Sandrine Gasq-Dion Dall’Alaska con amore (Assassin/Shifter #2)

Doverosa nota iniziale è : rispetto al primo mi è sembrato un pizzico più cazzaro, però è una lettura scialla per rilassarsi quindi ci può stare 😉

Josh Montgomery è un uomo americano dal sangue caldo che ama il suo lavoro e ama ancora di più le donne. Come parte di una squadra d’élite gestita dal Generale Derek Jacobs, Josh e gli altri assassini sono orgogliosi del loro lavoro. Quando un incarico da cecchino si trasforma di colpo in una missione di salvataggio, la vita di Josh viene sconvolta dall’uomo che ha salvato. Ora deve cercare di capire chi è veramente. Con l’aiuto dei suoi amici Mateo, Riley e Troy, Josh cerca di fare luce su quello che sta provando.
Mark Patterson si è unito a Medici Senza Frontiere per fare del bene in un paese straniero. Non poteva certo sapere che un signore della droga, maniaco e perverso, lo avrebbe rapito e usato per smerciare droga, tra le altre cose… Non avendo alcuna speranza di soccorso, Mark si rassegna alla sua prigionia, finché una mattina all’alba viene salvato da un dio biondo. Josh Montgomery è alto, luminoso e bello… ed è etero.
Stare in uno spazio ristretto rende solo le cose più difficili per entrambi gli uomini; Mark riuscirà ad avere l’uomo che vuole? Forse Josh tenterà la sorte… Nella selvaggia foresta di Denali i due uomini si avvicinano, ma sarà per sempre? O il passato di Mark li separerà?

Tema: descrivi quello che di questa storia ti è rimasto impresso.
Svolgimento
“Ciao Sono Josh e sono sempre stato il classico tipo da una botta e via. Niente coinvolgimenti. Niente piagnistei. Sia io che la donna del momento sapevamo che era pura questione carnale!
Poi un giorno mi capita di andare a fare una missione; apro parentesi per dire che sono un cecchino assoldato dal governo, il mio compito è fare la pellaccia ai cattivi e fetentoni;
Sono appostato per freddare questo disgraziato signore della droga e liberare un americano. E SBAM appena vedo questo americano, bello come un Apollo…. il mio uccello comincia a fare pensieri sconci. Ma come??? Io non ero etero e w le tette??
Invece mo vedo questo tizio e il mio uccello si becca il colpo di fulmine instantaneo….”

Certo è da sottolineare che oltre al colpo di fulmine il nostro Josh vede cosa fanno al poverino in questione ed in lui, che è un killer “buono” dal cuore di panna sente un forte istinto di protezione!

Mark bello bello in modo assurdo , il giovane dottore americano rapito e costretto a spacciare droga e pure violentato dal Cattivissimo, prega di essere salvato e Josh esaudisce le sue preghiere (sia messo agli atti che pure Josh è bello bello in modo assurdo)

Di prassi quando ci sta di mezzo la violenza sessuale divento ferocemente critica e m’incazzo per la serietà dell’argomento. Stavolta non lo farò, non perchè mi cali la questione, ma semplicemente perchè come ho specificato ad inizio post questa storia è più cazzara rispetto al primo libro, nonostante la godibilità della lettura. I personaggi non hanno chissà quale pretesa di spessore, semplicemente intrattengono il lettore!

Si snoda così, tra la confusione sessuale di Josh/il recupero di Mark/intrecci alla “ammazza come è piccolo il mondo ed altre cazzate”/Dereck&James (la curiosità che ho su questi due cresce)/gli amici di Josh (il trofeo lo vince la telefonata di Josh e Riley sul sesso signori miei!), il secondo capitolo di questa serie

Inoltre alla fine si scoprirà un pò di più che sta serie c’ha pure il tocco paranormale, ed io comunque l’avevo annusato si da subito il segreto *ammicco*

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è il finale romantico e puccioso 😉

Charlie Cochet Con il fiato sospeso (THIRDS #2)

