C.S. Pacat L’ascesa dei Re (Captive Prince #3)

39331487Damianos di Akielos è tornato. 
Ora che la sua identità è stata svelata, Damen deve affrontare il suo padrone, Laurent, come Damianos di Akielos, l’uomo che il principe di Vere ha giurato di uccidere.
Sull’orlo di una battaglia epocale, il futuro dei loro due regni è in bilico. A sud, l’esercito di Kastor si sta radunando, mentre a nord le forze del reggente si mobilitano per la guerra. L’unica speranza di Damen è allearsi con Laurent per sconfiggere insieme i loro usurpatori. Ma anche se la fragile fiducia che condividono resisterà alla rivelazione della vera identità di Damen, sarà sufficiente per sventare l’ultimo e più spietato piano del reggente?

Meno male che ho dovuto aspettare solo un mese, e forse meno, per leggere l’ultimo atto di questa splendida trilogia. Grazie Dio, grazie Triskell

 

Ho iniziato a leggere con delle ipotesi che nella mia mente erano certezze, ma è bastato il primo dialogo tra Laurent e Damen a farmi rimettere tutto in discussione, adoro quando una storia e suoi personaggi mi obbligano a litigare con i miei neuroni!
Come nel secondo libro anche qui è tutto un crescendo fino all’epilogo finale, finché tutte le verità non vengono svelate, finché sia Damen, ma soprattutto Laurent, non vengono messi a nudo nella loro essenza.

Un’alleanza per combattere i ladroni, soldati di due popoli che si odiano a morte che si uniscono e i loro piccoli timidi passi per costruire un minimo di fiducia l’un l’altro, Laurent e tutte le sue molteplici sfumature, Damen e la sua lealtà e i suoi momenti di ingenuità malgrado tutto, ogni loro dialogo,uno dei miei passaggi preferiti:

Nicandros lo fece voltare e gli appoggiò le mani sulla schiena, allargandole come se il tatto potesse confermare ciò che i suoi occhi rifiutavano di credere. «Chi è stato?» chiese.
«Io,» rispose la voce di Laurent. Damen si girò. Il principe era apparso sulla soglia della tenda. La postura elegante e lo sguardo indifferente fisso sul kyros. «Avevo intenzione di ucciderlo, ma mio zio non me lo ha permesso.» Incapace di trattenersi, Nicandros mosse un passo verso di lui, la mano sull’elsa della spada e la tempesta nello sguardo, ma Damen lo trattenne per un braccio. «Mi ha anche succhiato il cazzo,» aggiunse Laurent.
«Eccelso, chiedo il permesso di sfidare il principe di Vere a un duello d’onore per lavare l’affronto che vi ha fatto.»
«Negato,» rispose Damen. «Vedi,» disse Laurent. «Lui mi ha perdonato per la sciocchezza della frusta. Io l’ho perdonato per la sciocchezza di avermi ucciso il fratello. Lunga vita all’alleanza.»

Penso che una delle sfumature di Laurent che maggiormente adoro è questo suo spingere sempre sull’acceleratore invece di frenare.
Nicandros e Jord i miei preferiti, invece per Jocasta ho provato una punta di delusione….. 

Tutta questa storia ha in se della magia, è attraente, conquista profondamente, resta nel cuore!  Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) la notte alla locanda 😎😍

C.S. Pacat La Mossa del Principe (Captive Prince #2)

38596244Con i loro due paesi sull’orlo di una guerra, Damen e il suo nuovo padrone, Laurent, dovranno lasciarsi alle spalle gli intrighi del palazzo e concentrarsi sulle più ampie forze del campo di battaglia mentre viaggiano verso il confine per scongiurare un complotto fatale.
Costretto a nascondere la sua identità, Damen si sente sempre più attratto dal pericoloso e carismatico Laurent, ma via via che la fiducia nascente tra i due uomini si approfondisce, le scomode verità del passato minacciano di infliggere il colpo mortale al delicato legame che ha cominciato a unirli…
 

Non posso che esordire con un forte fortissimo
null
e meno male che esce questo mese!

