Cat Grant La prima cosa vera (Icon Men #1)

Di quelle letture che quando stai un po in crisi ti prepari na bella caraffa di te (magari con pasticcini) e ti rilassi a leggere 🙂 !

31621048Cameron è l’escort più richiesto di New York. Ha una sola regola: mai lasciar entrare nessuno. Ma quando adesca il pubblicitario Trevor Barclay al bar di un hotel, il sorriso timido dell’uomo e i suoi occhi verdi fanno dimenticare a Cameron tutte le sue regole.
I loro incontri appassionati lasciano Cameron scosso, senza fiato… e innamorato per la prima volta nella sua vita.
Ma come può dire a Trevor che il primo uomo con cui sta dopo sedici anni vende il proprio corpo per vivere?

C’era una volta questo bel figheiro di nome Cameron seduto al bar in attesa del cliente, perchè Cameron è un prostituto, e per un malinteso incrocia sulla sua strada Trevor!
No Trevor non è un cliente, ma solo un uomo divorziato e con un figlio quasi adolescente che ancora non ha fatto coming out. Il loro primo incontro ha più il sapore di un appuntamento al buio, ma questo Cameron lo capirà in un secondo momento.

Da questo malinteso nasce la storia, una nuova prospettiva di vedere le cose. Per Trev (che farà coming out e comincerà ad esplorare la sua sessualità insieme a Cameron), e per Cameron (che vedrà la solitudine del suo stile di vita e per la prima volta dopo tanto tempo sperimenterà il piacere di essere trattato come uomo e non come “macchina del sesso”.)

Ovviamente non è mica una passeggiata raccontare ad un uomo che ti piace davvero davvero che per vivere fai la “mignotta”, perciò Cameron s’impelaga a raccontare frottole per non far saltare la verità. Ma ci si sa le bugie hanno le gambe corte….

Trev mi è piaciuto per questa sua timidezza dolce, per questa sua gioia fanciullesca nell’abbracciare la sua vera sessualità. Cameron invece mi ha fatto sorridere anche più di una volta per questa sua spavalderia esperta, alla Richard Gere in “american gigolò”, e poi ci casca come un fessacchiotto.
Cameron affascina e intriga subito, si sa vendere e raccontare bene e inevitabilmente noi lettori non possiamo non tifare per il suo lieto fine! Unico momento, in tutta la storia, che ho trovato leggermente “forzato” è stato la prima litigata

La nota a piè pagina è per Mike, Michelle nei fine settimana, l’amico di Cameron. Mi ha conquistato subito e sono super curiosa di leggere il suo libro
Invece per il particolare da non dimenticare, secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ scelgo questo quote (prima volta che un uomo entra nella camera da letto di Cameron 😉 )

….<<scopiamo?>>
<<Facciamo l’amore,>> replicai con fermezza. era la verità, no? Tutte le altre notti con quegli altri tizi erano soltanto voci sul mio conto bancario. Non significavano nulla. Ma quello invece significava tutto….

Precedente Renae Kaye Al sicuro tra le sue braccia (Safe #1) Successivo Lo Stuzzichino del martedì #35