Josh Lanyon Gli omicidi di Monet (The Art of Murder, #2)

Sono tutta un friccicorio di pucciosità per il finale di questo libro 😍
Perciò prima di tutto grazie grazie alla mia Gigia che me le ha sempre fatte a cotoletta panata parlandomi di quanto ama Josh
Grazie Grazie Grazie a Josh Lanyon che mi ha dato la possibilità di leggere in cambio del mio onesto parere 😘

36266472L’ultima cosa che Jason West, giovane e ambizioso agente speciale dell’FBI della squadra Crimini Artistici, vuole – o desidera – è la relazione segreta e traballante che ha con il leggendario ma irascibile Sam Kennedy, capo dell’Unità di Analisi Comportamentale.
E sembra che anche Sam non sia elettrizzato all’idea.
Ma i sentimenti personali devono essere messi da parte quando Sam richiede l’aiuto di Jason per catturare un folle serial killer che ha preso di mira dei facoltosi e distinti collezionisti d’arte. Un assassino il cui biglietto da visita è una serie di grotteschi dipinti che raffigurano i delitti stessi.

Una cosa che amo particolarmente dello stile di Josh è che mentre leggo tira fuori il mio lato Jessica Fletcher, anche questa volta ad un certo punto sono arrivata a sospettare anche delle formiche per dire, ma il colpevole l’ho individuato a prima vista 🏆☺️

Tutto comincia con una telefonata: Kennedy chiama Jason e gli dice “vieni che ho bisogno di consulenza per un caso”. Il nuovo serial killer a quanto pare ha il tocco artistico e sul luogo del delitto ha lasciato un quadro dell’omicidio in stile Monet.
Tra l’altro Jason sta indagando su un caso di frode artistica e le sue indagini s’intrecciano con quelle di Kennedy.

Scopriamo che i nostri due amati hanno portato avanti un rapporto più telefonico che altro, un rapporto sul quale Jason sembra aver investito di più in fatto di sentimento e Kennedy. Seguire il loro sviluppo personale è stato molto interessante al pari dell’ indagine, mi è piaciuto seguire i pensieri di Jason, e non mi sarebbe dispiaciuto ascoltare anche quelli di Kennedy!

Sono #teamKennedy a prescindere, il mio cuore è suo totalmente ma devo dire che ci sono rimasta male come Jason. Il cuore di Jason è patrimonio da preservare! Ottimo il ritmo della storia investigativa ben mescolata alla parte romance. Mi sto mordendo la lingua per non spoilerare …. Ma a fine libro ho avuto voglia di abbracciare Josh per quanto mi hanno trasmesso Jason&Kennedy 

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) un gemello 😉

Josh Lanyon Gli omicidi della sirena (The Art of Murder #1)

32189868L’agente speciale Jason West, distaccato dalla squadra Crimini artistici, viene mandato ad affiancare temporaneamente – e disgraziatamente – il leggendario Sam Kennedy quando si scopre che il caso più famoso di Kennedy, conclusosi con la cattura e la condanna di un serial killer conosciuto come il Cacciatore, potrebbe essere stato invece un fallimento disastroso.
Il Cacciatore è ancora là fuori… e gli omicidi sono ripresi.

 

E pensare che l’ho letto solo perché voglio bene a Iss O Pupaz che è innamoratissima di Josh ….E invece che bello mi è piaciuto!!!

Andiamo con ordine:
– Sia messo a verbale che vevo sospettato il colpevole fin dall’inizio ma ho voluto impuntarmi apposta su quello sbagliato, giuro! Anche perchè il tipo che speravo follemente fosse il colpevole mi sta talmente sulle balle che la galera era il minimo sindacale per me. Il vero colpevole e la risoluzione del caso poi a maggior ragione mi hanno fatto pensare alla fine di una puntata della “Signora in giallo” o anche di “un detective in corsia” 🙂

– Le personalità diverse dei due agenti che si sono incastrate bene.
Jason non lo so se mi è piaciuto, lo classifico nella categoria “ne tanto ne quanto”, agente speciale che lavora alla sezione “crimini artistici”, di lui e dei suoi pensieri mi è piaciuto in particolare questo passaggio:

«È solo che… la gente continua a uccidere altra gente. È il lato peggiore dell’umanità. L’arte è l’altra faccia della medaglia, rappresenta il meglio dell’uomo. Il mio compito è cercare di proteggere quella… eredità. Il nostro lascito culturale. E per nostro intendo davvero di tutti. Il nostro lascito culturale globale. È qualcosa di spirituale. È… tutto quello che ci differenzia dagli animali….. Ho fatto sembrare che quel che faccio sia in qualche modo più importante della vita umana? Perché non è ciò che intendevo. Quel che volevo dire è che non potrei mai fare quel che fai tu. Perderei… la speranza.»