29988070 Quando in un Centro Giovanile Teriano, scoppiano delle bombe che feriscono alcuni membri della squadra Destructive Delta dei THIRDS e causano uno screzio tra gli agenti Dexter J. Daley e Sloane Brodie, la pace sembra una meta irraggiungibile. Specialmente quando un nuovo spaventoso gruppo, l’Ordine di Adrastea, sembra essere sempre un passo avanti a loro. Con il diffondersi del panico e dell’intolleranza, e le strade che iniziano a riempirsi della propaganda dell’Ordine, le ostilità tra Umani e Teriani si inaspriscono. Dex e Sloane, assieme al resto della squadra, sono determinati a distruggere l’Ordine e a ristabilire la pace, per non parlare dei conti personali in sospeso da saldare. Ma più la squadra investiga sulle esplosioni, più si rende conto che dietro lo spargimento di sangue e la diffusione del caos si cela una motivazione più sinistra.
La scoperta della spaventosa verità che si cela dietro gli intenti dell’Ordine obbliga Sloane ad affrontare i segreti di un passato che pensava di essersi lasciato alle spalle, un passato che non solo potrebbe annientare lui e la sua carriera, ma anche la reputazione dell’organizzazione che lo ha fatto diventare l’uomo che è oggi. Ora più che mai, Dex e Sloane hanno bisogno l’uno dell’altro e, grazie alla fiducia reciproca, la forza del loro legame farà la differenza tra giustizia e guerra senza esclusione di colpi.

Adoro Adoro Dexter, il suo modo pagliaccio di affrontare la vita. Questo suo avere il sorriso a portata di mano, di regalare sempre un momento di buffonaggine che stempera quello che altrimenti sarebbe insopportabilmente tragico, il suo essere un buon amico/un amico fidato. E soprattutto adoro il suo modo generoso di amare Sloane.

Sloane che mi piace, eh però c’è quella punta di “senza palle” di troppo che ha esibito a sto giro che je avrei menato a padellate senza pietà.

(mi ha detto la mia gigia a miei commenti che “si fa incazzare un momento però un po lei lo capisce, però si fa perdonare”. Vero, però na sfracagnata sul quel grugno da eccitante/sexi/strappamutande giaguaro teriano)

Altri punti da annotare al ohhhmmmiodddio mi sciolgo di fangirlismo
il sesso, sempre bello e scritto bene bene.
Hobbs&Calvin, il fratello di di Hobs tale Seb (ed il suo amore non realizzabile, che per me sto matrimonio saddaffà, per … non lo dicooooo 😉 )
La Minaccia Livello Fucsia 🙂
Ogni componente della squadra Destructive Delta (meravigliosi…. e, come li definirà Dex, incestuosi 😉 )
Ash etero? ……

Secondo capitolo della storia di questa storia e ci ritroviamo non solo a seguire l’evoluzione dello psicopatico Isaac, che vuole distruggere Sloane e i teriani, dominare il mondo e bla bla bla e altre stronzate concepite da questa monnezza. A questo si intreccia l’evolversi del rapporto di coppia tra Sloane e Dex.
Dove notiamo le paure – e l’ottusità anche – di Sloane, e la generosità nel dare di Dex. (non lo dirò mai abbastanza quanto sono innamorata di lui.) 

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è Journey Faithfully (ahhhh Dex e la sua passione per la musica anni 80, fra le altre cose 😉 )

J.R. Loveless Perdonare Thayne (True Mates #2)

29855680

Nicholas Cartwright ha fatto tutto ciò che era in suo potere per dimenticare la notte di sei mesi prima a Senaka, quando il suo compagno predestinato l’ha rifiutato, lasciandolo distrutto e disilluso. Si è buttato nel lavoro, consumandosi fino all’esaurimento, e trova ormai intollerabile il tocco di chiunque altro. Improvvisamente il suo compagno ha bisogno del suo aiuto e gli chiede forse più di quanto Nick riesca a dare.
Thayne Whitedove è sempre stato un nomade. Passa i giorni sulla strada e le notti tra le braccia di qualche facile conquista, fino a quando un fatidico sbaglio non lo costringe a tornare a casa per trovare conforto. Purtroppo, l’unico modo per rimediare al suo errore di giudizio è accettare la sola cosa che non ha mai voluto: il suo compagno. Thayne deve decidere se fuggire oppure restare e lottare per ottenere il perdono di Nick.

Prima di tutto c’è da dire che la storia nel suo stile e nei personaggi l’ho trovata molto più matura e “pensata” rispetto a “Caccia a Seth“, in cui avevamo  già conosciuto Nick (molto di più) e Thayne. Sapevamo già che i due sono predestinati compagni di vita, sapevamo già che Thayne aveva rifiutato Nick nella sua vita.

In questa storia scopriamo le sue motivazioni di Thayne, uno che scappa. Scappa da se stesso, dai suoi errori, da questi si lascia inseguire e continua a scappare finchè ad un certo punto scappare non è più un’opzione fattibile. Il problema è che per risolvere i suoi guai deve accettare l’aiuto di Nick. Da qui in poi a me è scattata la voglia di corcare Thayne a sganassoni a pranzo e cena finchè non la pianta di fare il bambino egoista e si decide a crescere.

