Anteprima Recensione Ava March Il suo cliente (His Client #1)

Per chi mi bazzica da un po è risaputo che ho un debole per gli history romance, anche se purtroppo non ne leggo più così tanti come una volta ahimè, se poi si tratta pure di un M/M diventa un #guiltypleasure irrinunciabile!!

cover500L’amore non avrebbe dovuto far parte dell’accordo…

A ogni visita al bordello di Madame Delacroix, Nathaniel Travers richiede lo stesso uomo. Incredibilmente bello e molto esperto, Jasper non condivide solo l’amore di Nate per i giochi erotici e i corsetti di pelle nera, ma è divenuto anche un confidente fidato. E Jasper è l’unico al mondo a sapere che Nate desidera ardentemente una relazione stabile con il suo amico d’infanzia, Peter Edmonton.
L’amore non corrisposto fa male, ma è ancora più doloroso quando il suo oggetto è innamorato di qualcun altro. Jasper Reed lavora da Delacroix da dieci anni. Ha risparmiato abbastanza denaro da potersi ritirare, eppure rimane nel decadente bordello londinese. Andarsene significherebbe abbandonare Nate, e abbandonare la speranza che, un giorno, il vigoroso gentiluomo smetta di desiderare il suo migliore amico e capisca di amare Jasper, tanto quanto Jasper ama lui.
L’imminente matrimonio di Edmonton incombe su di loro, costringendo Jasper a interrogare di nuovo il proprio cuore testardo. Però Jasper è un bastardo dedito alla prostituzione, mentre Nate il nipote di un visconte. Di sicuro non può esserci alcuna speranza per loro…

Racchiusa in 10 capitoli + l’epilogo una piccola chicca!

A) L’ atmosfera dal sapore erotico ma non porno (malgrado le descrizioni esplicite) ,a tratti decadente che ben si sposa con l’ambiente di un bordello,la solitudine quando Nate pensa (fra le sue varie riflessioni)

…Non era facile preferire gli uomini. Maledettamente difficile, a volte, e trovare altri uomini come lui lo era ancora di più….

Non dimentichiamo che è tutto ambientato nel 1822.
Il tutto poi sfuma dolcemente, sul finale, in una tranquilla e appagante serenità …

B) I personaggi si raccontano bene,ben caratterizzati, arrivano al cuore. La disperazione di Jasper nell’essersi innamorato di un cliente, che lo tratta come si da amico&confidente, un porto sicuro, un conforto, intesa sessuale perfetta….. La disperazione di Jasper dicevo me la sono riassunta in queste poche righe

…..Rimase a guardare mentre Nate usciva dalla stanza. La porta si chiuse…….in un angolo della stanza, lanciò un’occhiata nello specchio ovale. Le onde arruffate dei capelli scuri gli ricadevano sulla fronte. Le guance erano ancora tinte di una punta di rossore per l’orgasmo che Nate gli aveva fatto provare. E intorno alla bocca c’erano lievi macchie di rossetto…. l’immagine nello specchio gli aveva ricordato esattamente il modo in cui l’altro lo vedeva: una troia, e niente di più.

Facilissimo per me innamorarmi di questo personaggio, un uomo generoso e paziente e forte, orgoglioso ….E soprattutto quando costretto affronta le sue insicurezze.
E devo dire che Nate nella sua cecità di amare il suo migliore amico, che chiaramente è etero, mi piace pensare che Peter sapesse perfettamente dell’omosessualità, pur non affrontandolo mai… tranne forse

«Non hai quasi aperto bocca, stasera. Sembri un po’…» Peter fece un cenno con il bicchiere in mano, «preoccupato. Giù di corda.» La sua espressione si fece seria. «…….Nate, spero che ormai tu sappia di poter essere sincero con me.»

 di Nate e nonostante ciò gli sia amico sincero. Nate così cieco, testardo e fedele, abitudinari, dolce ….
Jasper&Nate due uomini belli dentro, perfetti l’uno per l’altro!

Secondo il gioco ideato da @anncleire http://pleaseanotherbook.tumblr.com/ il particolare da non dimenticare è Nate e il suo “Eureka”!

…..Quel pensiero fu come uno schiaffo in faccia, così forte che quasi incespicò all’indietro…..

Precedente Lo Stuzzichino del martedì #46 Successivo La Pillola #17