In questo secondo capitolo ci allontaniamo da Vere e dalle magagne di palazzo, Laurent e Damen, con una compagnia di sgangherati, partono per andare a presidiare le zone di confine.
Nel “principe prigioniero” ho odiato Laurent per la sua cattiveria e la sua mente contorta, però nel mio cuore l’ho sempre saputo che per me è uno di quei cattivi che alla fine rimane solo da innamorarmene, ed in questo secondo capitolo me ne sono innamorata perdutamente infatti!
Laurent è una cipolla che viene sfogliata mano a mano che la storia si snoda. La sua mente è brillante e fottutamente calcolatrice fino allo sfinimento, il suo modo di muoversi è molto furbo ….. Io posso solo dire

Chapau (esclamazione francese che indica stupore, da usare quando allafacciadelcazzo ti fa sembrare troppo ruspante … e questa spiegazione non è farina del mio sacco)

Uno degli aspetti che maggiormente ho amato è stato il rapporto crescente tra Damen e Laurent, i due si sono studiati/concessi mentalmente e hanno imparato l’uno dall’altro, hanno costruito qualcosa aldilà della loro naturale inimicizia. Il tutto un pazzo ed un’azione alla volta, fino al momento in cui Laurent si spoglia della sua corazza lasciando che Damen veda, fino al finale in cui Damen realizza che ….
Mi fermo qui e non aggiungo altro, solo e soltanto perchè sennò mi metto a scrivere passo passo tutto quello che succede, commettendo il crimine di spoilerare, e questo secondo capitolo della trilogia non se la merita questa cattiveria da parte mia.

Vi consiglio caldamente di recuperare questa trilogia, e poi contattatemi che ho teorie e pensieri  e devo blaterare con qualcuno che sa, visto che la mia Iss O Pupaz – crudeleeee – si è fissata che preferisce aspettare l’uscita del terzo per recuperare ….

Anteprima Recensione C.S. Pacat Il Principe Prigioniero (Captive Prince #1)

35486108Damen è un guerriero e un eroe per il suo popolo, nonché il legittimo erede al trono di Akielos. Ma quando il fratellastro si impadronisce del potere, Damen viene catturato, privato del suo nome e spedito a servire il principe di una nazione nemica come schiavo di piacere. Bellissimo, manipolatore e pericoloso, il suo nuovo padrone, il principe Laurent di Vere, rappresenta tutto il peggio della corte di quel paese. Ma all’interno di quella letale ragnatela politica niente è come sembra, e quando Damen si trova, suo malgrado, invischiato nelle macchinazioni per il raggiungimento del potere, è costretto a collaborare con Laurent per sopravvivere e salvare la sua casa. Per il giovane condottiero, a quel punto, vige una sola regola: non rivelare mai, in nessun caso, la propria identità, perché l’uomo da cui dipende è anche colui che, più di chiunque altro, ha motivo di odiarlo…

Una lettura sicuramente ipnotica, appena si inizia è impossibile fermarsi, e non essere presi pienamente dal bisogno di sapere come Damen riuscirà a cavarsela fra: tradimenti,intrighi di palazzo,giochi politici,decadenza e quei tocchi di violenza e sesso molto …. Telefilmici. Mi viene in mente di citare il “trono di spade”, del quale io non ho finito di vedere la prima stagione perché….. sono solo fatti miei (cit.) 😉
E comunque mi piaceva vederlo, perciò prima o poi lo recupererò!

L’ambientazione, tutto ostentazione ed artificiosità. Tutta chiacchiere e ipocrisie,il veleno della cattiveria ben nascosto da un sapiente “trucco&parrucco” (impressionante Nicaise), ci dirà Damen che ad Akielos è tutto molto più sincero e senza fronzoli!