Empatia nel momento in cui deve accettare le conseguenze dei suoi errori. Perchè poi io per esempio un po Thayne nella vita ci sarò pure stata. Si ma la pioggia di sganassoni se la merita lo stesso.

#TeamNick tutta la vita. Per la sua bontà d’animo ed il suo donarsi nonostante la cocciutaggine idiota di Thayne. eppure Nick è un uomo forte e con una sua personalità, non è affatto un “tappetino”, sa dominare la scena senza mettere nell’ombra gli altri. Di Nick a caldo ho elencato 5 punti TOP alla mia Gigia (prima o poi verrò presa a sganassoni pure io a causa di messaggini a qualsiasi ora della notte 😉 )
*Nick che si siede accavallando le gambe e rivolge il suo sguardo fuori dalla finestra (dopo aver messo in chiaro a Thayne che lui NON è un tappetino sul quale pulirsi i piedi!)
* La fatidica notte a casa di Seth e Kasey (A questa l’ho modificata da come l’ho inviata a lei per non spoilerare. B devo dire che Kasey a sto giro mi ha fatto pure simpatia, sarà anche perchè non era il protagonista? 😉 )
* Nick in quel momento in cui crolla e piange
* Nick&Thayne coi pantaloni ancora addosso che condividono un momento moooooolto … che mi è piaciuto assai! (Anche qui la voce è modificata da come l’ho scritta a lei ma mi sa che si capisce più o meno )
E comunque a mente fredda e ripensandoci bene … i punti TOP di Nick non finiscono qui 😉

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è sul finale di cap 17

Nick fece un debole sorriso “L’hai detto prima tu.”
Thayne lo attirò a sé  “L’ho fatto…. “

J.R. Loveless Caccia a Seth (True Mates #1)

18298692
Il veterinario Seth Davies arriva a Senaka, nel Wyoming, alla ricerca di tranquillità e di anonimato, per tentare di fuggire dal proprio passato. Da sempre è stato una calamita per i guai e per il dolore, e ha avuto buone dosi di entrambi. Kasey Whitedove lo condanna a prima vista. È convinto che nessun uomo bianco potrebbe amare gli animali nel modo in cui la maggior parte del popolo Cheyenne si aspetterebbe, così rende i primi giorni di Seth a Senaka un vero incubo.
Tuttavia un incidente pone Kasey nella difficile posizione di dover mettere da parte l’orgoglio e di desiderare ardentemente Seth, nonostante i pericoli della sua vita da licantropo e i pesanti segreti dell’altro uomo. Per Kasey, dare la caccia a Seth e tenerlo al sicuro dal suo passato è appena diventata la priorità.

Senza infamia e senza lode, potrei quasi dire il sesso con la trama attorno.
Allora il personaggio di Seth mi è piaciuto, anche se è stato un pò troppo “fanciulla bisognosa di essere salvata dal principe azzurro”. Nonostante ciò Seth è un uomo dolce, tenero, tranquillo, piacevole, testardo, e per quanto emotivamente ferito secondo me è più forte di quello che c’è stato raccontato in questa storia.
Perchè quando riesci a sopravvivere ad abusi e sopprusi, e mantieni comunque il cuore così come lui ce l’ha, è forte e vittorioso a prescindere da tutto!

Data la natura lupesca, e un po particolare,di Seth i genitori decidono di crescerlo senza fissa dimora e tenendolo nell’ignoranza. Loro volevano proteggerlo, io l’ho vista come una stupidaggine. La verità protegge sempre di più di millemila sotterfugi. Ad un certo punto resta orfano e a proteggerlo ci sarà Nick, che diventerà il suo migliore amico. (Nick è lupo come Seth, ma questo Seth ovviamento lo ignora.)

Succedono fatti e tutto porta Seth alla cittadina dove vive anche Kasey, un cheyenne tutto testosterone ed arroganza. In più lupo pure lui ovviamente e sorpresa delle sorprese compagno della vita di Seth.

Tecnicamente per come la vedo io avrei preferito molto di più che la coppia fosse Sth&Nick, migliori amici. E poi diciamolo Nick è da batticuore, Nick è molto meglio di Kasey. Kasey ci piace per forza, invece Nick ti conquista sin da quando Seth gli parla al telefono.

