Eli Easton Buon Natale, Signor Miggles

Siccome che sono nel periodo “lettrice in crisi”, e la mia lista di libri da recuperare è lunga 20 quaresime (…e forse di più), e mancano 87 giorni a natale …. Riparto proprio da una storia natalizia 😀

33403690Toby Kincaid adora il suo lavoro nella biblioteca della città di Sandy Lake, in Ohio, dove passa i suoi giorni circondato dai libri a parlare con i visitatori. Adora specialmente il suo capo, il signor Miggles: gentile, arguto, sapiente in qualsiasi campo e totalmente innamorato del Natale. Sean Miggles, oltretutto, è davvero carino, specialmente per essere un adulto che veste completo e cravatta. L’uomo, però, si tiene a distanza da tutti, e c’è una tristezza nei suoi occhi che Toby non comprende. Quando Sean viene accusato ingiustamente di un crimine che non ha commesso si arrende e non prova neanche a lottare, perciò Toby si rende conto che deve essere lui da solo a salvare la biblioteca… e il suo capo. Cercherà, così, di smascherare l’oscurità che si cela nel passato di Sean e dimostrargli che anche lui merita una seconda possibilità, nella vita come nell’amore. E, mentre si occupa del suo personale miracolo di Natale, magari riuscirà anche lui a ricevere il dono a cui ambisce tanto: amare ed essere amato dal signor Miggles.

Quello che ho maggiormente amato di questa storia è stata l’ambientazione: una biblioteca 😍 (ed anche le varie citazioni random … Beh tranne quella su cime tempestose, io odio cime tempestose).
A narrarci il tutto è Toby, assistente capo bibliotecario, un giovanotto appassionato del suo lavoro – con un ragazzo “scopata comoda e mangia soldi” , ed una cotta latente per il suo capo: Mister Miggle appunto.
Sean Miggle,è serio e composto, un uomo tranquillo e …. nei suoi occhi si nasconde tanta tristezza, che però scompare durante il periodo natalizio. Inoltre è un uomo silenziosamente molto buono, e si sa che a seminare il bene qua e la, poi si raccolgono i frutti 😉

È una storia calda e natalizia, tipo i film del pomeriggio a dicembre, ma nonostante questo gli argomenti che tratta sono molto seri. Per esempio i cattivi genitori che scaricano i figlioli come pacchi e se ne fottono, oppure il brutto crimine di cui viene accusato Mister Miggle (fatto questo che da la possibilità a Toby di aprire gli occhi e vedere dove sta di casa l’amore vero…), i pessimi avvoltoi pronti a sciacallare per i propri interessi.

Ma è anche una bella storia di buoni sentimenti, dove la comunità si batte per proteggere un tesoro prezioso come la biblioteca, e per difendere il suo custode, non ho problemi ad ammettere che al “momento della resa dei conti” mi ha gasato alquanto 🙂

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire): Glühwein

Precedente Charlie Cochet Nel bene e nel male (THIRDS #8) Successivo Tibby Armstrong No apologies (Hollywood #1)