Di Jason mi è piaciuta la sua integrità, ambizioso si ma non al punto di “calpestare” un collega, degna di nota la sua cocciutaggine e l pensieri inespressi.
E Sam Kennedy, il leggendario uomo che non sbaglia un colpo! Di lui mi sono innamorata in tutto e per tutto, soprattutto sul finale. Stronzetto quanto basta, intelligente&cazzuto, nonostante tutto quello che ha visto e continua a vedere per colpa del suo lavoro mi ha trasmesso positività. Ho amato tanto il suo modo di esprimere/non esprimere chiaramente i sentimenti…

Piacevole da seguire la loro evoluzione come coppia, anche se l’aspetto romantico ha poco spazio lascia comunque il segno (e le scene di sesso belle, erotiche, perfette). Non vedo l’ora di sapere come procederanno insieme, cosa “nasconde” Kennedy che lo frena…. 

Il particolare da non dimenticare (secondo il gioco ideato da @anncleire) lo specchio! 😉

 

Josh Lanyon Omicidio d’inverno

Prima di tutto il mio grazie di cuore a Chiara Messina per avermi contattato e dato la possibilità di leggere questa storia in cambio del mio onesto parere! (lettura straconsigliatissima!!! 🙂 )

33817758Intelligente e ambizioso, l’agente speciale Adam Darling è in procinto di ottenere il successo professionale che desidera, quando un fatale errore nella gestione di un caso di alto profilo porta alla morte di un innocente, infrangendo i suoi sogni di gloria.
Ora Adam ha un nuovo compagno, un nuovo caso e l’opportunità di ricominciare da zero dando la caccia a un astuto e brutale serial killer in un remoto villaggio tra le montagne dell’Oregon.
Il vicesceriffo Robert Haskell potrà anche sembrare tranquillo e flemmatico, ma è un poliziotto tenace ed efficiente, e non è affatto contento di trovarsi i federali tra i piedi, anche se uno degli agenti è arguto, attraente e probabilmente gay. Ma il rinvenimento di un corpo martoriato nel museo locale dedicato ai nativi d’America è al di fuori della portata del Dipartimento di polizia di una piccola città. Del resto, anche il glaciale e rigido Adam Darling è al di fuori della portata di Rob, ma il giovane vicesceriffo non è tipo da gettare la spugna senza prima aver tentato il tutto per tutto.

Partiamo dall’informazione,fondamentale eh 😉 , che conosco Josh Lanyon grazie a Iss O Pupaz che non fa altro che parlarmi di quanto scrive bene Josh, di quanto è meraviglioso Josh ecc ecc (prima di accettare questa lettura mi sono consultata con lei)
Ho già letto altre sue storie, e mi si mi sono piaciute ma questo non è proprio il mio genere, anche se persino in me c’è una Jessica Fletcher che ogni tanto vuole il suo momento 😉 .

Questa storia in particolare mi ha catturato fortemente sin dal prologo. Una trama ben costruita, un bel ritmo che mi ha tenuto sul costante “ma chi cacchio è? Ma secondo me la sceriffa non me la conta giusta …Ahhh ma questo ha l’aria del sospetto, è lui o non è lui?….”
E la parte romance ben amalgamata al tutto, e molto bella secondo me!
Adam è un agente FBI che ha fatto uno scivolone pazzesco nella sua carriera ed ora è tenuto ai margini, il massimo dei suoi compiti è girare per gli obitori dello stato a vedere se ci sono collegamenti con il suo caso “lo squartatore dell’interstatale”. Succede che viene mandato a Nearby, che per me equivale tipo essere mandato in culonia (scusate il francesismo), perchè viene trovato un cadavere e si deve controllare se ha attinenze con il suo caso in particolare.

Qui la sua strada s’incrocia con il vice sceriffo Rob. Rob ha un carattere gioviale, è sciolto e rilassato nei modi di fare…. Una controparte perfetta per Adam e il suo carattere un po più “tirato”, il loro interagire è stato bello!

Del caso non vi racconterò nulla, anche perchè sennò poi spoilero e allora che gusto c’è a leggerlo? Della coppia non vi racconto anche perchè secondo me è bello scoprirla mentre leggete (Adam è il mio preferito comunque, anche se ho amato immensamente Rob in tutto e per tutto). Della mia scena preferita posso dirvi umh …. 