Accadono cose, sesso sparso, il cattivo se la piglia in saccoccia, Nick si fa sempre più strada nel cuore del lettore, a Seth gli si vuole bene perchè è giusto così …. il tutto senza infamia e senza lode appunto.

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è una sorpresa 🙂

Anteprima Recensione Jay Kirkpatrick Libertà

28574842In una Terra futura, Patrick Harvey, promosso di recente a Empath di Prima Classe, sogna l’indipendenza che la sua posizione comporta e l’appartamento per cui sta risparmiando. Il suo primo incarico autonomo prevede che si occupi di John Doe 439, un uomo ritrovato fuori città, percosso, traumatizzato e in apparenza muto.
Nonostante un tabù impedisca agli Empath di intraprendere relazioni romantiche, Patrick capisce di provare una forte attrazione per il suo paziente. Presto scopre che l’uomo è un Talento Psichico di alto livello che si chiama Jac, a cui persone violente stanno dando la caccia per i suoi doni, e il semplice mondo di Patrick va in pezzi.
Jac deve riunirsi con i suoi compagni di fuga e lasciare la città prima che altri riescano a trovarlo, ma potrebbe essere troppo tardi. Le voci sui suoi talenti sono giunte fino al Governo Centrale di Chicago. Se Jac vuole mantenere la sua libertà, deve scappare subito. E se Patrick desidera esplorare una relazione che la società gli vuole impedire, dovrà scambiare le comode catene del suo lavoro con l’incertezza della libertà.

Primo è una storia meravigliosamente toccante sotto molteplici aspetti. Affascinante e totalmente coinvolgente lo stile di scrittura, e non è stato per nulla difficile immergermi completamente in questa distopica realtà, in cui i poteri della mente portano avanti la società che si è venuta a creare dopo lo Scoppio!

Patrick Emphat di prima classe che si trova a gestire il suo primo caso sa solo. Mi è piaciuto molto, nel suo prendere appunti e nel suo aprire la mente, mi è piaciuto nel suo modo di ricevere,il suo modo di fare il suo meglio, la sua paura, il suo istinto a chiudere gli occhi per non perdere il mondo che conosceva, il suo vedere ad un certo punto la realtà per quello che davvero era.

E Jac Illusionista completo e anche guaritore. Nonostante le brutture che è stato costretto a vedere e subire meravigliosamente fanciullo, un completo Talento, che nonostante il dolore su se stesso pensa a portare benessere e guarigione in chi lo circonda.

E’ una di quelle storie che entrano dentro, e chi lo sa toccano nervi scoperti? Di sicuro lasciano il segno. Almeno inizialmente, perchè poi sul finale si perde un pò nell’azione all’ammmeregana (motivo per cui di 4 stelline invece di 5). Ma è il minimo, io ho preferito sottolineare: Jac che è di quei personaggi che arricchiscono. Il potere che viene dall’unirsi e combattere insieme per salvare invece che per distruggere. Il coraggio di chi lotta per essere veramente libero di esprimersi senza essere “messo in catene” per questo. E sottolineo la delicatezza e la non superficialità di certi passaggi durante la terapia. E sottolineo questo passaggio del quale mi sono profondamente innamorata:

Le parole non bastano.
Immaginate l’abbraccio più caldo, lungo e profumato da parte della persona che amate di più al mondo. Immaginate una musica che vi apre il cuore, facendolo sciogliere. Immaginate un morbido e comodo nido in una giornata fredda e piovosa. Questo è solo un accenno di ciò che loro due trasmettevano, con molta dolcezza e molta delicatezza…..

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/  il particolare da non dimenticare è :”qualcosa, per ricordare” 🙂

Charlie Cochet Costi quel che costi (THIRDS #1)

Primo tunnel 2016 ^___^

28373029 Quando la testimonianza del detective della Omicidi Dexter J. Daley manda il suo partner in prigione per omicidio, le conseguenze – e la frenesia dei media – non si fanno attendere. Ben presto si ritrova senza fidanzato, senza amici e, dopo uno spiacevole incontro in un parcheggio al termine del processo, quasi senza denti.
Dex teme di essere trasferito dal Corpo di Polizia Umana o, peggio, di essere buttato fuori. Invece, suo padre adottivo, un sergente dello squadrone di Difesa, Ricognizione e Intelligence umano e teriano, meglio noto come THIRDS, fa in modo che Dex venga reclutato come agente della Difesa.
Dex è determinato a rimettere in sesto la propria vita ed è ansioso di iniziare il nuovo lavoro. Ma il suo primo incontro con il capo squadra, Sloane Brodie, che risulta poi anche essere il suo nuovo partner teriano giaguaro, si rivela un disastro.
Quando la squadra è chiamata a indagare sull’omicidio di tre attivisti UmanTeriani, diventa ben presto chiaro che Dex dovrà lottare duramente sia per essere accettato dal suo partner e dalla sua squadra, che per riuscire a prendere il killer.

