invece ho già detto pure questo, e lo ripeto quindi …datemi una botta in testa se mi s’incanta il disco, voglio provare 2015 Reading Challenge (del quale QUI trovate un bel gruppo di sostegno con consigli e chiacchiere librose).
Tutta la manfrina di cui sopra per il libro che posterò a questo giro. Esso è nella mia personale lista su questa sfida, ed è anche una RIlettura che desideravo fare da tanto tempo. Sto parlando del primo punto di codesta lista: un libro con più di 500 pagine ,questo che ho scelto ne ha ben 656 e trattasi di …..

3399944

Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley

Vi fu un’epoca in cui le porte tra i mondi fluttuavano con le nebbie e si aprivano al volere del viaggiatore. Di là dal regno del reale si schiudevano allora luoghi segreti e incantati, siti arcani che sfuggivano alle leggi di Natura e si sottraevano al dominio del Tempo, territori favolosi dove le più strane e ammalianti creature parlavano lingue oggi sconosciute, avevano gesti, modi e riti oggi indecifrabili; dove nessuna cosa era identica a se stessa, ma poteva mutarsi ogni istante in un’altra. Con l’andar del tempo, però, “reale” e “immaginario” entrarono in netto contrasto. Allora come oggi, furono le donne a fare da mediatrici. Morgana, Igraine, Viviana conoscevano il modo per far schiudere le nebbie e penetrare nel magico regno di Avalon…

Non vedo l’ora di immergermi nuovamente in questo mondo di credenze/magie/superstizioni …. Un mondo che ho amato a prima lettura,che ho letto – anzi è più giusto dire divorato – in poche notti. Ahhhhhh me lo ricordo bene ero cosi CCCiovane….

Un giorno incontrerò il Genio della lampada e no non chiederò ricchi premi e cotillon, beh forse magari giusto un desiderio piccolo piccolo e fottutamente venale, no io gli chiederò di fare una passeggiata nel tempo per poter vedere con i miei occhi Re Artù e Lancillotto e i cavalieri della tavola rotonda, per fare due chiacchiere con Morgana e ….

…. E quindi, nell’attesa di quel momento, per ora mi ritiro nel mio piccolo regno. La camomilla c’è, il libro anche…

Noi ci si legge

Precedente T.J. Klune Un insolito triangolo (Bear, Otter, and the Kid #1) Successivo T.J. Klune La nostra identità (Bear, Otter, and the Kid #2)