«Non è questione di volere, è che penso sia meglio…»
«Smettila di pensare,»

E non mancherà il momento in cui si trattiene il respiro per la paura che ….
Infine il particolare da non dimenticare, secondo il gioco di @anncleire:

L’uomo viaggia per il mondo in cerca di ciò di cui ha bisogno, e torna a casa per trovarlo

Lo Stuzzichino del martedì #52

teaser-tuesday-2
Altrimenti conosciuto come “teaser tuesday” Rubrica che io conosco (e seguo) tramite le bimbe mon&kia e la mia dolce Pulcina (al quale rubo il banner ^_^) 

Libro della settimana “Omicidio d’inverno” by Josh Lanyon (grazie grazie Chiara Messina della possibilità di leggerlo in cambio del mio pensiero)

Buona visione https://youtu.be/F23Nqgv_uww, buona lettura e buon tutto…. Noi ci si vede 🙂

Josh Lanyon Una cosa pericolosa (Adrien English #2)

nullIn preda al blocco dello scrittore e frustrato dalla sua problematica relazione con Jake Riordan, fascinoso ma non ancora dichiaratamente gay detective della polizia di Los Angeles, il libraio e scrittore di gialli Adrien English decide di andare a trascorrere un po’ di tempo a nord, nella tenuta lasciatagli dalla nonna materna, dove trova un cadavere ad attenderlo nel vialetto d’ingresso. All’arrivo dello sceriffo, però, il corpo è scomparso e Adrien si trova ancora una volta a improvvisarsi investigatore. Ma quando la situazione si fa pericolosa e potenzialmente letale, Adrien è costretto a rivolgersi a Jake.
Jake potrà avere le idee confuse riguardo a un mucchio di cose, ma è disposto a tutto pur di tenere in vita l’uomo per il quale sta cominciando a provare qualcosa.

Non mi è piaciuto come il primo della serie ma per me è SI lo stesso!

Da una parte abbiamo Adrienconlae che tra la crisi dello scrittore e la crisi della sua vita personale, perchè si sa che avere un mezzo impegno con qualcuno che da una parte ti vuole e dall’altra non accetta di volerti – perchè non accetta nemmeno se stesso – e continua a tenersi impegnato con te e intanto non si vieta di donare le sue grazie altrove tranne che a te! Non è una passeggiata di salute mentale. Io ho passato tre quarti di libro a pensare “davvero Adrien? Non pensi di meritare qualcosa di più? Hai aspettato tanto, se pensi che ne valga la pena tira fuori la padella e dagliela in testa cazzo!”
Sono dalla sua parte quando decide impulsivamente di partire e lasciare tutto, Riordan compreso, per un pò… Poi viene il sospetto che in realtà Adrienconlae non sia altri che la signora Jessica Fletcher al maschile, cavoli dove arriva lui morti a pioggia! Tutta la parte mistery e investigazione a questo giro senza infamia e senza lode per quanto mi riguarda… questa volta la parte mistery non mi ha coinvolto troppo, ma non è stata male.

Altro spunto, come accennavo prima, è Riordan. Un quarantenne gay che non si accetta per quello che è. Che è convinto che accettarsi gay significhi perdere la sua mascolinità, che continua a barcamenarsi in rapporti con donne, o con altri uomini sconosciuti nella scena BDSM….

«Ho fatto balletto. Questo è Tai Chi.»
«Hai fatto balletto?» Jake pareva inorridito. Smise di grattarsi il ventre abbronzato dal sole. «Tua madre è un esempio del perché la gente dovrebbe avere il permesso per avere figli.»
Mi raddrizzai. «Lascia in pace mia madre.»
«Il balletto sì, ma i boy scout no? È colpa di tua madre se sei un finocchio.»
Espirai velocemente, la serenità era svanita in uno sbuffo di respiro mattutino. «Ascoltami, stronzo,» e usai il termine deliberatamente, «mia madre non è la ragione per cui sono un finocchio. Se lei avesse scelto i boy scout o la scuola militare, sarei stato solo un genere diverso di finocchio, ok? In secondo luogo, non vedo come “colpa” possa essere la parola giusta. Questo è il modo in cui mi ha fatto Dio. Tu sei come Dio ti ha fatto. Tutti i figli di Dio sono come lui li ha fatti. Se credi che Dio abbia fatto un errore, prenditela con Lui.»

Una parte di me vorrebbe menarlo come una zampogna, un’altra prova tenerezza per quei momenti in cui sorride imbarazzato, arrossisce, è incerto e… Quasi tenero! In un rapporto come questo è inevitabile scontrarsi e ferirsi a vicenda, un rapporto così io lo eviterei come la peste ma… Io non sono Adrienconlae 🙂
E comunque quando arrivi a  quel momento:

Con calma dissi: «Sei sicuro di sapere la strada?,» Jake fece una pausa. Si voltò. «Ehi,» disse, «ti ho trovato, no?»