A) il mondo creato dalla Cochet promosso a pieni voti. Le descrizioni delle regole e degli ambienti forse rallenta leggermente il tutto ma serve per entrare a piano in questa società di umani e teriani. Si è messo l’accento sull’intolleranza che nasce dall’ignoranza e dalla paura, che è anche il male della nostra vita reale.

B) Promossi i personaggi. All’inizio inizio Dex mi sembrava un poveraccio che aveva bisogno di una benedizione a Lourdes (fa incarcerare, giustamente sottolineo, il suo partner che si è comportato da delinquente assassino. Contemporaneamente viene mollato dal fidanzato, che se ne lava le mani senza troppi drammi – infatti il caro Lou non mancherà ai posteri di sicuro. Viene pestato come una zampogna…. Insomma io al secondo capitolo già pensavo ad accendergli un cero a Santa Rita da Cascia!)
Dex è invece un bravissimo ragazzo, appassionato in tutto quello fa, capace di portare serenità e gioia intorno a lui (a volte ho pianto dal troppo ridere), forse ha un gusto musicale discutibile ma … PIACE! (e poi da quando gigia mi ha detto che l’autrice se lo immagina con la faccia di Chris Pine… Io CIAOOONEEEE)
Sloane è una splendida combinazione di stronzaggine e cazzutaggine spolverata di vulnerabilità che per forza ci si innamora di lui. (sempre gigia mi dice che l’autrice si è ispirata a Joe Manganiello, ed a quel punto sono state le mie ovaie a dire CIAOOONEEEE 😀 )

Il resto dei personaggi si fa notare, lascia un segno, la voglia di conoscerli meglio. (Tony è il papà da standing ovation, e gli scambi tra Ash e Dex sono il Top!)
Il cattivo lo avevo inquadrato subito, stavolta un me genio. La storia d’amore è una giusta dose di tensione sessuale/dubbi/ci proviamo, come nella vita di tutti i giorni. Scene d’azioni abbastanza ammmmerigane.
Come dicevo all’inizio il tunnel me lo sono scavata, ora aspetto il prossimo libro perchè voglio sapere come va a finire

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare “il timido sorriso” sulla faccia di Dex 😉

Sarah Madison Volere la luna

27253662Il vampiro Alexei Novik può anche avere i denti aguzzi e la bara, ma ha abbandonato quello stile di vita per una vecchia casa da ristrutturare nei monti Blue Ridge. Stanco del passato, Alex intende restare da solo, ma sembra che il suo nuovo affascinante vicino, Tate, non recepisca il messaggio: una buona cosa, dal momento che questi sembra essere a conoscenza di tutte le cose che riguardano la casa. Tate va anche d’accordo con gli amici mannari di Alex, anche se uno di loro gli ricorda apertamente che la loro amicizia non è una buona idea.
Se una relazione platonica è una cattiva idea, la crescente attrazione tra Tate e Alex è un disastro annunciato. Il dolce Tate si ritroverà invischiato nel mondo pericoloso di Alex e quest’ultimo sarà diviso tra la voglia di avere la relazione che ha sempre desiderato e il desiderio di tenere Tate al sicuro. Quest’ultimo, d’altro canto, non accetta un no come risposta e sembra accettare tranquillamente tutto ciò che Alex gli riversa addosso senza battere ciglio. Proprio quando il vampiro pensa che, dopotutto, le cose possano andare per il meglio, il passato di Alex ritorna, spingendolo a fare una scelta terribile.

Una volta c’erano i vampiri che al sole sbrilluccicavano (#teamEdward semper fi, la vera coppia di twilight era Edward&Jasper 😉 ) oggi Alexei Novik!

