Mary Calmes Quando si posa la polvere (Timing #3)

35571797Quando Glenn Holloway dichiara la propria omosessualità alla famiglia, la sua vita viene sconvolta. Per aggiungere al danno la beffa, se ne è andato via dal ranch in cui è nato e cresciuto per aprire il ristorante che ha sempre desiderato. Senza alcun aiuto da parte del padre e del fratello, e troppo orgoglioso per accettare una mano da chiunque altro, ha dovuto ricominciare da zero. Col tempo le cose hanno iniziato a funzionare: Glenn ha avviato un’attività di successo, si è costruito una nuova casa e ha creato una vita di cui essere orgoglioso.
Nonostante i successi, però, il suo allontanamento dalla famiglia, gli Holloway, è ancora una ferita che non riesce a guarire. Rendere un favore si trasforma nel suo peggiore incubo. Per mantenere la parola data, infatti, Glenn ritorna alle sue radici, dove è costretto ad avere a che fare con il fratellastro Rand Holloway e si ritrova faccia a faccia con Mac Gentry, un uomo che lo affascina fin troppo. Tutto potrebbe finire in un disastro: sia i tenui legami familiari, sia quel desiderio che non sapeva di avere nel cuore.
 

Allora comincio dalla parte cattiva: Il finale di questo libro è paragonabile ad una sveltina dietro un vicolo dove chi riceve il pompino dopo aver goduto invece di ricambiare saluta e se ne va ….

In quest’ultimo appuntamento della serie la storia è quella di Glenn Holloway (che nello scorso libro abbiamo scoperto che è fratellastro di Rand, che ha ha detto alla famiglia “sapete cosa? Sono gay e di fare il cowboy e occuparmi del ranch mi fottesega, io voglio aprirmi un ristorante!”, e se ne va ….).
Glenn mi ha dato l’impressione di essere un uomo irrisolto con se stesso, malgrado il suo essere venuto allo scoperto, di aver realizzato il suo sogno, di aver smesso l’uso di steroidi, di coltivare il suo sogno di trovare il vero amore della sua vita.

Per restituire un favore che gli ha fatto Stefan, per aprire il suo ristorante, deve aiutare suo fratello. Capiamo che il suo essere una pentola di fagioli, un po stronzo e cocciuto da morire, è tutta una mascherata, sotto sotto lui si sente inferiore e fuori posto… Ed anche un po invidioso.
Ci penserà Mac a metterlo a nudo in tutti i sensi,ad aprirgli gli occhi… Io ve lo spoilero che sinceramente al primo bacio, ad alcuni dialoghi m’è scappato pure da ridere…..
E forse forse succederà pure che il giovanotto aprendo gli occhi si renderà conto che la sua famiglia non è che lo schifa come lui si crede. 

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) una chiave 😉

Precedente Nicola Yoon Noi siamo tutto Successivo Jenny Anastan Se il nostro amore non basta