Rosalie Hawks La casa degli specchi

42089213Anno 2212. La Terra è diventata cupa e poco ospitale, le città crescono e si evolvono in verticale in grattacieli maestosi. Gli abitanti appartengono alle città, non il contrario. Non tutti, però, concordano su quest’ultimo punto.
Tra loro, un criminale crudele, un agente integro, una talpa inarrestabile e un investigatore determinato. Questi però sono solo dei ruoli. Dentro una casa degli specchi, quale profilo corrisponde esattamente alla persona a cui è stato assegnato?
In un mondo in cui si è Raccolti, Ignorati o Scartati e solo i più sani, forti e intelligenti possono vivere, giunge la vendetta di chi per colpa del Sistema ha perso tutto.
Chi e quanti sono i vendicatori?

È ufficiale che Rosalie, con questa storia, si è guadagnata un posto nell’Olimpo dei miei scrittori preferiti!!!
(Anche mettendo in conto il fatto che non ho letto tutto d’un fiato, le ore di sonno che c’ho perso le ha meritate tutte, come il libro si merita, di conseguenza mi sono persa un po per strada)
Sin dalle prime righe mi ha fatto venire desiderio viscerale di disegnare :una città Palazzo, mini brick di latte e cubi di rubik  ….😍 . 
E aggiungo che non guarderò mai più un palazzo con gli stessi occhi, e senza rivolgere un pensiero a Logan, Sebastian, Robin, Estelle e Bernadette.

Dall’inizio alla fine la storia è pregna di informazioni, tra le quali: la terra è un luogo inospitale quindi si vive in altezza su alti grattacieli, e solo i poveri e i diseredati sono condannati a stare al Pianterreno o ai piani bassi; grazie al sistema del Raccolto regna la legge del più forte, alcuni si arrangiano a sopravvivere (i Ratti) altri vengono tristemente Scartati visto che per il Sistema rappresentano solo uno spreco. Ho amato follemente tutti i termini tecnici, il mio preferito in assoluto Diniego di Prestazione per lo Sviluppo Civile.

I personaggi che ci vengono raccontati sono molto ben caratterizzati, ricchi di sfumature e molto molto maturi malgrado le giovani età. La bravura di Rosalie (se mi leggi sappi che vorrei farti mille e una domande: come è nata questa idea? Quali sono i viaggi mentali che hai fatto mentre scrivevi? cosa hai imparato da ognuno dei tuoi personaggi? Posso leggere tutti gli appunti che hai preso su questa storia? …) sta tutta nel fatto che davvero è riuscita a distorcere la verità attraverso uno specchio deformante.

Mentre leggevo le gesta criminali del Corvo mi ricordavo di una scena di Person Of interest in cui Samin Shaw incontra il capo della fratellanza che gli dice che può unirsi a loro, ma lei risponde qualcosa tipo “il modo in cui combatti pesa quanto il motivo per cui lo fai.” Con questa idea mi sono addentrata in questo labirinto di specchi, e poi la verità ha preso forme diverse, quello che era non è stato più … Ho trovato tutto il percorso magnetico e affascinante!

Un’altra cosa che si è sottolineata da sola ai miei occhi: il contrasto tra la freddezza dei Raccolti che vivono ai piani alti, tutto molto…. asettico e scipito. Mentre invece i disgraziati del Pianterreno di contrasto conoscono e sfruttano il valore del calore e dell’affetto fisico/emotivo, ecco un’altra espressione che mi porterò dentro il cuore è “Cuore di Ratto”.

Vorrei raccontarvi tutto il mio amore per alcune scene in particolare, ma non posso perchè farei troppo spoiler e davvero non è giusto!
Logan,Sebastian ed Estelle in particolare è stato bellissimo conoscere voi tre, ognuno di voi mi ha dato moltissimo!
Robin e Bernadette grazie di essere come siete! Robin hai ragione, ed io non ci avevo mai pensato, le mucche sono animali fichi 🙂

Precedente 284 di 365 Successivo Alessia Esse L'amore di Audrey (Nel cuore di New York #4)