I vampiri non sbrilluccicano più ma hanno la bara

“La cosa che fa differenza per un vampiro affinché possa passare o meno per un umano è l’uso della bara….Queste bare sono state tramandate nel corso dei secoli perché, alla fine, i vampiri si stancano della loro esistenza e scelgono di morire, per mancanza di un termine migliore…. La bara ci rinnova, ci sostiene, manda indietro l’orologio biologico e ci dà la forza soprannaturale, proprio come nutrirsi ma con un effetto maggiore. Ci vogliono sei o più pasti al giorno per avere lo stesso effetto di una notte nella bara. Più tempo passi nella bara, meno sei in grado di vivere nel mondo umano. Ti ruba il riflesso, l’ombra.” L’anima.….“Non ti permette di camminare alla luce del sole ma ti rende praticamente invulnerabile. Quando si usa la bara, non è possibile negarsi il bisogno di bere sangue caldo e pulsante direttamente dal collo di un essere umano.””

Alex, anima in pena che cerca la solitudine, ha come amici un gruppo di mannari (cosa impensabile poichè la storia ci insegna che queste due specie sono nemiche per natura, un bel gruppetto di sgangherati in allegria. Tra l’altro la radicata omofobia nella specie mannari? Ehhhhh …..

Alexei è un personaggio drammatico senza essere sfrangipalle, la sua ricerca di più solitudine lo porta a diventare vicino di casa di Tate ( il veterinario FIGO) sfacciato/simpatico/intrattenitore/intelligente/ e pure timido quando serve è veramente il perfetto completamento di Alex.

Una storia scialla e dramicomica, le interazioni tra Nick e Tate strappano più di un sorriso, dove non mancano – giustamente – momenti di sensualità degni di un vampiro, che si legge velocemente grazie allo stile fluido e semplice dell’autrice. Non manca nemmeno il colpo di scena con sorpresa “bonsci bon bon bon ti piace vincere facile” minchiotto da commedy…. Definitivamente una lettura che vi consiglio alla voce “staccare la spina e rilassarsi” 🙂

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/, il particolare da non dimenticare: TGP 😉

Eden Winters Duetto

Continuo a rileggerne vari stralci assolutamente incapace di lasciare questa meravigliosa perla di storia *___*

nullI decreti di un conquistatore non possono separare Aillil Callaghan dal suo retaggio scozzese. Indossa con orgoglio il tartan del suo clan – ora proibito – aspettando il giorno in cui diventerà Laird, restaurando così il buon nome della sua famiglia e combattendo per liberare la Scozia dalla tirannia inglese. Un inglese nella sua casa? Un abominio! Eppure, il tutore che suo padre ha assunto per i suoi fratelli può avere qualcosa da insegnare anche all’erede dei Callaghan.
Il violinista e letterato Malcolm Byerly ha lasciato il Kent spinto dalla paura, cercando solo un impiego tranquillo, menti curiose a cui insegnare e un luogo ove mantenere celati i suoi segreti. Non sa che tra i suoi studenti vi sarà anche il fratello maggiore dei ragazzi – un barbaro che odia gli inglesi – e che il suo tartan rosso e verde nasconde un cuore affine. Il comune amore per la musica rompe le barriere tra due mondi.
Il padre di Aillil minaccia il loro amore, ma un pericolo più grande li divide. I due svaniscono nella leggenda.
Due secoli dopo, il violinista Billy Byerly arriva a Castle Callaghan e si sente stranamente a casa. Le leggende parlano di un Laird perduto che infesta il castello in attesa del ritorno del suo amante, ma Billy non crede alle leggende, ai fantasmi, o all’amore che dura oltre la vita.
Il Laird perduto, però, sa cosa gli appartiene.

Prendete il 1750, la meravigliosa Scozia, il kilt, i druidi e le leggende scozzesi…

Malcom, il timido e dolce maestro, che con il suo violino e attraverso la musica apre il suo cuore ed esprime liberamente e senza timore tutti i suoi sentimenti.

La musica e lo studio erano dei passatempi abbastanza sicuri e lui si dedicava a entrambi con ardore, considerandoli dei sostituti dell’amore negatogli dalla sua natura. Poiché la cosa più vicina a una passione romantica che aveva avuto era stato suonare canzoni d’amore col suo violino, in quello poteva eccellere.
Gli aneliti della sua anima facevano fluire melodie di passione e armonie di desiderio, cose che egli sognava e non sperava di ottenere, poiché il loro possesso era pericoloso. Meglio un’esistenza solitaria piuttosto che rinunciare all’onore o, peggio ancora, consumare il frutto proibito.