I personaggi sono molto molto ben caratterizzati.
Ho provato affetto ed empatia per Damen, mi sono ritrovata a incoraggiarlo a non arrendersi, a lottare, a non lasciarsi mettere sotto, a prendere a calci in culo i “malvagi”. Infondo lui è il principe tradito dal suo stesso sangue, quello che si deve arrangiare a sopravvivere nella fossa dei leoni, è coraggioso e audace, senza peli sulla lingua, orgoglioso,il mio momento preferito è quando “contratta” non per se stesso ma …non ve lo dico che sennò scatta lo spoiler!
E di contro tutte le volte che Laurent partecipava alla scena sentivo il bisogno di corcarlo di ceffoni

(Tipo Joffrey in #GOT per l’appunto)

E più di una volta mi sono ritrovata ad esclamare durante la lettura “Dio lo odio proprio!!!” Bello come un angelo e infingardo, fetente, subdolo, bastardo…. Secondo me la sua personalità è racchiusa in questi versi di malafemmena

 doce comm”o zzuccaro…
peró ‘sta faccia d’angelo, te serve pe’ ‘nganná!

Eppure arrivata al finale di questo primo capitolo mi ritrovo a sperare che niente gli succeda. Perchè se c’è una cosa che ho capito man mano che leggevo è che l’apparenza non è quel che sembra, e comunque non tutto è oro e quel che luccica e altre banalità del genere ….

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) l’appartamento privato di Laurent

Lo Stuzzichino del martedì (Segnalazione Anteprima)

Ciao bellissimi 😘,
caldo {piacevole per me}, pensieri di merendine {oggi il mio regno per i flauti del mulino bianco}, ecc ecc…

Oggi allo #stuzzichino gli metto il vestitino bello per presentare una anteprima che mi sono segnata, e che secondo me fareste bene a segnarvi anche voi:
Titolo: Il principe prigioniero
Titolo originale: Captive Prince #1
Autrice: C.S. Pacat
Traduttrice: Claudia Milani
ISBN: Ebook 978-88-9312-237-5
ISBN: Cartaceo 978-88-9312-239-9
Genere: Letteratura lgbt, storico fantastico
Formato: pdf, epub, mobi, cartaceo
Lunghezza: 186 pagine
Prezzo: e-book € 4,99 / cartaceo € 11,00

Trama:
Damen è un guerriero e un eroe per il suo popolo, nonché il legittimo erede al trono di Akielos. Ma quando il fratellastro si impadronisce del potere, Damen viene catturato, privato del suo nome e spedito a servire il principe di una nazione nemica come schiavo di piacere. Bellissimo, manipolatore e pericoloso, il suo nuovo padrone, il principe Laurent di Vere, rappresenta tutto il peggio della corte di quel paese. Ma all’interno di quella letale ragnatela politica niente è come sembra, e quando Damen si trova, suo malgrado, invischiato nelle macchinazioni per il raggiungimento del potere, è costretto a collaborare con Laurent per sopravvivere e salvare la sua casa. Per il giovane condottiero, a quel punto, vige una sola regola: non rivelare mai, in nessun caso, la propria identità, perché l’uomo da cui dipende è anche colui che, più di chiunque altro, ha motivo di odiarlo…

Un piccolo estratto è stato twittato stamattina

Del libro hanno detto:
«L’esordio della Pacat, a metà tra il romanzo erotico e lo storico fantastico, è in egual misura inquietante e avvincente […] La complessità degli intrighi politici conferisce spessore alla sensualità che anima il libro […] I fan della trilogia di Kushiel di Jacqeline Carey lo divoreranno.» Publisher’s Weekly

«Vi affascinerà e vi lascerà col fiato sospeso.» USA Today

E dell’autrice vi dico…
C.S. Pacat è l’autrice della trilogia best-seller Captive Prince. Nata in Australia e formatasi presso l’Università di Melbourne, da allora ha vissuto in diverse città, tra cui Tokyo e Perugia. Attualmente risiede e scrive a Melbourne.
Le sue prime serie sono nate come fiction originali sul web e hanno attirato moltissima attenzione, divenendo praticamente virali, prima di essere acquisite da Penguin USA. La trilogia Captive Prince è diventata un bestseller USA Today grazie al successo commerciale e all’acclamazione della critica.

Esta Bien, s’è fatta na certa, il pancino comincia a cantarmi, vado a procacciarmi cibo ….  Noi ci si legge
Face Blowing a Kiss on Google Android O Beta