Lisa Kleypas Una piccola magia (Friday Harbor #2)

16079252

“Quando Lucy Marinn aveva sette anni, accaddero tre cose: la sua sorellina Alice si ammalò, le fu assegnato il suo primo progetto per la fiera della scienza, e scoprì che la magia esisteva davvero. Per essere più precisi, scoprì di avere il potere di fare cose magiche. “

Ecco comincia con queste semplici parole una bella storia di cui gli ingredienti sono: il peggiore dei tradimenti, la ricerca della felicità e dell’amore, più di un pizzico di magia!
Sin da piccola Lucy scopre di avere una connessione magica con il vetro, quando è preda di una forte emozione il vetro fra le sue mani prende vita! Nelle sue mani il vetro è 

“Un’emozione che diventa visibile”

Lucy è cresciuta in una famiglia che, a causa di una malattia, ha sempre straviziato la sorellina Alice, concedendogliela sempre vita ed abituandola ad avere sempre la pappa pronta. Lucy non è mai riuscita a stabilire un vero contatto con i suoi fidanzati, che l’hanno sempre lasciata. Credeva di esserci riuscita con Kevin, ma lui un giorno, dopo 3 anni di relazione, le rivela di averla tradita con la sorella Alice.

Non perderò il mio tempo a dirvi che per me Alice è una Poveraccia Puttana, una di quelle persone che esistono e che speriamo sempre dio ce ne scampi e liberi dall’incontrarle! Ne lo sprecherò dicendovi che Kevin è il non plus ultra della stupidità infilata in un paio di pantaloni, e che il massimo che si merita è una sana dose di randellate sui testicoli! –.-

Posso invece stare qui a ciarlare di quanto mi sia piaciuto Sam Nolan: spiritoso, seducente, emotivamente ingabbiato nella sua paura di amare e lasciarsi amare. Lui con onestà ha sempre avuto un rapporto fisico con le donne, ma nessuna tensione emotiva. E quando per una serie di circostanze si ritrova a vivere con  Lucy una stretta intimità, gli piace e sente che lei potrebbe essere qualcosa di più, ed il bello è che nonostante ne sia terrorizzato ne al contempo assolutamente ed irrimediabilmente attratto. E poi sinceramente come posso non innamorarmi di lui quando dichiara

“È una questione di sesso… sesso con la tua mente, sesso con la tua anima, sesso con il colore dei tuoi occhi, con l’odore della tua pelle. Voglio dormire nel tuo letto. Voglio che tu sia la prima cosa che vedo la mattina e l’ultima che vedo la sera. Ti amo come non avrei mai pensato di poter amare nessuno.“

il particolare da non dimenticare, il gioco ideato da @anncleire  http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ In primis avevo scelto una maglietta con stampata la tavola periodica degli elementi, ma poi ho deciso che preferisco Scandalo a Filadelfia con Cary Grant e Katharine Hepburn ….Leggete il libro e capirete perchè 😉

 

Precedente Una piccola magia #2 Successivo I still haven’t read #11