Matteo Bussola Notti in bianco, baci a colazione

Non fosse stato per il Book Jar Challenge mi sarei persa questa preziosa chicca. (Io lo dico che mi sono innamoratissima di Matteo Bussola *__*)

30262879– Papà, – ha detto, – quando hai incontrato
la mamma, come hai fatto a sapere che era
la mamma?
– L’ho capito dopo circa dieci minuti.
– E da cosa?
– Quando ci siamo incontrati la prima volta,
si è sollevata i capelli dietro la nuca, sopra
la testa, e si è fatta uno chignon senza
neanche un elastico, solo annodandoli.
– E allora?
– E allora lí ho capito che lei aveva
disperatamente bisogno di un elastico.
E io dei suoi capelli.
Il respiro di tua figlia che ti dorme addosso sbavandoti la felpa. Le notti passate a lavorare e quelle a vegliare le bambine. Le domande difficili che ti costringono a cercare le parole. Le trecce venute male, le scarpe da allacciare, il solletico, i «lecconi», i baci a tutte le ore. Sono questi gli istanti di irripetibile normalità che Matteo Bussola cattura con felicità ed esattezza. Perché a volte, proprio guardando ciò che sembra scontato, troviamo inaspettatamente il senso di ogni cosa. Padre di tre figlie piccole, Matteo sa restituirne lo sguardo stupito, lo stesso con cui, da quando sono nate, anche lui prova a osservare il mondo. Dialoghi strampalati, buffe scene domestiche, riflessioni sottovoce che dopo la lettura continuano a risuonare in testa. Nell’«abitudine di restare» si scopre una libertà inattesa, nei gesti della vita di ogni giorno si scopre quanto poetica possa essere la paternità.

Questo libro è un diario che racconta la vita quotidiana di un padre/un compagno/un disegnatore di fumetti/un uomo nella sua totalità.
Matteo si racconta con semplicità. Ci permette di guardare la vita attraverso gli occhi delle sue bambine.

Ho sorriso, ho riso (le telefonate dai call center … vorrei avere io certi picchi di genialità!), mi sono fermata a riflettere….

“l’amore sono tanti”, “l’amore non si dice”, “il sentiero delle briciole”… Sono solo alcuni dei miei passaggi preferiti!

Mi si è rispolverata/ringalluzzita la voglia e il desidero di tornare a “respirare”scrivendo il mio diario con più costanza!

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è: (In realtà sono molti, perchè in ogni frammento c’è qualcosa che cattura e ….)
la felpa sbavata, l’elastico, l’ora di svegliare le bambine, le nottate di poco sonno, “la scatola” …..

Precedente Lo Stuzzichino del martedì #27 Successivo Aleksandr Voinov Skybound