L.A. Witt Pioggia (Rules of Engagement #2)

Li avevo lasciati

Mi infilai la chiave in tasca e sorrisi. Un attimo prima di baciarlo, dissi: “Ti aspetto.”

Li ritrovo due anni dopo affiatati e persi l’uno nell’altro come il primo giorno!

23579687 Sono ormai due anni che Brandon Stewart e Dustin Walker stanno insieme, da quella fatidica partita a biliardo che li ha fatti conoscere. Non è stato facile, per Dustin, fare coming out con la propria omofobica famiglia e ammettere i propri sentimenti per Brandon, ma ora i due progettano di sposarsi. Finché il fratello di Dustin, Tristan, non si rifà vivo sperando di riallacciare i rapporti, e Brandon incomincia a chiedersi se non ci sia un modo anche per lui di far pace col proprio fratello. Sono sedici anni che Brandon non vede Russell: sarà bastato un silenzio così lungo a rimarginare le ferite?

Stavolta voce narrante Brandon.
In 11 capitoli abbiamo la visione della loro vita e dei loro progetti. In 11 capitoli tocchiamo con mano il dispiacere di Brandon per il rapporto perduto con il fratello, il dolore e la rabbia per quella sciocca e stupidissima convinzione che l’amore fra due uomini non è naturale, che tutte le stronzate del mondo vanno bene solo se sei eterosessuale altrimenti no non è accettabile e nemmeno concepibile 
*inserire gif di me che alzo ripetutamente gli occhi al cielo per queste assurdità!*
Tocchiamo con mano quell’idea di altri che “va bene io ci provo a riallacciare i rapporti con te che sei mio fratello ma non riesco a capire e ad accettarti completamente co sto fatto che sei gay! Quindi torniamo a frequentarci ma tu mi raccomando non ricordarmi che ami un altro uomo invece di una donna” *inserire gif di me che sbatto padellate in testa tipo Rapunzel con il povero Flynn Rider*
(ehhhhhhh la stupidezza umana -.-)

Solo 11 capitoli ma lascio Brandon&Dustin innamorati e felici insieme, a dispetto dell’ignoranza e del bigottismo. E’ stato bello conoscerli!

Precedente L.A. Witt Le regole del gioco (Rules of Engagement #1) Successivo (video) Lo Stuzzichino del martedì #22