La prima impressione che ho registrato di lui, e che ho spacciato alla mia Gigia sotto forma di commento delirante fangirloso, è Malcom che con il suo violino ci fa l’amore mentre suona 🙂
E Aillil, fiero e ribelle scozzese,impetuoso, leale ed affidabile. Confesso ogni volta che Aillil ha detto “Sassenach” io automaticamente l’ho immaginato così: 

(ehhhh lo so lo so, non lo sapessi ma lo so 😉 )

Un amore che nasce e cresce tenero, ingenuo ed appassionato. Una coppia che entra dentro il cuore del lettore e non ne esce più.
Parola dopo parola l’autrice ci trasporta a quei tempi, ci innamora di questa coppia, ci fa commuovere e sognare e sperare … Alla fine ci dona quel tocco di magia che è propria dell’amore!

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare: il boschetto di tassi!

ANTEPRIMA RECENSIONE Kim Fielding Un buono scheletro (Bones #1)

In uscita proprio oggi. Sul Sito Dreamspinner , oppure su Amazon

nullDylan Warner è giovane, colto e conduce una vita del tutto normale. Non è il tipo che si nota facilmente, fino al giorno in cui, dopo una serata movimentata con un affascinante sconosciuto, non diventa un lupo mannaro. Nonostante tutto, però, Dylan vuole solo continuare a vivere la sua tranquilla – seppur solitaria – esistenza da architetto. Cerca di tenere sotto controllo gli impulsi selvaggi, ma ben presto decide che ne ha abbastanza della città e si trasferisce in campagna, dove gli sarà più difficile far del male al prossimo. La sua nuova casa è un po’ decrepita, ma promettente, e corredata per di più da un nuovo vicino: il sexy, anche se un po’ rozzo, Chris Nock.

Dylan assume Chris perché lo aiuti a ristrutturare casa, ma presto si accorge che le sue prime impressioni su di lui erano sbagliate e che Chris, così come la casa, potrebbe diventare un elemento fisso nella sua nuova vita. Tra il mostrare al suo capo quanto vale, resistere al seducente richiamo del suo pericoloso ex-amante e la sua limitata esperienza nel campo delle relazioni sentimentali, per Dylan è molto difficile capire come comportarsi… Come giustificare poi l’irresistibile voglia di ululare alla luna piena che lo coglie ogni mese?

Secondo libro che leggo di questa autrice e posso dire che è AMORE! (E dire che i licantropi nemmeno mi stanno simpatici poi ^_^ )
Dylan conquista con questa sua dolcezza e il suo carattere bello. ragazzo timido e imbranato “prima e dopo” (prima e dopo il morso che lo rende lupo mannaro)
Seguiamo la solitudine a cui si vota, e il cercare di restare comunque aggrappato ad una parvenza di vita sociale. E poi insieme a lui ci trasferiamo in campagna,e facciamo la conoscenza di Chris, oltre che di una casa a ristrutturare, ma che dato il suo buon scheletro è facile da amare!

Chris con la sua apparente “rozzezza” e la sua vulnerabilità nel lasciarsi amare. Chris è generoso, divertente… un cuoco bravissimo, parola di Dylan 😉

E’ una storia che racconta di amore nonostante la “diversità”, nonostante le “intemperie” del passato. L’amore di certe scene che mi sono rimaste dentro il cuore

Dylan divenne rosso come un pomodoro. “Penso… Mi sa che mi sono innamorato,” bisbigliò nella cornetta.
Di solito Kay non era il tipo da gridolini, ma si lasciò andare a tutta una serie di versi gioiosi.“Ne ero sicura! E lui lo sa?”
“Kay… Non è che ci scriviamo sonetti o corriamo verso il tramonto spargendo petali di rose e tenendoci per mano.
“Solo perché avete il cromosoma Y non significa che non possiate parlare dei vostri sentimenti, Dylan! Non ti cascherà il pisello se lo fai”

la meraviglia dei personaggi secondari tra l’altro, Kay una meraviglia!

“Com’è andata?”
Dylan entrò e chiuse la porta; poggiò la borsa con il computersul tavolo e cercò di assumere un’espressione neutrale. “La cena è di festeggiamento o di conforto?”
“Tutte e due, ma preferirei la prima che hai detto.”
“Cos’abbiamo?”
“Roast-beef. Erano anni che non lo facevo perché costa un occhio della testa e ho dovuto guidare fino a Gaston, da un tizio che conosco e che fa il macellaio. Le bestie le alleva lui, niente ormoni né altre porcherie simili. Ci ho messo anche delle patate,e poi ci sono spaghetti con un sugodi verdure,che scommetto ti piacerà. Ho preparato persino una torta come dessert. E se non mi racconti subito come cacchio è andata, giuro che ti spedisco a letto senza cena.”
Finalmente Dylan si concesse un sorriso: era una sensazione paradisiaca. “Alle clienti è piaciuto.”
“Evvai!” urlò Chris, così forte da fargli quasi male alle orecchie. Lanciò il cucchiaio nel lavandino, che atterrò con fragore,e si gettò tra le sue braccia spalancate: le loro bocche si unirono ele lingue iniziarono a danzare insieme. Chris doveva aver assaggiato i cibi mentre cucinava, perché aveva un sapore fantastico. Si aggrappò alle sue spalle così forte che Dylan fu certo gli avesse lasciato il segno. Non riuscì a cogliere l’intensità di quel momento finché non si separarono – i respiri leggermente affannosi

