Tara Lain Il Cavaliere di Ocean Avenue (Love in Laguna #1)

33804916Come si fa ad avere venticinque anni e non sapere di essere gay? È una domanda che Billy Ballew preferisce evitare. Ha lasciato presto il liceo, a malapena capace di leggere fino a quando non ha imparato come autodidatta. Con il suo lavoro da muratore ha aiutato i genitori e contribuito a far studiare le sorelle al college. Fa l’allenatore per una squadra di baseball della Little League e cerca di non pensare ai tre fidanzamenti falliti. Il terrore che prova quando deve sostenere degli esami gli impedisce di ottenere la licenza da impresario che tanto desidera, e la paura del giudizio di sua madre gli impedisce di vedere ciò che potrebbe davvero renderlo felice.
Fino a quando, durante i preparativi per il grande matrimonio della sorella, non incontra Shaz – Chase Phillips – uno stilista emergente che incarna la parola gay. Agli occhi di Shaz, Billy possiede tutto ciò che ha sempre voluto in un uomo: forza, onestà, coraggio. Ma anche se Billy fosse gay, probabilmente non riuscirebbe a sopportare lo scandalo che scaturirebbe dall’uscire con una diva come lui. Come possono due uomini con così poco in comune trovare un modo per stare assieme? Lo Stilista dell’Anno coronerà la sua storia d’amore con il Cavaliere di Ocean Avenue?

All’inizio con una lettura superficiale mi sono detta: storia carina, gayingenua, forse troppo gayingenua … Insomma Billy la tua omosessualità è l’elefante nella vetrina di cristallo, ci fai o ci sei che non lo vedi???

“Sei mai stato attratto dai ragazzi? Dagli uomini?”
“Forse. Ricordo delle cose che avevo pensato e provato, ma non le ho mai veramente collegate. Mi è sempre piaciuto masturbarmi col porno gay…..Sono un disastro con le donne. Non mi divertono le cose che agli uomini come me dovrebbero piacere….. lascio che uomini gay mi succhino l’uccello.” Si fissò le mani….

Ma poi ho letto davvero … 

“Pensi che abbia faticato molto per negare la mia attrazione verso gli uomini?”
“Penso che tu abbia faticato molto per aiutare la tua famiglia in una maniera vergognosamente altruista, e per negare la tua attrazione verso gli uomini…..Non eri pronto Billy. Stavi arrancando in una vita che qualcun altro aveva modellato per te. Dovevi vederlo prima di riuscire a cambiare.”

Billy è un uomo molto generoso ed onesto, è uno che non ha molta fiducia in se stesso (sia mentalmente che fisicamente), è un uomo che una volta resosi effettivamente conto di chi è per davvero si trova a fare i conti con la sua paura di cosa potrà pensare la gente che lo conosce anche solo di vista, e di fare i conti con i commenti che a parere mio non sono buoni manco come carta igienica! Quindi sia benedetto il momento in cui nella sua vita entra Chase – detto Shaz, il top del top degli stilisti, gay che più gay non si può – che non solo migliorerà il suo aspetto fisico ma anche la fiducia in se stesso e in un certo senso lo fa rinascere a nuova vita!

E Shaz non è solo lo stilista gay stereotipo, che adora lo champagne e la bella vita. Ma un uomo con un vissuto alle spalle doloroso. E che nonostante tutto si è saputo rimettere in piedi e si è fatto da solo.
Shaz che da giovane era bullizzato per questa sua “diversità” si rifugia nel mondo della moda che non solo lo accetta ma gli permette anche di essere un po sopra le righe. E infatti sta cosa che “lui non può stare con me, insomma è come una dichiarazione continua, il mondo la fuori è brutto e cattivo…” ecc ecc fa un po telenovela … Eppure quando ci sarà da accompagnare Billy la fuori in quel mondo che forse è ostile e forse no, lui non si tirerà indietro!

Devo dire che è verso i capitoli sul finale che mi sono esaltata più di un po, e comunque il confronto con la madre mi è molto piaciuto! Inoltre sono andata a spulciare su goodreads le prossime storie di questa serie e sono molto curiosa!

Infine secondo il gioco di @anncleireil particolare da non dimenticare: butt plug (e non ci vede solo zozzonaggine … c’è pure quella ovviamente, ma non solo 😉 )

Precedente La Pillola #20 Successivo Lo Stuzzichino del martedì #54 (audio)