L’imbarazzante piacere del TuttoTondo MedOrMad

Non sono sparita, semplicemente sono rimasta appollaiata sul comodo divano che ho sistemato in questa mia stanzetta virtuale, tutte le volte che mi son potuta defilare dalla vita reale. Che mai hai fatto?

Intanto continuo ad accumulare libri che desidero assolutamente leggere tipo subito, ma che ahimè stanno lì e mi guardano sconsolati perchè lo sanno che i tempi di attesa con me sono BASTARDI (-.-)
C’è il #PABThief alla seconda settimana, settimana che io ancora non ho iniziato (e qui trovate il primo recap), ed ho accantonato un attimo il libro d’inglese di questo momento (che fra l’altro è pure uno history che in italiano mi sarei bevuta in un giorno,al massimo due –.-)

Ho cercato di recuperare la 5 stagione di White Collar

    

Missione felicemente portata avanti finchè non ho deciso d’incappare nella fanfiction, e ne sono stata risucchiata, davvero finchè non ho letto l’ultimo rigo dell’ultimo cap non sono riuscita a smettere

L’imbarazzante piacere del TuttoTondo 

Med ha 24 anni e non ne fa una giusta. Porta avanti una relazione di sesso con un soggetto di discutibile fascino, è 2 anni fuori corso ad una facoltà che non ha intenzione di terminare, è sovrappeso ed è pure stronza. O forse è solo socialmente inadeguata.
Ma più di tutto è persa: nella collana di errori che l’hanno portata a questo punto, ha dimenticato chi voleva essere.
Con Med ci sono Bet e Jules, le persone che di lei sanno tutto. Un trio improbabile, con l’eleganza oratoria di un gruppo di scaricatori di porto, che passa la metà del tempo a prendersi in giro e parlare di sesso. L’altra metà del tempo, però, si completano a vicenda.
All’apice della stronzaggine di Med, arriva lui: un po’ arrogante, impiccione e con un’ossessione – a quanto pare – per il grosso culo di lei.
Una storia di affetti, ridicoli avvenimenti, sesso e parolacce: perché a 24 anni la vita è anche quello.
E anche le ciccione, stronze e infelici fanno sesso. A volte.
Dal Testo:
“Che…che…che cosa vuol dire?” balbetto inebetita.
“Vuol dire che da oggi io e te avremo tantissimo tempo per fare l’amore in ogni stanza della casa.” mi risponde lui, facendomi l’occhiolino.
Questo mi manda ancor più fuori di testa.
“Tu sei tutto scemo! Io starò con la Amish che non si lava, non con uno la cui priorità è il proprio pisello!”
Lui mi fissa smarrito e, suppongo, anche un po’ divertito.

Autore: MedOrMad | Pubblicata: 10/06/12 | Aggiornata: 17/07/13 | Rating: Arancione
Genere: Commedia, Introspettivo, Romantico | Capitoli: 14 | In corso
Tipo di coppia: Het | Note: Nessuna | Avvertimenti: Nessuno
Categoria: Storie originali
> Romantico | Contesto: Contesto generale/vago

(tra l’altro di codesta autrice avevo già parlato Qui) Intanto Alex, il protagonista maschile, il coinquilino, il figo che qua e la butta la frase inglese che attizza le ovaie, quello capace di ridere di se stesso, il maschio alfa che vien voglia di farsi sempre sempre, che ogni tanto (come ogni essere di sesso maschile) si comporta come una discreta testa di cazzo …. 

Med, la protagonista, è una ragazza con uno smisurato cattivo gusto per i pigiami, con la giusta convinzione che ogni attività lecita debba cominciare dopo le 10 del mattino, e purtroppo per lei con una stima talmente sotto terra da trascinarsi in una squallida pseudo relazione di sesso scarso con un tipo pessimo.
Per tipo tutto il tempo il mio desiderio è quello di prenderla a calci nel culo, davvero Med è troppo! E non lo dico per la sua inadeguatezza sociale, che con lei condivido a pieno, e nemmeno per la sua insicurezza di donna pagnottella, che anche con lei questo condivido …..Lo dico perchè è una che si analizza fino all’infinito, che sa la radice del male, ma non l’affronta. E come sempre succede quando non affronti i problemi arriva i momento in cui questi diventano, ai nostri occhi,mostri invalicabili.
E poi però non riesco a farmela stare davvero sulle palle, perchè è solo una ragazza che a forza di fare contenti tutti, e contar palle, prima di tutto a se stessa, ha smarrito la strada giusta per lei. Med è un pò tutti noi, che piaccia o meno, con le insicurezze e inadeguatezze che la caratterizzano alla fine vien solo voglia di schiaffeggiarla con il cuore, e di farle trovare la ragione ….Perchè è cosa nota che costa fatica essere la persona che si vuole davvero essere, però una volta trovata la strada giusta hai vinto!
Tra scene che fanno morire dal ridere, con il contorno di belle persona da leggere, L’autrice ci intrattiene e sul finale ci fa venir voglia di schiaffeggiare anche lei, perchè ne vogliamo leggere di più! Perchè questa FF crea una piacevole dipendenza. La perfetta e frustrante tensione sessuale fra Med ed Ale…. e la colonna sonora (almeno fino a questo capitolo, ma giustamente in continuo aggiornamento immagino)

Insomma assolutamente da leggere!!!

Ci si legge amici :**

Precedente I still haven’t read #15 Successivo I still haven’t read #16