Jaime Samms Una famiglia accogliente

31935591 Cresciuto in affidamento, Kerry Grey ha poca autostima e ancora meno speranze per il suo futuro. Abbandonata l’università, sopravvive con un lavoro part-time in un vivaio. L’amicizia con il suo capo e lavorare con le piante sono quanto di più importante ha nella vita. Frequenta l’uomo che a scuola lo prendeva di mira con atti di bullismo, ma dopo che il suo amante lo abbandona a una festa, Kerry si ritrova a vagare lungo la spiaggia per affogare i dispiaceri in una bottiglia di scotch.
Malcolm Holmes e Charlie Stone stanno insieme da quindici anni. Nonostante Charlie desideri accettare la dominazione di Malcolm a letto, anche se non l’hanno mai formalizzata, nel loro rapporto sembra mancare qualcosa. Una mattina presto, salvano Kerry, che rischia di essere portato via dalla marea dopo essere svenuto. Charlie intuisce subito uno spirito affine nel giovane perduto. Quando il coinquilino di Kerry lo butta fuori di casa, Malcolm e Charlie lo invitano da loro. Mentre Charlie e Kerry creano un legame grazie al giardino di Charlie, Malcolm vede Kerry come la persona che stavano cercando per completare la loro vita. Tutto quello che devono fare è mostrare a lui, e dimostrare l’uno all’altro, che la tendenza a sottomettersi di Kerry si inserisce bene nella loro dinamica.
Ma qualcuno ha preso di mira il ragazzo. Mentre lotta per scoprire il colpevole, Kerry teme per la sicurezza dei suoi nuovi amici. Se Malcolm e Charlie non riusciranno ad aiutarlo, la loro ricerca del terzo uomo perfetto non potrà terminare con il lieto fine che immaginavano.

Era impossibile. Non si poteva venire e piangere nello stesso respiro. E non avevo motivo di piangere. Quelli erano i due uomini più belli del mondo e volevano me, mi stavano guardando. Ero capitato nel Paese delle Meraviglie. Tutto quello a cui riuscivo a pensare era che Lissa aveva ragione. Loro non mi appartenevano. Appartenevano l’uno all’altro, e io ero solo un divertimento temporaneo.
Un figlio temporaneo.
Un mezzo per incassare uno stipendio facile dallo Stato.
Un coinquilino temporaneo.
Una scopata occasionale e disprezzata.
La mia erezione si afflosciò.
Spinsi la schiena contro il muro di piastrelle e fissai Malcolm. Volevo supplicarlo di andarsene, di nuovo. Che mi permettesse di riprendere il controllo.
Invece, mentre apriva la porta della doccia, chiudeva l’acqua, e mi avvolgeva un grosso asciugamano sulle spalle, non dissi nulla. “Sto bene,” mormorai

Comincerò proprio d questo passaggio, che secondo me è anche uno dei momenti più belli di tutta la storia!

É stato più facile affezionarsi a Kerry (all’apparenza fragile ed incapace di badare a se stesso, che per non sentirsi più solo si butta via in un rapporto che non gli da nulla di nulla … Che non sa vedersi per il tesoro che è realmente, che sa di essere forte ma ha bisogno di “servire”, che vive l’eterna sensazione di essere temporaneo e non avere nessuno di stabile. Mi è piaciuto del suo cammino che ad un certo punto ha dovuto accettare che non era solo di passaggio nella vita delle persone, che c’è chi gli vuole davvero bene, che non è solo!

Malcolm&Charlie, una coppia di lunga data, un amore lacero nonostante la sua forza, un amore sull’orlo del precipizio.
Presi singolarmente: Charlie vive la sottomissione a Malcolm solo perchè lo ama profondamente. Ama il giardinaggio (passione che condivide con Kerry), è un’artista fotografico e…. Si spreca a fare l’assistente per una stronza malefica. Ecco questo ai miei occhi è già la prima crepa!
Malcolm dal canto suo è Dom più che altro perchè ha bisogno, secondo me patologico quasi, di tenere tutto sotto controllo. Ho amato profondamente la sua fragilità. L’apparente forza che sta nel costruire muri e nell’indossare maschere ed incolpare gli altri per nascondersi da se stesso. E perdersi finchè si diventa ciechi nel vedere/sentire ciò di cui ha davvero bisogno l’uomo che ami profondamente!

Kerry che rappresenta per loro quel verso di canzone di Battisti che dice “un angelo caduto in volo….”,  perchè ha sottolineato le crepe del loro amore certo, non ha avuto pudore a sottolineare, che invece di mettercisi in mezzo e devastarli definitivamente li aiuta a riprendere mano nella mano il cammino. (Consapevole ed intimorito, di non trovare posto all’interno di questa dinamica una volta che l’amore fosse guarito….)

Ci sono elementi di BDSM all’interno della storia, ma secondo me non hanno assolutamente nessuna connotazione veramente sessuale, è più un prendersi cura l’uno dell’altro, a maggior ragione lo dico quando ad un certo punto Malcolm dovrà fare i conti con i muri e le maschere (non posso dire altro perchè quello è un momento assolutamente da vivere insieme ai protagonisti, posso dire però che è il mio momento PREFERITO di tutta la storia, quello in cui il lettore dice ok questo amore ce la farà!!! Il momento in cui mi sono innamorata più profondamente di Malcolm).

Un vero e proprio camino emotivo in cui alla fine imparano a lasciare andare “io e mio” ed abbracciano “noi e nostro”

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è (cito Malcolm) “una paio di pantaloni alla volta” 

Nota a piè pagina: mentre scrivevo di questo libro in cuffua mi sono lasciata accompagnare da questa playlist https://t.co/gKYBD6bRFf (fra le mie amatissime), e secondo me ci sono molti brani che si sposano alla perfezione con questa bellissima Threesome 😉

Precedente La Pillola #9 Successivo Fangirlday #6 Due piccioni con una fava! ( ͡° ͜ʖ ͡°)