Alla fine, non dirò che un pizzico mi sono commossa leggermente no no, una storia godibile ed una coppia che entra nel cuore e ci resta (io alla fine mi sono detta Mannaggia è già finita? peccato! ^_^)

Jennifer L. Armentrout Opal (Lux #3)

23508816

Daemon e Katy, Katy e Daemon… Ostacolato da tutti, represso, negato, il legame proibito tra la timida studentessa e il misterioso alieno è ogni giorno più potente, inscindibile e rischioso. Il dipartimento della difesa li teme e li spia in ogni momento, ma soprattutto tiene in pugno tutti coloro che amano. Nel disperato tentativo di combattere l’organizzazione segreta che studia e tortura gli ibridi, Katy diventa sempre più consapevole degli straordinari poteri che ha acquisito attraverso la connessione aliena con Daemon: non è più la ragazza ingenua e impacciata di qualche anno prima, ed è pronta a tutto pur di ottenere verità e giustizia. Ma riuscirà a proteggere la sua famiglia e quella di Daemon dalle oscure minacce che incombono su di loro? Quando anche gli amici più stretti si rivelano dei traditori, ogni certezza sembra svanire, ma Daemon e Katy non sono disposti a fermarsi: nemmeno se la lotta dovesse travolgere i loro mondi in modo devastante.

Questa è una di quelle volte in cui mi trovo in imbarazzo a  ciarlare di un libro… Perchè non è che mi è proprio piaciuto troppo.

Parto dal POV Katy: piuttosto noiosa e ripetitiva, da fare concorrenza ad una delle piaghe d’Egitto, al centomiliardesimo “C’è qualcosa che mi sfugge ma non capisco cosa. Non mi fido ma che devo fare? L’amicizia è ormai compromessa,non sarà mai più la stessa, come ci sto male. Io e Daemon ci amiamo moltissimo e quando mi bacia ommioddio che bello ommioddio come godo” , tra l’altro dopo tutte le aspettative create sul “quel momento” lo svolgimento è stato un 5 meno meno, volevo fisicamente entrare nel libro e urlargli L’HO CAPITOOOO, MO ANDIAMO OLTRE!!!
A certe scene l’unico commento che mi viene in mente è

Sempre attuale!

Perchè sul serio quei due che tirano su un casino che Rambo con le sue bombe ci fa la pippa, a scuola in piena attività e non se ne accorge anima viva? Era da mettere in conto quel “tradimento” da uno che in passato t’aveva fatto quasi la pellaccia. E’ davvero così facile mettere in ordine la scena di un crimine? E il “triangolo scaleno” sinceramente ma perchè? La personalità sballata di Dawson ci può stare, così come il cambio di rotta tra Dee e Katy/Dee e Ash/Dee e tutto il resto del pianeta, i malati d’influenza che poi ritornano e non erano malati d’influenza, ricatti e personalità stronzette a ravvivare l’ambiente (si Ash mi rivolgo a te in particolare)….Il colui che avevamo dato per quasi scontato morto che poi scopriremo che non era morto … Salvo giusto un paio di momenti (per merito di Daemon e non certo di Katy) ed il finale! 

Era iniziata come una serie fresca e leggera, sicuramente poteva essere classificata come fanfic del fandom twilight e non era una storia a 5 stelle, ma aveva un suo piacevole perchè. Invece Opal, terzo capitolo della serie, mi ha lasciato la sensazione di una storia che si trascina pesantemente, che ce la potevamo risparmiare per più di tre quarti!

Nonostante questo io il seguito di questo lo leggerò comunque perchè voglio vedere dove andrà a parare la storia, con la SPERANZA che a narrare non sia solo Katy. Insomma nel complesso per me è no (cit)

Il particolare da non dimenticare, secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com : la sorpresa di Daemon!