ANTEPRIMA RECENSIONE Con Riley Salvare Sean (Seattle Stories #2)

null Quasi un anno dopo essere stato rifiutato per un altro, il paramedico di Seattle Peter Morse soffre ancora, ma quando l’uomo che lo ha respinto gli chiede un favore, acconsente. La sua missione: rintracciare Sean Reid, il fratello in fuga di un’amica comune. Peter non ne è entusiasta, finché non trova Sean ferito sul ciglio della strada.
Tutto in Sean suscita gli istinti protettivi di Peter – salvare la gente è quello per cui vive – ma non aveva previsto di perdere la testa per una persona così decisa a scappare. Oltre alle ferite fisiche, Sean combatte contro il dolore e il senso di colpa, e il caos che il padre eremita ha lasciato dopo la sua morte minaccia di sopraffarlo.
Salvare Sean vuol dire per Peter abbandonare il proprio orgoglio e rivolgersi ad amici e parenti. Chiedere aiuto è una pillola amara da ingoiare per Peter, ma se lui non riesce a farlo, come può aspettarsi che Sean accetti a sua volta il suo aiuto… e il suo amore?

Da dove posso cominciare?
La storia di due uomini che incrociando il loro cammino si salvano a vicenda. Con leggerezza, a tratti divertente, mai scontato e banale, coinvolgente e delicato come una carezza sul cuore. Racconta quanto può far male un genitore, quanto il bianco&nero è troppo spesso grigio, e quanto a volte essere pressati dalle preoccupazioni ci renda ciechi e insensibili al quadro generale. E cosa più importante racconta quanto sia bello il mettere in pratica il detto ” una mano lava l’altra e tutte e due lavano la faccia!” ,e quanto è bello dare/ricevere/coltivare la Speranza!


Dalla dolcezza e dal cuore BUONO di Peter e dal suo costante flusso di pensieri, dalla tenerezza che mi ha fa tutte le volte che mentre pensa il suo pensiero è già parola detta e questo lo rende un meraviglioso, e spesso divertente, libro aperto che non mi stanco mai di leggere!
Dal suo talento nel salvare le persone, nel prendersi cura di loro, della sua pazienza e del suo senso di solitudine, del suo bisogno di essere salvato.

Da Sean dal suo essere “piccolo” e bisognoso di aiuto e protezione,il suo bisogno di scappare ogni volta, alla testardaggine ed al coraggio che lo rendono un ragazzo già adulto e meritevole di rispetto!

Inoltre ho con piacere ritrovato Joel&Evan ed il fratello Aiden, Theo&Morgan, Maggie che nel primo libro mi era piaciuta a sto giro, con tutta la comprensione del caso, avrei voluto prenderla a schiaffoni. Torna Marco De Luca (*_____*)
e viene sapientemente gettato il seme che aprirà il terzo libro di questa serie, libro che spero avremo prestissimo perchè semplicemente lo voglio 🙂

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare: “il posto felice” di Sean 🙂

Precedente Cindy Sutherland Tutto quello che non vedevo Successivo K.C. Wells Una questione personale (Personal #1)