Rhys Ford Sporchi segreti (Cole McGinnis #2)

34810704Per Cole McGinnis, ex poliziotto diventato investigatore privato, amare Kim Jae-Min non è sempre facile, perché Jae è riluttante a mostrare apertamente il suo orientamento sessuale. Al contrario, Cole non sa vivere in un altro modo, anche se capisce come si sente Jae. Gli uomini coreani che seguono la tradizione, infatti, non sono gay, perlomeno non quando possono essere scoperti.
Ma Cole non può dedicare troppo tempo a sbrogliare i problemi del suo ragazzo. Ha un incarico da portare a termine. Quando una cantante di nome Scarlet chiede il suo aiuto per trovare Park Dae-Hoon, un coreano gay che è sparito quasi vent’anni prima, Cole si ritrova immerso nel mondo intricato delle ricche famiglie coreane, dove il dovere e la politica significano sacrificare la felicità per conservare imperi aziendali. Ben presto i cadaveri iniziano ad accumularsi senza un’apparente logica. A ogni passo che Cole fa verso il ritrovamento di Park Dae-Hoon, un’altra persona va incontro alla morte, e proprio qualcuno che Cole ama potrebbe essere la prossima vittima dell’assassino.

Confesso che avevo dimenticato un po il primo libro e quindi,prima di iniziare questa seconda avventura delle serie, mi sono affidata alla memoria potente di Iss O Pupaz.
Poi comunque mi è bastato leggere sin dalle prime righe per ricordarmi perchè mi era piaciuto tanto Cole, ed è stato piuttosto facile ambientarmi nuovamente nella storia (tranne per i nomi coreani… quelli m’hanno un po stressato l’anima)
Mi sono ricordata la mia cotta per Bobby e per Scarlet, del quale sogno un libro a parte tutto loro, e lo stile avvolgente di Rhys Ford 🙂 !

In questo secondo capitolo della serie Cole avrà il compito di ritrovare un coreano gay scomparso molti anni prima. L’uomo in questione è padre di due ragazzi, ed è uno dei due a commissionare l’indagine. Il giovanotto in questione è gay pure lui, e sta passando un periodo pessimo visto che è stato beccato con le braghe calate …. Questo mette in moto una serie di eventi sanguinolenti. Conosciamo di più il modo di ragionare della comunità coreana, c’è davvero un senso di chiusura che mamma mia i brividi!

Cole inoltre è impegnato a portare avanti la sua nuova storia d’amore con Jae, a fare pace con i fantasmi del suo passato, e poi devo dire che a leggere il confronto coi suoi genitori m’è pure venuto da piangere per lui.

Una bella lettura, buon ritmo, mi piace tanto il sarcasmo/ironia/umorismo di Cole, belli i momenti d’intimità tra Cole&Jae, e complimenti per il finale in pieno stile telefilmico …. Insomma per me è SI! 😉

Precedente Recensione Anteprima Abigail Roux Goie e dolori (Cut & Run #8) Successivo Fangirday #11 (cose)