Irene Pecikar – Amore, Parigi e un gelato al pistacchio

2015 Reading Challenge: 4 Un libro pubblicato quest’anno

25580585

 

L’amore è guardare un film romantico mangiando un gelato al pistacchio ricoperto di nutella con una spruzzata abbondante di panna. È questo che pensa Samantha, certa che un buon gelato possa risolvere ogni cosa e che Parigi non sia affatto la città dell’amore. Samy di storie ne ha avute, e tutte l’hanno delusa. Ma se un giorno incontrasse il ragazzo di cui era innamorata al liceo e lui iniziasse a corteggiarla? E se Lorenzo, il suo migliore amico, fosse invece certo che cedere alla sua vecchia fiamma sia l’errore più grave che Samy possa fare? Come si può capire qual è la strada giusta da percorrere per trovare il proprio lieto fine?Tra yoga, training autogeno e i consigli di un prezioso guru milanese, una mamma invadente, una cugina insopportabile e un ritorno di fiamma, si snoda una storia d’amore e di amicizia farcita di romanticismo per un buonumore assicurato.

Per la serie “pomeriggi d’amore” su canale 5  questa storia è di pari intrattenimento! Libro entrato prepotentemente fra le mie cose da leggere solo soltanto per il titolo, difatti ho letto la trama solo adesso che cerco di scrivere il mio pensiero.

Tanti cliché mescolati insieme:
i genitori separati = padre abbastanza assente, madre molto apprensiva.
Cuginetta odiosa, che la COMBINA (ma poi la perdoniamo, nel senso che visto che tutto va a posto non le sfracassiamo la padella sulla testa ecco).
Il migliore amico gay (voglio un racconto su Lorenzo che è il mio preferito *___*).
La perfida rivale in amore, che fa la fine di una meteora (così impara la fetente!)
Il guru maestro di yoga.
Persino il terzo incomodo decisamente troppo stalker per i miei gusti.
Il principe azzurro delle favole (o quasi)
Perfino cani e gatti che vanno d’amore e d’accordo!….
Il tutto sapientemente mescolato dall’autrice da vita ad una storia piacevole e disimpegnata. Un mix d
olce e romantico quanto basta, un pò commedia (degli equivoci anche) Samantha ci intrattiene raccontandoci se stessa e le sue peripezie. Un pizzico di Samy è in ognuna di noi ho pensato tutto il tempo, ecco perchè è facile volerle bene. Nonostante la sua cocciutaggine, sul serio una persona normale prima di fare due più due sull’ipotetica, apparentemente certissima, FREGATURA data da quel meraviglioso principe azzurro di nome Alex, ci avrebbe fatto due chiacchiere – magari tirando qualche piatto per aria,  ehhhhh ma allora finiva subito la storia giusto? Giusto!

La storia si svolge al presente intervallata da ricordi del passato, tra Milano – Parigi e la meravigliosa Calabria, la descrizione dei luoghi mi è piaciuta molto difatti ho preso nota nel mio taccuino viaggi di andare a visitare le cascate di Pietracupa (Parigi è annotata da secoli ed a Milano ci sono già stata) 😉

Il finale è molto alla Tata Francesca, all’insegna delle rivelazioni -una roba alla “triplo wow” , parola di Samy 😀 ,e dei chiarimenti. Del questa volta l’amore non me lo lascio scivolare via dalle mani e… tutti vissero felici e contenti!

Secondo il gioco ideato da @anncleire  http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare: braccialetti brasiliani

Precedente Kade Boehme Il timido e il porta guai Successivo Sono un disastro! Una Pasticciona! .... Ma qualcosa la imparo anche!