Sai che qualsiasi sia la difficoltà, per quanto sia accidentato il cammino, vale sempre la pena correre il rischio! 🙂

Josh Lanyon Ombre fatali (Adrien English #1)

null

Nessuno ama i lunedì mattina, ma per Adrien English, libraio e aspirante giallista, la giornata si trasforma in un autentico incubo quando due investigatori della omicidi bussano alla sua porta per informarlo che Robert, suo impiegato e amico dai tempi del liceo, è stato trovato accoltellato in un vicolo.

Incredulo e sconvolto, Adrien si troverà a fare i conti con un cuore malandato, i sospetti della polizia, le attenzioni ossessive e inquietanti di uno stalker che potrebbe anche essere l’assassino di Robert, e Jake Riordan, il ruvido ma attraente detective assegnato al caso.

Riuscirà Adrien a trovare il vero colpevole senza mettere a repentaglio la sua vita… e il suo cuore?

Arrivo al finale molto soddisfatta di tutto! Sicuramente una storia che aggiungo allo scaffale “da tenere sul comodino” , se penso che lo volevo leggere solo per perculare un pò il fangirlismo folle della mia Gigia 😀

La trama si sviluppa con un ritmo perfetto, che crea la giusta tensione fino all’esplosione degli ultimi capitoli. E comunque quest’atmosfera da “Signora in giallo” o “detective in corsia” mi ha rilassato tanto, e inoltre mi ha confermato la mia schiappitudine nel trovare l’assassino (l’ho capito giusto cinque minuti prima di Adrien con la e ^_^)
Adrien – con la e – mi è entrato dentro il cuore, con: la sua solitudine, il suo carattere sarcastico, i fili logici dei suoi pensieri e la sua fighezza da capelli scuri e occhioni blu. Sono spudoratamente #TeamAdrienconlae(2) reaction: twinkling eyes | TumblrEppure nonostante la ruvidezza e il suo comportamento da Velata, Riordan mi crea curiosità e m’inspira a dargli fiducia #TeamRiordanStupiscimi #teamRiordanVogliofidarmidite ….

Nota positiva al margine è che il seguito, Una cosa pericolosaesce fra qualche giorno perchè quelle parole di Riordan ,sul finale, mi fanno talmente tanta curiosità da crearmi prurito mentale ^_^

Il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ : *69 (identificativo di chiamata)

Josh Lanyon Il fantasma dai calzini gialli

23925955

Dopo un disastroso weekend romantico, il timido pittore ventenne Perry Foster scopre che le cose possono sempre andar peggio quando, di ritorno da San Francisco, trova il cadavere di un uomo nella sua vasca da bagno.
Un cadavere con addosso un giubbotto sportivo alquanto brutto… e dei calzini abbinati.
Perry non ha idea di chi sia il defunto, ma la cosa non gli è di gran conforto.
Come ha fatto un uomo morto mai visto prima a finire nel suo appartamento chiuso a chiave presso l’isolato Alston Estate, nelle selvagge profondità del Vermont? Perry chiederà aiuto all’alto, ombroso e ostile ex Navy SEAL Nick Reno… Ma Reno è davvero ciò che sembra?

Mi sa che questo libro paga lo scotto dei miei bagordi delle feste, ho l’impressione cioè di non averlo apprezzato come sicuramente meritava :/ ….

Le note positive sono: il carattere di Perry fanciullesco e testardo, timido e comunque anche intraprendente. Figlio unico, non subito accettato dai genitori quando fa coming out, pittore e sognatore che crede nell’ amore e possiede ancora l’innocenza di tuffarsi con slancio laddove il cuore lo guida.
Il carattere burbero e da macho di Nick, che sotto sotto è affettuoso. Ex Marine, ex marito, cinico ma non del tutto chiuso al sentimento.
Tutta l’atmosfera misteriosa di cui è permeata la storia… intrighi ed intrecci da puntata telefilmica stile “la Signora in giallo” e la stravaganza dei personaggi di contorno io li ho vissuti più o meno così

tumblr_inline_ncgxhyxL3a1s55of2.gif

Il buon sviluppo della trama, ad un certo punto quella spruzzata di romance non sono bastati però a farmi entrare questo libro nel cuore. Però lo consiglio volentierissimo lo stesso perchè… perchè si alla fine ho comunque speso bene il mio tempo leggendolo!

Secondo il gioco di @anncleire pleaseanotherbook.tumblr.com il particolare da non dimenticare … Questa volta si tratta di una “sottolineatura a matita”, l’altrimenti detta Quote  :

«Non potremmo restare in città stanotte? Affittare una camera?» domandò Perry serio, sbattendo le palpebre. «Ci stai provando con me?» replicò l’ex marine, divertito. Il ragazzo ridacchiò. «Ti va di sperimentare?» Guardò Nick con aperta fiducia. Suo malgrado, l’uomo si trovò a ridere. «Non stanotte, Josephine…….>>